Si Schianta Tutto

 

  By: fultra on Giovedì 19 Settembre 2013 16:25

Traderoscar , cos'hai bevuto oggi ? Sentire certe affermazioni da uno come te che ha una certa cultura, mi fa rabbrividire. Se penso poi a come potrebbe ragionare il popolino che mangia solo tv......brrrrrr.......prima di fare certe affermazioni starei attento .

 

  By: traderosca on Giovedì 19 Settembre 2013 15:27

i mobilieri,falegnami,ecc,sono tra i più grandi evasori,quasi tutti quelli che vendono al privato evadono e chi tratta mobili al 99%..............

 

  By: gianlini on Giovedì 19 Settembre 2013 14:55

Giorgio, sai che prendo sempre quello che di buono c'è in quel che scrivi la storia dello scontrino e della fattura in effetti non la sapevo. sono abituato, anche all'iKEA a chiedere sempre la fattura, per cui non sapevo ci fossero le due possibilità contabilmente distinte (adesso che mi fai pensare mi viene chiesto sempre "scontrino" o "fattura" ma ho sempre pensato che fosse una mia comodità e non una loro possibilità e in ogni caso dico sempre "fattura") il discorso sulla mela marcia e il raccolto buono lo capisco perfettamente,

 

  By: giorgiofra on Giovedì 19 Settembre 2013 14:29

Gianlini, alle volte mi sembri mia moglie. Se dico a mia moglie: guarda, il 90% delle persone fa così, mia moglie, per semplice spirito di contraddizione mi risponde: ti sbagli, ho conosciuto una persona che non fa così. Con buona pace della logica. Che ci siano grandi evasori nessuno lo mette in discussione. Ma questo non esclude che ci siano centinaia di migliaia di piccolissimi imprenditori che, pur evadendo, a malapena sopravvivono. Non ti nascondo che alle volte mi lasci davvero basito. E' come scoprire che un carabiniere ruba il bancomat di una vittima di un incidente, e sostenere che tutti i carabinieri siano disonesti. E' una logica da "bar sport" che non si confà ad una persona intelligente. Per quanto riguarda il mobiliere ti informo che non sono obbligati ad emettere fattura, ma semplicemente lo scontrino, come qualunque altro commerciante. La fattura viene emessa solo a richiesta del cliente. Visto che sei un affezionato cliente dell'IKEA, dovresti saperlo. O forse pensi che l'IKEA emetta fattura a tutti i clienti? Gianlini, ma quanti anni hai?

 

  By: gianlini on Giovedì 19 Settembre 2013 14:05

e questa è per Giorgio....quello che "gli imprenditori evadono per necessità" e al limite sono pochi spiccioli... Evade 3,5 milioni di euro, nel cassetto aveva un quaderno: 'nero' e 'ufficiale' Resana. Imprenditore 50enne denunciato dalla Guardia di finanza. In ufficio teneva i conti da consegnare al commercialista assieme a quelli della contabilità reale PS stamattina mi hanno consegnato la cucina, un mobiliere della zona con un'esposizione su 3 piani, 3 fratelli, quello che è venuto a prendere le misure ha una Jaguar....ho chiesto la fattura perché mi gioverò dei benefici di legge... è la nr. 22 del 2013...ahahahah 22 fatture in 9 mesi....la prossima volta che passo di lì lascerò un po' di elemosina....

 

  By: ciciola on Giovedì 19 Settembre 2013 13:35

Innanzitutto, COMPLIMENTI... Poi, visto che questa estate non ho potuto per motivi familiari, vi confermo il mio arrivo il 19 dicembre... Pertanto, dovremmo avere tutto il tempo per organizzare un incontro: anche NON a Pescara... Sapete che verrei dappertutto, anche a Verona da Defil...

 

  By: ciciola on Giovedì 19 Settembre 2013 12:19

Grande Giorgio... Hai notizie di Roberto???

 

  By: giorgiofra on Mercoledì 18 Settembre 2013 22:52

POVERA ITALIA Mi sono chiesto come mai in Italia tutto ciò che è pubblico funziona malissimo: le autostrade si pagano, il patrimonio pubblico è abbandonato all'incuria ed al degrado, coloro che non hanno reddito vengono abbandonati a se stessi, la macchina giudiziaria è allo sfascio? Come mai il nostro Paese è alla totale bancarotta, dal più piccolo ente pubblico allo stato? http://giorgiofracchiolla.blogspot.it/

 

  By: lutrom on Mercoledì 18 Settembre 2013 21:35

Pana, ma non ti rendi conto che se a te indicano la Luna tu ti ostini a vedere sempre e solo il dito che la indica??...

 

  By: Trucco on Mercoledì 18 Settembre 2013 21:04

Si però Pana cosa ne possono i poveri camorristi della nebbia nella Val Padana? Cosa ne può la mafia degli tsunami? Col tuo ragionamento ci si può discolpare chiunque.

