Mercati ed Azioni Americane

 

  By: bearthatad on Giovedì 03 Luglio 2014 16:39

Certo che se uno guarda l'andamento dei volumi a WS sul lungo periodo un momento di dubbio viene. Se il trend non cambia nel giro di tre o quattro anni la borsa USA dovrebbe chiudere per azzeramento degli scambi. Oggi i pezzi scambiati sono un terzo della media del decennio 2000-2010, e la stagionalità non centra perché la discesa è omogenea e costante dal 2010 a oggi, con una trendline che arriverà a zero entro tre anni. Si dirà che i mercati emergenti hanno attirato capitali, che i soldi vanno sui derivati, tutto quello che si vuole, ma la cosa non può non lasciare un po perplessi.

 

  By: LINK on Mercoledì 18 Giugno 2014 17:18

beh che ti aspettavi.. ? hanno fatto li peggio mortacci loro per far arrivare le borse a questi livelli e poi dicono che hanno creato la bolla ? ........................................................................................ All'inizio del 1929, in pochi si rendevano conto che la fine del boom era vicina. A tale proposito è significativo il discorso sullo stato dell'Unione pronunciato il 4 dicembre 1928 dal Presidente uscente Coolidge. « Mai un Congresso degli Stati Uniti, riunendosi per esaminare lo stato dell'Unione, si è trovato di fronte ad una prospettiva più gradita di quella che si presenta al momento attuale. All'interno ci sono tranquillità e soddisfazione... e le cifre primato degli anni di prosperità... Si può considerare il presente con soddisfazione e vedere il futuro con ottimismo... La causa principale di queste fortune senza precedenti risiede nell'integrità e nel carattere del popolo americano » Il nervosismo iniziò a manifestarsi sul mercato a marzo. Intorno alla metà del mese, si apprese che il Federal Reserve Board teneva riunioni quotidiane a Washington D.C. senza rilasciare alcuna dichiarazione. Una di queste riunioni si tenne persino di domenica. Così, il lunedì 25 marzo impauriti dal silenzio della Banca centrale gli investitori iniziarono a vendere. Alcune banche chiesero il rientro dei prestiti a brevissimo termine e il tasso di interesse sui prestiti ai borsisti salì al 14%. Il giorno dopo le cose peggiorarono ulteriormente, con tassi di interesse fino al 20%. Fu allora che intervenne a salvare la situazione Charles Mitchell, presidente della National City Bank e uno dei direttori della Federal Reserve Bank of New York. Egli dichiarò che la sua banca avrebbe prestato agli investitori il denaro necessario a fermare la crisi, anche ricorrendo a fondi presi in prestito dalla Federal Reserve. Poiché il Federal Reserve Board di Washington non prese posizione, il mercato si rassicurò e nei giorni successivi tornò a crescere. Dopo questa crisi, il mercato crebbe costantemente per tutta l'estate. Nelle parole dei politici, dei banchieri, degli studiosi, della stampa e della gente l'ottimismo era evidente. Anche Irving Fisher ripeté più volte che il prezzo delle azione era giustificato ed anzi sarebbe ulteriormente cresciuto. Solo alcuni accademici, il New York Times e le agenzie Standard Statistics e Poor's (oggi unite nella Standard & Poor's) rimanevano scettici, ma essi erano inascoltati. La borsa veniva considerata sempre meno come un registro a lunga scadenza delle prospettive aziendali e sempre più come il prodotto di manovre speculative e artificiose.

