Ragionamenti del nano da giardino

 

  By: fultra on Mercoledì 09 Novembre 2011 21:15

Se ragioni così , il Manduria che beve Paolo B ( che peraltro ha fatto ipotesi sensate) è acqua minerale in confronto a quello che bevi te.

 

  By: Esteban. on Mercoledì 09 Novembre 2011 21:02

"E poi c'e' ancora qualcuno qua a parlare di Berlusconi. Ma chi se ne frega di Berlusconi." He ... Grazie tante ... Guarda che ti ci ha portato Lui in questo stato ...(lui e fedelissimi lecchini) senza di Lui, in questa situazione, mica ci arrivavamo ... E non siamo noi a dirlo, è tutto il pianeta che si chiede come abbiamo fatto ad eleggerlo ..

 

  By: Paolo_B on Mercoledì 09 Novembre 2011 21:01

svenderemo tutto. Per es. a me bonifiche ferraresi ha sempre intrigato. Ha 4,000 ettari coltivati, che alla quotazione attuale di borsa sono 30,000 euro all'ettaro, e in pratica non ha un centesimo di debito. Ma non la prendo ancora. Appena l'han venduta la prendo. Qui facciamo le 4 cifre di Anti. Per il lungo termine non è male per un cassettista avere già azioni secondo me, anche se c'è possibilità di significativo drawndown. Qualsiasi cosa succeda. Il qualsiasi però non è molto vario. Le ipotesi future sono poche: 1) potenziamento bancario su modello Soros e conseguente soluzione problemi dei bonds (che sarebbe la cosa più intelligente e veloce da attuare. Soros è proprio un genio); 2) Di fronte alla tragedia di una insolvenza italiana e degli altri piigs la germania accetta di monetizzare come han fatto gli USA e gli Inglesi (che è l'ipotesi che vogliono a wall street e per cui stan facendo questo casino); 3) I default accadono, si scioglie l'euro e tutta l'europa viene rimbalzata indietro nella storia all'anno 1945. Personalmente non credo molto all'ultima ipotesi. E' pura insensatezza. Ci permetterà pure di avere una moneta propria ma alla faccia del costo ! E' una soluzione del tipo torniamo all'età della pietra per evitare l'inquinamento. Grazie al beep. 4) per me il worst case scenario è proprio al massimo massimo un misto fra la 3) e la 4). I tedeschi, per la loro ossessione di non stampare, impongono haircuts sui debiti dei piigs insieme ad austerità, rafforzando pian piano il sistema bancario. Questo è il vero programma tedesco. Se riesce l'euro sostituisce il dollaro come riserva mondiale. Per questo wall street vuole esarcerbare le cose per non dare il tempo ai tedeschi di realizzare il piano. Altre ipotesi non riesco a vederle. Però è anche vero che sto per finire una bottiglia di primitivo di manduria accanto alla stufa. Magari se ritorno sobrio cancello tutto.

 

  By: antitrader on Mercoledì 09 Novembre 2011 21:01

"Io non voglio semplicmente essere derubato." derubato de che??? Sei tu che hai derubato i francesi che vendoro a 70 titoli pagati 100. Ohhhhh! Ma lo vuoi capire che quello che leggi su internet e' quasi tutta spazzatura???

ci vendete ENI a meta' prezzo? - Sir Wildman  

  By: Sir Wildman on Mercoledì 09 Novembre 2011 20:47

3. Il governo è in grado di illustrare nei dettagli i piani che intende attuare per procedere a una dismissione dei beni di proprietà statale? Il governo sta prendendo il considerazione l’idea di vendere quote azionarie di grandi aziende di proprietà statale? Gli stimati introiti di 5 miliardi di euro l’anno per i prossimi tre anni prenderanno in considerazione dividendi più bassi e spese più alte sugli affitti che ci si può aspettare in conseguenza di tali transazioni? --- La lettera dei 39 punti inviata dal Consiglio Europeo al governo italiano l'avevo letta ieri. Il punto che mi faceva veramente girare le balle e' questo. Hanno esplicitamente chiesto se hanno intenzione di vendere l'argenteria (e non parlo di qualche immobile superfluo, parlo di asset strategici). E poi c'e' ancora qualcuno qua a parlare di Berlusconi. Ma chi se ne frega di Berlusconi. Io non voglio semplicmente essere derubato. Potevano scriverlo esplicitamente: ci vendete ENI a meta' prezzo?

