Letture consigliate per la salute

 

  By: shabib on Giovedì 28 Maggio 2015 12:15

credo che certi film dovrebbero essere dati solo a gente matura : (TRANSCENDENCE) nel film si tratta il problema di come rendere immortale un essere ... le problematiche non sono tanto nel mettere in un supercomuter tutti i dati , quanto che comunque , ammettendo per ipotesi un transferimento dati perfetto , il computer resta computer e la persona cmnq muore ..... «Vivere per sempre grazie al supercomputer», neuropsichiatra di Cambridge lancia la sfida all'immortalità Si può vivere per sempre? Forse sì, ma come macchine. La dottoressa Hannah Critchlow, neuropsichiatra dell'Università di Cambridge ha choccato la platea dell'Hay Festival sostenendo che le persone potrebbero probabilmente vivere per sempre all'interno delle macchine: «È sicuramente una possibilità, potenzialmente». A favorire questa fantascientifica opportunità potrebbe essere l'incredibile avanzamento tecnologico la possibilità che, un giorno, si possano ricreare virtualmente le 100 trilioni di sinapsi che determinano i nostri pensieri e le nostre azioni: «Gli scienziati stanno facendo passi da gigante in questa direzione – ha affermato la Critchlow – e, un giorno, un computer sarà in grado di ricreare tutte le connessioni circuitali del nostro cervello in modo da poterci far vivere, tecnicamente, “dentro una macchina”, dopo aver opportunamente scaricato tutte le informazioni contenute nei nostri cervelli all'interno di una scheda madre. Ma, poi, ne varrà la pena? «Il concetto etico di “esistenza” è una questione puramente filosofica. Ancora non siamo in grado di determinare, né di definire la natura di coscienza, non potendola descrivere e quantificare», conclude la Critchlow. http://www.ilmessaggero.it/TECNOLOGIA/SCIENZA/vivere_sempre_grazie_al_supercomputer_neuropsichiatra_cambridge_sfida_immortalit_amp_agrave/notizie/1377983.shtml

 

  By: MR on Venerdì 22 Maggio 2015 14:31

Pensa ai bambini che muoiono di fame. Lo dice anche ilo papa del resto...

 

  By: pana on Venerdì 22 Maggio 2015 14:10

ottimo esempio di coscienza civile ed ecologica che ci impartisce la Francia stop allo spreco di cibo:il cibo avanzato non va distrutto.!!! La nuova norma fa parte di una legge più ampia sui temi ambientali ed energetici e obbligherà i supermercati a donare l'invenduto alle organizzazioni caritatevoli o a utilizzarlo come mangime per gli animali o composto per l'agricoltura. "È scandaloso vedere versare candeggina nella spazzatura dei supermarket insieme a prodotti ancora commestibili", ha detto Guillaume Garot, membro socialista del parlamento e sponsor della legge, sostenendo che al momento molti esercizi buttano cibo che può ancora essere consumato.

 

  By: pablo on Mercoledì 20 Maggio 2015 18:34

Anti fa una bella cosa, per un tre quattro mesi va a mangiare a mezzogiorno da McDonald's e la sera in una comune cucina coreana o cinese di livello mediobasso, e ogni tanto varia con una magnfica immersione nella cucina inglese. Così, per cominciare. Intanto noi ci sacrificheremo alternando orrori nostrani tipo la cucina Toscana e quella insulare, con frequenti incursioni nella tradizione emiliano-lombarda, campana e pugliese per poi raggiungere il massimo dell'abominio con una bella tartufata o un pranzo a base di funghi porcini. Ciao Anti buon appetito, salutami i rettiliani e gli assessori

 

  By: pana on Mercoledì 20 Maggio 2015 17:25

che spettacolino penoso che offriamo allestero con lo scandalo calcioscommesse.. sempre peggio, aveva ragione Monti, dovrebbero sospendere ilcampionato per 5 anni malgrado tutti i passati scandali ancora la corruzione dilaga.. http://www.repubblica.it/sport/calcio/2015/05/20/news/calcioscommesse_salernitana_pizzini-114824060/

 

  By: pana on Martedì 19 Maggio 2015 09:54

con una bella dieta vegetariana questi problemi non li avresti Guarda la versione ingrandita di Nigeria, al ristorante ordinano bistecca: Nigeria, al ristorante ordinano bistecca: "Buonissima". Scoperta choc: è carne umana ABUJA – Una bistecca così non l’avevano mai assaggiata, tenerissima e gustosissima, tant’è che qualcuno ha cominciato a chiedersi da dove venisse quel pregiatissimo taglio di carne. Così i clienti di un ristorante di Anambra, in Nigeria, hanno fatto una terrificante scoperta: a loro insaputa gli era stata servita carne umana. Sette persone sono state arrestate e il locale è stato posto sotto sequestro.