 

  By: pana on Mercoledì 18 Settembre 2013 10:45

mah ! quando per amore del denaro si arriva a interrare fusti tossici e radioattivi che inquinano le falde acquifere mettendo in serio rischio la salute di cittadini inoocenti hai voglia a dare la colpa alla Merkel, all euro al Bilderberg o Goldman Sachs... Una Campania disseminata di bombe inquinanti dove c'è chi paga con la vita il prezzo di queste attività criminali e chi si si arricchisce, a cominciare dalla camorra, ma non solo. Davanti a questo ecocidio, davanti a quel inferno di pattume siamo all'anno zero e di bonifiche nemmeno l'ombra". Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania, commenta così il ritrovamento di fusti tossici a Casal di Principe. http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/rifiuti-tossici-trovati-a-casal-di-principe.aspx

"quello che impariamo dalla storia è che non impariamo nulla dalla storia" Otto Von Bismark

 

  By: Gano* on Venerdì 13 Settembre 2013 16:55

Beh, parla di "in un eventuale procedimento". Non trattandosi di Berlusconi probabilmente verrà archiviato tra mille scartoffie.

 

  By: gianlini on Venerdì 13 Settembre 2013 15:31

soprattutto per quelli che la colpa della giustizia lenta è delle toghe rosse.... "Intanto, Simona Novi, presidente della Onlus che gestisce i canili del Comune ha annunciato la decisione di costituirsi parte civile in un eventuale procedimento «per raccogliere il dolore dei suoi volontari presenti sul posto a cui sarebbe stato impedito di intervenire per dare sollievo all'animale»." il dolore dei volontari.....ma vadano tutti a farsi fxx....! chissenefrega della donna sbranata...l'importante sono i cani!

 

  By: shabib on Venerdì 13 Settembre 2013 15:24

QUESTA E' L'ITALIA ? QUESTA E' LA CAPITALE ? guardate il degrado della vita civile a che punto e' arrivato e pensate a quando si riverberera' sulla economia spicciola...ah gia' , ma noi non abbiamo fondi da spendere contro la criminalita' e per migliorare la sicurezza pubblica........tanto poi i crinminali vanno a casa perche' non possiamo costruire carceri ne mandarli via da qui. Cane strangolato, incendiata la pizzeria Minacce ai proprietari: «Dovete stare zitti» di Marco De Risi e Adelaide Pierucci ROMA - Di notte scoppia l’incendio della pizzeria, la mattina seguente arrivano le intimidazioni. Il caso del cane rimasto impiccato a un albero durante un'operazione di polizia, non ha solo commosso il web con il video esclusivo del Messaggero Tv, e portato la Procura ad aprire un fascicolo, ma scatenato la reazione della malavita che ha fatto sentire la sua voce con taniche di benzina e minacce. Nella pizzeria Arena a Casal de’ Pazzi, zona San Basilio, il locale dove, domenica sera, per delle bottiglie non servite a due romeni ubriachi si era scatenato il finimondo conclusosi con due arresti, una passante quasi sbranata e il soffocamento del cane, la notte dopo è scoppiato un incendio doloso. Poi per i pizzaioli bengalesi sono arrivate le minacce: «Se non volete problemi, zitti e muti». Così il locale è da giorni sotto la sorveglianza della polizia. Il rogo e le minacce forse sono collegate al processo fissato per oggi a piazzale Clodio a carico dei due romeni ubriachi. Sul caso è stato inviato in procura un dettagliato rapporto. L’AGGRESSIONE Nel frattempo, però, gli animalisti sono insorti: «Lasciare morire un cane senza intervenire è imperdonabile». Il cane era un Bullmastiff di uno dei due romeni arrestati e che hanno una sfilza di precedenti. Domenica sera, quando si sono visti rifiutare l'ennesima birra, hanno preso a bottigliate le vetrine della pizzeria Arena poi avevano sguinzagliato contro gli agenti, chiamati sul posto, il loro molosso, un cane di sessanta chili allenato all'attacco. La bestia, però, aveva sbagliato bersaglio e assaltato una passante, una sessantenne casualmente con un passato da prima pagina, la "Mantide di Cairo Montenotte", ossia Gigliola Guerinoni, condannata a 26 anni per l'omicidio di un suo amante, che solo per miracolo se l'è cavata con un mese di prognosi. Gli agenti infatti avevano dovuto strappare il cane che le stava sbranando una gamba e legarlo con una corda dove nel giro di tre ore è morto, impiccato, nel tentativo di liberarsi, il tutto mentre si attendevano i soccorsi di un veterinario, allertato più volte. Una morte lenta che ha suscitato l'indignazione del mondo web e portato all'apertura di fascicolo affidato al pm Elena Neri. Intanto, Simona Novi, presidente della Onlus che gestisce i canili del Comune ha annunciato la decisione di costituirsi parte civile in un eventuale procedimento «per raccogliere il dolore dei suoi volontari presenti sul posto a cui sarebbe stato impedito di intervenire per dare sollievo all'animale». Il sindacato di polizia Siulp invece si è schierato con gli agenti: «Hanno salvato una donna e rischiato la loro incolumità per legare il cane senza sparare. Poi hanno sollecitato in ogni modo gli interventi per soccorrere la bestia, soccorsi arrivati dopo tre ore». http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/cane_strangolato_pizzeria_minacce_proprietari/notizie/325519.shtml

 

  By: pana on Venerdì 13 Settembre 2013 09:02

ma bene, bravo, complimenti, siamo arrivati al punto di rallegrarsi per le catastrofi sanitarie, pazzia e follia ! dove finiremo di questo passo ? a Napoli un padre uccide il figlio, un altro accoltella frateli e genitori... pazzia e follia !

"quello che impariamo dalla storia è che non impariamo nulla dalla storia" Otto Von Bismark