 

  By: antitrader on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:44

"questi a Roma non si stressano di certo per far quadrare alcunchè. " Sisi, quelli di Roma, e quelli nei "ministeri" a Monza che fanno??? Prendono per il cul la padania??? Ciao ragazzi!

 

  By: antitrader on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:42

Compagno, ma che stai a di'??? Che 1900 miliardi di debito non sono sostenibili me lo diceva anche la mia potinaia. Se non vogliamo ingerenze c'e' una sola via, ricomprare il debito in mano a francesi e tedeschi (anche i cinesi ne hanno un bel pacco). Secondo te i francesi dovrebbero anche digerire il cavaliere che va ai convegni internazionali e dire che siamo i piu' ricchi di tutti? E che cazzzz, Siamo ricchi? allora paghiamo i debiti. Se poi aggiungi la cialtroneria senza limite allora il quadro e' completo, oggi i vari cicchitto, romani (quello di colpo grosso) etc... erano scatenati a raccontare che il crollo di oggi domostra che non dipendeva dal cavaliere in quanto si e' dimesso. Si e' dimesso un c....! Quello crede di poter imbrogliare l'universo mondo (non solo i suoi ultra'), vedrai che ridere quando arrevera' il maxiemendamento, Come minimo ci trovi dentro il processo morto, la prescrizione sprint piu' altre amenita' salvamediaset (praticamente fallita). Il mercato lo ha capito benissimo e PRETENDE che vada fora di ball a velocita' della luce.

 

  By: fultra on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:33

Ho scorso un poco il diktat postato da Zibordi , a discolpa di chi lo ha emesso potrei ammettere che se "ai nostri" non dai per bene i compitini da fare a casa, poi finisce come ha mostrato la Gabanelli a Report : questi a Roma non si stressano di certo per far quadrare alcunchè. Penso che ad esser colonia tedesca , allo stato di come siam ridotti ci sarebbe solo da guadagnare.

 

  By: Gano* on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:31

Muoia Sansone con tutti i Filistei. Si salti per aria noi con tutte le banche tedesche e francesi (e quindi con Francia e Germania). Ora ho capito perche' quando si decise di fare l' euro gli americani non ci mandarono i B52. Rimasi infatti molto sorpreso che ce l' avessero consentito. Ora finalmente ho capito: sapevano come sarebbe andata a finire.

 

  By: muschio on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:25

Il commento di Zibo è sottoscribile in toto. D'accordo, come italiani non siamo dei stinchi di santo, ma qui c'è del neocolonialismo.

 

  By: fultra on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:18

A voi non so, a me pare di vivere un incubo , come italiano s'intende , perchè personalmente mi verrebbe da sbattermene visto che "han fatto tutto loro". E qui ci metto tutti coloro che avevano in mano una parte di comando affidatagli dall'elettorato negli ultimi 30 anni.

 

  By: Paolo_B on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:17

Deltazero, che colpa ne ha la bandiera ? La situazione è una conseguenza dei nostri che non hanno saputo, pdl e pdmenoelle insieme, realizzare le riforme in italia per far crescere il pil. Uno preoccupato di salvarsi dai processi e gli altri, nei rari momenti in cui non pensavano a berlusconi, che nel 2009 invocavano più spesa pubblica - debito - per far riprendere l'economia. Tutti insieme invece a votarsi gli stipendi, pensioni e a piazzarsi le amanti di qui e di là.