 

  By: defilstrok on Mercoledì 18 Giugno 2014 17:05

Moments ago, Janet Yellen was asked if there is something out of place with the S&P hitting all time highs at a time when even she (not to mention numerous other Fed presidents) discuss froth in the bond markets. Her answer: no. Specifically, based on some "model" the Fed watches to get a "feeling" for valuations, she concluded the equity valuations are not out of historical norms. In other words, "no bubble here."(ZH)

Cosa aspettarsi dalla FED ? - Moderatore  

  By: Moderatore on Mercoledì 18 Giugno 2014 14:47

Cosa aspettarsi dalla FED ? - Goldman, BofA, MS, CS, DB, & tutti gli altri 18 Jun 2014 07:03 EDT ...economists at Goldman Sachs, Bank of America Merrill Lynch, Credit Suisse, Morgan Stanley, Deutsche Bank, and other major banks. GS: We expect rates on hold (at 0.25%) and a further $10bn tapering in the pace of asset purchases (to $35bn per month, with a reduction equally split between Treasuries and mortgage-backed securities), in line with consensus. The economic data have, on balance, been encouraging since the April FOMC meeting, inflation has firmed a bit, and financial conditions have eased to their most accommodative level since early 2008. The committee is likely to make some upgrades to its description of the economic outlook in the post-meeting statement and its economic projections. Although the committee will need to reduce its 2014 real GDP growth forecast to take into account the Q1 disappointment, we would expect the committee to reduce its unemployment rate forecast and lift its inflation forecast slightly. These upgrades would, by themselves, suggest that the funds rate projections (or “dots”) might drift up and that the press conference might accordingly tilt towards the hawkish end. Three considerations, however, would point to a more neutral message: (1) the change in the FOMC’s composition, on balance, probably entails a dovish shift; (2) the committee’s projections of the longer-term funds rate might come down a bit; and (3) at the margin Chair Yellen might have become more comfortable in steering the monetary policy message in the direction of her own views at the post-meeting press conference. Taken together, we therefore expect a broadly neutral message....Although we are structural Dollar bulls, for reasons we spelled out recently, this leaves us tactically cautious going into tomorrow's FOMC. BofA: At its June policy meeting this week, the Fed is likely to taper by another $10 bn (bringing the purchase pace down to $35 bn per month: $15 bn in agency MBS and $20 in Treasuries) and to maintain its current forward guidance language. The focus will instead be on the updated economic and policy forecasts and Fed Chair Janet Yellen’s press conference. New voters add some extra uncertainty to this meeting, but we expect the central message of a patient policy stance and a gradual tightening cycle to be unchanged. As part of her press conference Wednesday afternoon, expect Chair Yellen to once again downplay the dot plot as not a policy tool. We agree that markets are best served by focusing on the consensus FOMC statement and Yellen’s prepared remarks. These should continue to indicate a gradual recovery supported by a continued accommodative stance by the Fed. As in March, the risk is that an off-the-cuff remark or small shift in the dot plot is misread by the markets. Today’s more transparent FOMC harbors no secret hawkish messages. Morgan Stanley: We think the balance of risks is skewed toward a less dovish FOMC tomorrow. With the market still pricing in a slower pace of tightening than the March SEP forecast, and a chance that this SEP forecast is moved to show even higher rates for 2015 and 2016 (along with improved inflation and unemployment forecasts), we would look for front-end US yields to move higher, boosting USD. We like playing USD longs against short low-yielding currencies where the central bank could sound more dovish, including SEK, EUR, and CHF. The main risk to our view would be that Chair Yellen downplays the FOMC forecasts and focuses on downside growth risks and the lack of convincing wage growth in her press conference. Credit Suisse: n the light of Carney’s hawkish surprise, markets have grown concerned that today’s FOMC meeting could move in the same direction. We see reason to believe that these fears might be substantiated. Beyond another $10bn taper, our economists think the FOMC statement could look marginally more hawkish, noting recent improvements in labor market and other economic data. This could also motivate an upward drift in the famous policy “dot plot,” the disappointing GDP data notwithstanding. However, the hawkish tone to the Summary of Economic Projections is likely to be counteracted somewhat by Chair Yellen’s press briefing. DB: If this wasn’t an FOMC meeting that had a press conference and fresh economic projections, there would be no point in hitting the World Cup pause button. But a look at market reactions to FOMC meetings over the past two years is clear about one thing – FOMC meetings with press conferences have consistently generated large moves, and much larger price changes than meetings without press conferences....Where does this leave the market? Firstly don’t underestimate the mix of new forecasts; new FOMC ‘dots’ and most important the Q&A, to result in surprises and some volatility. Janet Yellen probably has no interest in