 

  By: pigreco-san on Lunedì 11 Maggio 2015 11:41

Non è spegnendo le luci che il progresso va avanti..queste son politiche da terzo mondo o da stato comunista.. le luci invece vanno sempre più accese ma vanno finanziate con soldi certi..un insegna paga una tassa, questa va per energie rinnovabili comunali ad incremento nel tempo..nel giro di pochi anni ogni comunello avrebbe la propria energia gratis e sostenibile oltre che strade luminose con meno crimini e bal bla bla... ma son politiche troppo intelligenti per la crapa dei nostri politici.... e per gli ampientalisti di oggi che mi sa che non sono all'altezza..ambientano con il verde degli alri...

 

  By: pana on Lunedì 11 Maggio 2015 09:57

un ottimo esempio di coscienza civile ed ecologica quella del sindaco DE BLASIO che vuole finalmente spegnere tutte questi neo,insegne,lui lucine lucette un orgia di watt sprecati vergognosa ma pensiamo a tutto il carbone,petrolio e gas che vengono sprecati solo per illuminare la notte ! ASSURDO La settimana scorsa si è riunito il consiglio municipale della città di New York per discutere una proposta di legge, sostenuta dall’amministrazione del sindaco Bill de Blasio, che ha l’obiettivo di diminuire l’impatto ambientale di New York. La legge obbligherebbe, infatti, migliaia di edifici commerciali a ridurre in certe or e della notte l’illuminazione sia interna che esterna – in sostanza, a spegnere le luci quando si va via. La proposta, in linea con la promessa di Bill de Blasio di fare di New York una città più verde ha, com’era prevedibile, sollevato animate reazioni da parte dei cittadini: da un lato, tra i favorevoli, gli ambientalisti e amanti della natura, che temono per le migrazioni notturne di uccelli e sognano notti più stellate; dall’altro, tra i contrari, quelli che associano la luce a un’idea di prosperità, di ostentata bellezza, di attrattiva turistica e, in qualche modo, a un senso di sicurezza.

 

  By: shabib on Giovedì 23 Aprile 2015 15:11

GANO caro , fossero solo gli ormoni ... per mia fortuna o sfortuna io sono un rivelatore di ogm , mi vengono attacchi di allergia appena mangio uno di quei prodotti o mi trovo vicino ad un campo coltivato perversamente , ma la frode ai consumatori , dopo ttpi sara' immensa sia sotto il profilo qualita' che quantita' del lavoro impiegato in agricoltura per ottenere cibi genuini ...

 

  By: MR on Giovedì 23 Aprile 2015 15:09

#i#Che il paese piu' corrotto e marcio del mondo possa avere l'alimentare piu' sicuro e' una convinzione davvero pittoresca. A furia di sentirlo ripetere molti (anche all'estero) ci credono, su quali evidenze non e' dato sapere.#/i# Sei grottesco. Nemmeno quando si parla di cucina riesci a toglierti questo livore anti-italiano da quell'orifizio grondante diarrea che utilizzi come bocca. Ma rilassati.

 

  By: Gano di Maganza on Giovedì 23 Aprile 2015 14:32

Sicuramente l' alimentare italiano è più sicuro di quello americano che vi imporranno presto con il TTIP, quando diventerete tutti obesi da ormoni come loro.

 

  By: antitrader on Giovedì 23 Aprile 2015 13:33

Che il paese piu' corrotto e marcio del mondo possa avere l'alimentare piu' sicuro e' una convinzione davvero pittoresca. A furia di sentirlo ripetere molti (anche all'estero) ci credono, su quali evidenze non e' dato sapere. Perche' ci sono i controlli? sisi, ve li raccomando quelli, come quelli fiscali, abbiamo il fisco piu' invasivo del mondo e l'elusione imperversa tramite trucchetti subdoli e fantasiosi. Non c'e' motivo di ritenere che le stesse tecniche (quelle fantasiose) non siano applicate alle produzioni alimentari con tutte le conseguenze del caso che e' facile immaginare.