 

  By: deltazero on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:09

se brucio la bandiera europea mi mettono dentro?

 

  By: Paolo_B on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:06

a parte il chiaro commissariamento che umilia meritatamente la nostra classe politica, la cosa invece più importante è un'altra. Non c'è alcun contenuto di per sé in grado di sistemare la situazione attuale. Credono che l'economia si riprenda o che tutti si mettano a comprare btp togliendo orari ai negozi e liberalizzando il lavoro di tassista e gondoliere ? O fanno al volo quello che ha detto Soros o qui si fa la storia surclassando il 29.

la lettera-diktat - GZ  

  By: GZ on Mercoledì 09 Novembre 2011 19:01

Questa è la ^lettera-diktat del "Consiglio Europeo" al governo italiano#http://www.lettera43.it/upload/files/questionario_ue_l43.pdf^. Non si farebbe prima a chiudere Parlamento, Senato, Presidenza del Consiglio e Presidenza della Repubblica e nominare alcuni tributaristi, ragionieri e esperti legali che prendono le direttive del "Consiglio Europeo" e le applicano ad una ad una ? Mettiamo che domani si voti, poi cosa cambia visto che tutto quello che deve fare un governo italiano è dettato provvedimento per provvedimento con già dentro i numeri dall'estero --------------- Richiesta di chiarimenti relativi alla lettera indirizzata dal primo ministro Silvio Berlusconi al presidente del Consiglio europeo e al presidente della Commissione europea Domanda generale: 1. Per favore fornite una versione postillata della lettera che indichi, per ciascun provvedimento/misura se: i. È già stato varato, e in caso di risposta affermativa indicare i progressi ottenuti tramite la sua attuazione; ii. È già stato adottato dal governo, ma non ancora da Parlamento; in caso di risposta affermativa chiarire i tempi necessari all’approvazione da parte del Parlamento e alla sua entrata in vigore; in caso contrario, iii. È un nuovo provvedimento: in questo caso fornire un piano d’azione concreto per l’adozione e la sua applicazione, comprensivo di scadenze e di tipologia dello strumento legislativo che il governo intende utilizzare. Si prega di indicare anche, ove appropriato, l’impatto stimato sul bilancio di ciascun provvedimento/misura e i mezzi con i quali lo si finanzierà. Finanze pubbliche sostenibili 2. La lettera conferma l’impegno del governo nei confronti di un consolidamento fiscale programmato e ammette la necessità di una immediata azione aggiuntiva correttiva “qualora il deteriorarsi del ciclo economico portasse a un peggioramento del deficit”. Ciò per noi equivale a dire che saranno adottate ulteriori misure di consolidamento non appena dovesse palesarsi una minima deviazione rispetto all’iter fiscale tracciato. Poiché noi riteniamo che nell’attuale contesto economico la strategia fiscale programmata non garantisca il raggiungimento di un pareggio di bilancio entro il 2013, si renderanno necessari ulteriori provvedimenti per raggiungere gli obiettivi fissati per il 2012 e il 2013. Si stanno predisponendo sin d’ora a tal fine delle misure aggiuntive? Se è così, di che tipo di misure si tratta? Potrebbero esse assumere la forma di ulteriori tagli alla spesa pubblica, sulla base dei risultati ottenuti da un’accurata revisione della spesa? 3. Il governo è in grado di illustrare nei dettagli i piani che intende attuare per procedere a una dismissione dei beni di proprietà statale? Il governo sta prendendo il considerazione l’idea di vendere quote azionarie di grandi aziende di proprietà statale? Gli stimati introiti di 5 miliardi di euro l’anno per i prossimi tre anni prenderanno in considerazione dividendi più bassi e spese più alte sugli affitti che ci si può aspettare in conseguenza di tali transazioni? 