correcting market expectations at this stage, because a rate hike is still seen by a majority of the Fed as many months, if not a year away and expectations are not unreasonably out of line with the Fed’s own views. New geopolitical concerns and the risk of higher oil prices are adding to uncertainties and further argue against the Fed directing expectations with any certainty. Yellen is then probably a couple of FOMC meetings away from being under any real pressure to adjust market expectations, assuming recent growth and inflation trends persist. In the meantime, what is less predictable is what happens if the Fed Chair is asked some difficult questions, notably on the likely gap between tapering and tightening that led to her infamous ‘6 month’ comment. Another market sensitive line of questioning, will be on her views about secular stagnation and the neutral funds rate. Does she believe in a new neutral funds rate? It would not be a huge surprise to find out that Yellen’s views on this subject are not too far off the recent Dudley comments that made a case for a slightly lower natural rate of interest. It is also quite possible that the dots on the longer-run funds rate will come down to the point where the median is below 4%. The market will get excited, even if this is merely following the slow drift lower in the Fed’s central projections on longer-run real GDP that was 2.2% - 2.3% in March, having come down nearly 0.5% from FOMC estimates 3 years ago. Barclays: We expect significant downward revisions to healthcare spending in the first quarter; our Q1 real GDP tracking estimate now stands at -2.0%. We look for another $10bn in tapering at the June FOMC meeting and see the Fed lowering its outlook for growth and unemployment while revising inflation higher. The Fed is also likely to debate its exit principles, with several participants arguing for delaying the removal of the reinvestment policy until after the first rate hike. Credit Agricole: Despite new faces on the FOMC, USD should prove largely unaffected by today’s policy announcement. We expect little movement on another USD10bn reduction in asset purchases (to USD35bn), nor unchanged target (0–0.25%) and associated guidance. Given this status quo, focus will be on the SEP where US economists highlights the addition of Mr Fisher, Ms Brainard and Ms Mesters and the departure of Governor Stein may somewhat obscure any shifts in policymaker views on Fed funds trajectory projections. Finally, Ms Yellen may comment that projected 2016 Fed funds remain well below their “longer run” equilibrium to suppress speculation. In sum, we see little impact upon either USD specifically, or currency markets more generally. BNPP: BNP Paribas economics team expects the Fed will deliver a more hawkish message at today's FOMC meeting. The statement is likely to upgrade views on inflation and the labour market and the projections of future Fed funds rates are likely to show a creep higher relative to those presented in March. In the accompanying press conference, there is likely to be some discussion of exit strategy and, while Chair Yellen is likely to continue to emphasize that rate hikes are distant, we do not expect an effort to dissuade the market from current pricing of hikes by late next year. We remain long USDCHF and short EURUSD heading into today’s meeting. Danske: Today, focus will be on the FOMC meeting tonight. The question is whether yesterday's upside surprise to core inflation will prompt the Fed to strike a less hawkish tone this time. Given the relatively low levels in US money market rates, it does not seem that the market is positioned for a hawkish Fed. For that reason, risk might also be skewed towards a stronger dollar today. SEB: It is widely expected that the Fed will decide to scale down asset purchases by another $10bn to $35bn per month at its meeting today. Economic data has, as expected, picked up thus far in the second quarter. This is evident both in the Beige Book and in the labor market and tapering will consequently continue at its current pace. Therefore the most interesting part in this rate decision will be the new economic projections and the press conference following the rate announcement. We expect Fed to revise down its real GDP projections for 2014 while keeping its 2015-2016 growth projections largely unchanged. Furthermore, they need to revise their unemployment forecast lower and inflation forecast higher. Also noteworthy is that there are three members of the FOMC voting for the first time at this meeting. Nomura: The key issue for this meeting is what the FOMC will conclude, and what they and Chair Yellen will communicate, about how much closer these largely positive economic developments have brought them to beginning the process of raising short-term interest rates. The biggest changes in the FOMC's economic forecasts are likely to be for 2014, and merely be a reflection of the data already in hand. The Q2 rebound, including a pickup in inflation, could push the interest rate forecasts for 2015 and 2016 marginally higher. But the more pessimistic long-term outlook expressed by some FOMC participants may actually lead to slightly lower long-term forecasts for growth and interest rates. Market participants do not seem to be expecting significant changes from this meeting. That could mean that the reaction to any perceived shift in the trajectory for policy could be more significant.