 

  By: shabib on Giovedì 23 Aprile 2015 12:14

POI , per quanto ci si possa prefiggere di sfuggire grassi, ogm , nitriti e nitrati , coloranti e solfiti etc , c'e' il resto .... Report: vitelli dopati e consumatori ingannati Le rassicurazioni del ministro Lorenzin in vista dell’EXPO, la solita retorica del cibo italiano sicuro e migliore degli altri. Rassicurazioni che si poggiano su un sistema inefficace. Anticipazione di un'inchiesta che andrà in onda a Report domenica alle 21.45 su Rai3 - Sabrina Giannini /CorriereTv Proprio ieri il ministro Lorenzin ha parlato in un convegno di falsi miti scientifici da sfatare. Cominciamo da quello che di recente ha veicolato lei affermando che “l’Italia è leader per sicurezza degli alimenti”. Partendo da un caso di corruzione di un veterinario del servizio sanitario di Cuneo e da una inchiesta che ha condannato lui (perché ha ammesso la corruzione) e due grandi allevatori di vitelli a carne bianca (per il reato di adulterazione e sofisticazione di alimenti e per corruzione del funzionario) si apre uno scenario inquietante su un sistema in cui tutti, dai grossisti ai macellatori, erano a conoscenza delle siringhe contenenti steroidi sessuali per aumentare il peso degli animali, quindi i guadagni. Gli unici all’oscuro di tutto (non a caso) erano e sono i consumatori. L’inchiesta pregevole della Guardia di finanza di Cuneo condotta dal Procuratore capo Francesca Nanni svela come il sistema dell’allevamento intensivo sia un sistema di inciviltà verso gli animali (mal)trattati come macchine, i quali non possono che presentare il conto a chi li mangia. D’altro canto basta domandarsi perché serva un’indagine degna dell’antimafia (intercettazioni, pedinamenti) quando ogni giorno viene decantato dai nostri ministri un sistema di controllo efficace. Infatti non lo è. Il dramma è che sia gli allevatori che i ministri e soprattutto i loro funzionari strapagati lo sanno. Gli unici che non devono saperlo siamo noi consumatori, rassicurati (non ultimo dal ministro Lorenzin proprio sulla sicurezza dei nostri prodotti grazie al capillare sistema di controllo). Intanto senza due inchieste della magistratura di Cuneo oggi migliaia di vitelli di una sessantina di stalle finirebbero sulle tavole contenenti anabolizzanti. Ma i consumatori vanno rassicurati: perché se sapessero cosa si nasconde dentro quelle stalle, se sapessero dell’uso sistematico dei farmaci (lecito), dell’incapacità del sistema di controllo (europeo e quindi italiano) a scovare i trattamenti illeciti, se vedessero come la politica europea ha consentito di aggiungere di tutto al latte artificiale… Se sapessero, allora non comprerebbero più. Dunque il sistema di controllo è inefficace volutamente per agevolare l’industria dell’allevamento intensivo. http://video.corriere.it/report-vitelli-dopati-consumatori-ingannati/1a3ba028-e908-11e4-88e2-ee599686c70e

 

  By: lutrom on Mercoledì 22 Aprile 2015 17:50

Quella, Oscar, fa BENISSIMO se non si soffre di cuore (altro che il muso scheletrico di gente come rigor e simili), fa malissimo se uno ha il cuore un po', ehm, debole (si rischierebbe di morire a... "cavallo", eh eh eh... Certo, meglio che morire mentre, rincoglionito, ti puliscono il cul. in un ospizio, cioè, scusate, in una struttura residenziale assistenziale, come li chiamano, ipocritamente, oggi...). Io, comunque, NON soffro di cuore, eh eh eh eh eh eh................................................................... (nascondo sotto i molti puntini i miei SUINISSIMI pensieri!!!!) Ringrazio nuovamente tutti per i complimenti: anche a me piacerebbe conoscervi, ma purtroppo io abito nel Lazio al sud di Roma. Si fece un incontro a Pescara ma io non son potuto andare: si cercò di organizzarne un altro nel centro Italia ma poi non si è fatto nulla. Per me partecipare agli incontri che invece si sono fatti al Nord è praticamente (quasi) impossibile (moglie, figli, lavoro, ecc. ecc.). Comunque anche io per un anno (scolastico) ho gravitato in area lombarda, infatti sono stato supplente annuale al liceo scientifico di Clusone in provincia di Bergamo (sono ormai passati circa 15 anni da allora...). Mi trovai benissimo, meglio che nelle mie zone (!!!): ero convinto di restare lì (anzi, VOLEVO restare là!), però, i casi della vita, ebbi subito dopo il posto di ruolo vicino casa nel Lazio (di solito accade il contrario!!) e sono tornato giù; guarda caso ho conosciuto mia moglie appena tornato da Bergamo e quindi è sfumata definitivamente l'idea del Nord: quando si dice i casi della vita...

 

  By: traderosca on Mercoledì 22 Aprile 2015 17:05

Lutrom,questa fa male o bene?