4. Il governo è in grado di delineare un piano di riduzione del debito lordo che le autorità intendono lanciare a partire dal 31 dicembre 2011, con l’assistenza della commissione ad hoc e di alto livello di cui si parla nella lettera? Quali misure si stanno contemplando, oltre e in più rispetto all’entrata di 5 miliardi di euro l’anno derivanti dalla vendita di asset, di cui sopra? 5. Nella lettera, il governo descrive l’impatto dell’attuale legge pensionistica, inclusa l’applicazione, anticipata e decisa di recente, di un collegamento automatico all’aspettativa di vita e di un livellamento graduale dell’età pensionistica per le donne nel settore privato che, in base alle proiezioni disponibili per l’aspettativa di vita, dovrebbe portare a 67 anni entro il 2026 l’età obbligatoria per le pensioni di vecchiaia. Tuttavia, l’età della pensione per le donne nel settore privato resterà inferiore a quella degli uomini per molti anni a venire (contrariamente a quanto accadrà nel settore pubblico). Oltre a ciò, nei prossimi anni le norme che regolano l’andata in pensione consentiranno di fatto di farlo in età ancora relativamente giovane. Il governo sta studiando – per poter affrontare e risolvere queste lacune della recente riforma – dei provvedimenti adeguati, per esempio una restrizione ulteriore dei criteri di esigibilità della pensione di anzianità, o addirittura una loro abrogazione totale, e una più rapida transizione verso il livellamento tra i generi dell’età pensionistica standard? 6. Nella lettera si ribadisce l’ambizione a introdurre nella Costituzione la regola del pareggio di bilancio, ma non ci sono riferimenti di sorta a uno strumento legislativo collaterale che è per altro necessario a rendere tale norma operativa e coerente con quanto prevede l’UE in tema di bilancio. Qual è la scadenza prevista per tale strumento legislativo secondario? Come garantirà di essere conforme a ciò che prevede l’UE in tema di bilancio? In particolare: il governo prende in considerazione l’“approccio asimmetrico” quando deve occuparsi di cicli (deviazione rispetto all’obiettivo del pareggio di bilancio consentita soltanto in fase negativa), al momento esposto nella proposta di emendamento costituzionale riguardante il bilancio pubblico che dovrà essere sempre coerente e soddisfare i requisiti di debito dell’UE e il raggiungimento dell’MTO (Medium Term budgetary objective)? È previsto a tale proposito un fondo aggiustamenti (“control account”) per valutare i costi di transazione expost con una chiara clausola che controbilanci l’accumularsi di tali slippage in un arco di tempo ben definito? È prevista una regola di spesa che integri a livello operativo il requisito del pareggio di bilancio? Come sarà attuato il requisito di pareggio di bilancio a livello di governi sottonazionali (regionali e locali, NdT)? Quali istituzioni/meccanismi di monitoraggio sono previsti a tal fine? Si prega di prendere nota che i servizi della Commissione sono disponibili a fornire assistenza tecnica per tutte le domande di cui sopra. 7. Con la riforma fiscale e dell’assistenza sociale, come intende il governo spostare l’onere fiscale dal lavoro ai consumi e alla proprietà immobiliare? Il governo sta forse prendendo in considerazione di reintrodurre l’ICI, o tassa di proprietà sulla prima casa? Creazione delle condizioni strutturali favorevoli alla crescita Fondi strutturali 8. In che modo l’Italia intende accelerare l’assorbimento dei fondi UE? In particolare: quali misure si prevede di varare per migliorare la capacità amministrativa nelle regioni della Convergenza? 9. In che modo il governo pensa di aiutare le regioni che di recente si sono viste sospendere i finanziamenti UE per scarsi adempimenti? 10.Il governo sta predisponendo di concentrare la spesa dei finanziamenti UE per l’educazione, la banda larga, le ferrovie. In quali aree il governo ha previsto di ridurre i finanziamenti per controbilanciare questi? 11.Quali saranno le implicazioni per il budget della revisione strategica pianificata per i programmi cofinanziati dai fondi strutturali dell’UE per il 2007-2013? Qual è il tasso di riduzione del cofinanziamento nazionale previsto dal governo? 12.Il governo può fornirci maggiori dettagli sul programma Eurosud per lo sviluppo del Mezzogiorno? Quali sono le garanzie messe in atto per assicurare che i fondi saranno utilizzati in modo appropriato e in conformità con le intenzioni politiche? Capitale umano 13. Quali caratteristiche avrà il programma di ristrutturazione delle singole scuole che hanno ottenuto risultati insoddisfacenti ai test INVALSI? 14.Come intende il governo valorizzare il ruolo degli insegnanti nelle singole scuole? Quale tipo di incentivo il governo intende varare? 15.Il governo potrebbe fornirci ulteriori dettagli su come intende migliorare ed espandere l’autonomia e la competitività tra le università? In pratica, che cosa implica la frase “maggior spazio di manovra nello stabilire le tasse di iscrizione”? 16.Per quanto riguarda la riforma dell’università, quali misure e quali provvedimenti devono essere ancora adottati? Mercato del lavoro 17.Quali misure concrete sta prendendo in considerazione il governo per promuovere l’occupazione dei giovani e l’occupazione femminile? Il governo sta prendendo in considerazione di intervenire nell’ambito degli accordi e dei contratti esistenti o sta programmando di introdurne di nuovi? In questo caso, che tipo di accordi e contratti prevede di introdurre? 18.Come funzionerà il “credito fiscale per le imprese che offrono lavoro nelle aree più svantaggiate”? Quali aziende ne avrebbero diritto? Si tratterebbe di una misura temporanea o permanente? 19.Per quanto riguarda le previste “nuove norme di licenziamento per ragioni economiche nei contratti di assunzione a tempo indefinito”, interesserebbero la legge che dispone licenziamenti individuali o collettivi? Quali parti della legge il governo sta pensando di rivedere e correggere, e in quale modo? In quali modi concreti la nuova legislazione contribuirà ad affrontare la segmentazione del mondo del lavoro tra lavoratori a tempo indefinito protetti e lavoratori precari? E a questo proposito, esistono piani volti a ridurre l’alto numero (46) delle tipologie di contratto di lavoro oggi esistenti? 20.La prevista applicazione di condizioni più rigide nell’uso di contratti parasubordinati implica cambiamenti dei tassi di contribuzione all’assistenza sanitaria-sociale o anche alle leggi sul lavoro? Se si prevedono cambiamenti anche in questi ultimi, saranno graditi ulteriori dettagli sulle revisioni specifiche che il governo intende introdurre. 21.Nella dichiarazione del summit dei paesi dell’euro del 26 ottobre 2011 si parla espressamente di “impegno […] a rivedere il sistema dei sussidi di disoccupazione oggi molto frammentario entro la fine del 2011, prendendo in considerazione i vincoli di budget”, ma di questo non si fa parola nella lettera. Quali intenzioni ha dunque il governo italiano a questo proposito? Competitività 22. Come intende il governo rafforzare gli “strumenti di intervento dell’Authority per la concorrenza con l’obiettivo di evitare la mancanza di coerenza tra la promozione di una situazione di concorrenza paritaria e le regolamentazioni a livello regionale e locale”? 23.Per quanto riguarda la legge annuale sulla competitività, la lettera sottolinea che tramite strumenti legislativi diversi dall’adozione di questa legge annuale si sta pensando di regolamentare il settore della distribuzione dei carburanti e il settore dell’assicurazione obbligatoria degli autoveicoli. Ciò equivale a dire che la legge sulla competitività stessa, che già copre i servizi postali e i trasporti (per esempio le ferrovie, le autostrade e gli aeroporti), nonché la distribuzione dell’energia elettrica, non sarà adottata? 24.La lettera parla di “misure atte a rafforzare l’apertura delle professioni e i servizi pubblici locali”. Il governo potrebbe fornire ulteriori dettagli sui contenuti di queste misure e sui settori che ne sarebbero interessati? Abbiamo compreso bene che c’è l’intenzione di rimuovere le barriere di ingresso alle professioni? Oltre a ciò, nella dichiarazione del summit dei paesi della zona euro del 26 ottobre 2011 si riferisce che l’Italia si impegna a “abolire le tariffe minime nei servizi professionali”, ma di ciò non si parla nella lettera. Quali sono le intenzioni del governo italiano a questo proposito? 25.È possibile ottenere maggiori informazioni che spieghino quali provvedimenti di riforma si pensa di varare nel settore delle acque, malgrado i risultati del recente referendum? Imprenditoria e innovazione 26.Quali misure il governo prevede di adottare per promuovere la capitalizzazione delle imprese? Abbiamo compreso bene che il governo sta prendendo in considerazione l’introduzione di un Allowance for Corporate Equity? Se è così, sarà limitata solo ai nuovi investimenti? 27. Come si tradurrà in misure concrete l’ambizione del governo di “trasformare le aree critiche in aree di sviluppo”? 28.È possibile ottenere maggiori informazioni sulle misure concrete finalizzate a stimolare l’attività nell’ambito della ricerca e dello sviluppo delle piccole e medie imprese, compreso il loro previsto impatto sul bilancio? Semplificazione legislativa e amministrativa 29. È possibile ottenere ulteriori informazioni sulle misure concrete di semplificazione legislativa (in particolare nei confronti delle piccole e medie imprese) che sono state previste per individuare e rimuovere le normative legislative e amministrative superflue, e sulle modalità concrete con le quali si intende migliorare la qualità delle leggi e dei regolamenti esistenti? 30.Quale sarà esattamente il ruolo del “Ufficio locale del governo”? Modernizzazione della pubblica amministrazione 31.Quando sarà pienamente operativa la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità della pubblica amministrazione? Di che cosa sarà incaricata esattamente tale Commissione? 32.Quando diverranno pienamente operative le misure riguardanti il personale della pubblica amministrazione (mobilità obbligatoria del personale; lavoro part-time; verifica e controllo del numero del personale)? Può il governo fornirci ulteriori dettagli su come saranno concretizzate tale misure? In particolare, il governo potrebbe descrivere gli accordi transitori dei quali si parla nella lettera per il trasferimento nelle regioni e nei comuni del personale occupato nelle Province? 33. È possibile ottenere ulteriori informazioni sui progressi conseguiti dall’attuazione della riforma “Brunetta” in termini di: i) introduzione di stipendi collegati alla performance individuale e avanzamenti di carriera e obbligo per le amministrazioni di rispondere del loro operato per ciò che concerne i risultati; ii) possibilità di intentare causa con una class action contro le inefficienze del settore pubblico? Giustizia 34.È possibile ottenere ulteriori informazioni sulle misure specifiche che sono state messe a punto per migliorare l’efficienza dell’amministrazione della giustizia civile? 35.È possibile ottenere ulteriori informazioni sul mandato del gruppo tecnico presso il Ministero della Giustizia? Infrastrutture e costruzioni 36. È possibile redigere meglio ed esporre chiaramente la politica scelta dal governo per ciò che concerne aeroporti, strutture portuali e trasporto eccezionale su strada? Riforme costituzionali 37.Il governo può fornirci ulteriori dettagli sulle caratteristiche delle riforme previste (diverse rispetto all’introduzione dell’obbligo di pareggio di bilancio nella Costituzione, di cui si parla nella domanda 6)? 38. In che misura le riforme delle istituzioni politiche implicheranno risparmi di spesa? 39.Il governo potrebbe fornirci ulteriori dettagli sulle misure finalizzate a migliorare la governance del paese tramite la riduzione del numero dei membri del Parlamento e il miglioramento dell’intero iter decisionale, come pure del ruolo del governo e della maggioranza?