 

  By: Vaicru on Venerdì 02 Maggio 2014 22:35

chi cerca un bel etf short immobiliare Londra ?

appartamento da 200 milioni su Hyde Park - Moderatore  

  By: Moderatore on Venerdì 02 Maggio 2014 20:25

Non passa giorno ora senza che qualcuno (qualcuno di importante, tipo la Banca di Inghilterra) non metta in guardia sulla bolla immobiliare in Gran Bretagna Oggi è stato ^venduto un mega appartamento di 800 + 800 mq (su due piani, totale 1,600 mq) per 160 MILIONI di sterline#http://www.ft.com/intl/cms/s/0/738d09b6-d1d3-11e3-8ff4-00144feabdc0.html#axzz30UjO8KWF^, circa 200 milioni di euro in un brutto palazzo a vetri molto di lusso all'indirizzo di One Hyde Park, cioè che guarda su Hyde Park. L'emiro del Quatar che è l'investitore principale di questo grattacielo di lusso ha già venduto appartamenti simili per 2 miliardi di sterline, ma quello di oggi è il record per costo al metro quadro (sopra i 100mila euro al mq) In parallelo ci sono ora tanti articoli sulla bolla immobiliare in Israele, Olanda, Danimarca, Svezia, Canada, Australia, Hong Kong, Singapore e ovviamente in Cina e la Bundesbank stessa che (a suo merito va detto) sull'immobiliare è prudente si è messa a lamentarsi che Berlino e Monaco sono salite del 30% in due anni. Questa Bolla immobiliare è tutta diversa da quella del 2002-2007 perchè è diffusa ovunque (salvo Sud-Europa, Irlanda e buona parte degli USA, dove è limitata a Silicon Valley, New York e ora di nuovo parte della Florida) e perchè è di fascia alta, sono investimenti identici a quelli di chi compra arte, oro o gioielli. Intere zone di Londra sono ora disabitate perchè i ricchi che vi investono non affittano o usano le case, le tengono vuote, sono un investimento finanziario

 

  By: LINK on Martedì 28 Gennaio 2014 16:21

il nome del blog è fuorviante.... conosco diversa gente che ama prenderlo in quel posto... sia donne che uomini....

 

  By: giorgiofra on Martedì 28 Gennaio 2014 15:58

Ragazzi, un mio cliente agente di polizia giudiziaria sta aspettando lo stipendio di dicembre. La moglie di un'altro cliente, insegnante precaria, aspetta anch'essa lo stipendio di dicembre. Oggi hanno accreditato lo stipendio di mia moglie, e non hanno pagato che lo stipendio base. A mio parere siamo alla frutta, anche se il governo mente spudoratamente. SIAMO FALLITI SIAMO FALLITI SIAMO FALLITI Il patatrak arriverà improvviso, e non manca molto. Prepariamoci al peggio. Basta dell'elementare buon senso per trarre le conclusioni. Non può andare diversamente dal collasso di tutto il paese. Non lo dice Giorgio Fracchiolla, lo dicono i numeri che, a saperli leggere, non mentono mai.

 

  By: gianlini on Martedì 28 Gennaio 2014 15:17

una mia amica mi diceva delle cattive condizioni della nonna...e delle preoccupazioni (ma non per la salute).... ci campano in 4 con quella pensione....! (pensa che i suoi genitori ufficialmente non hanno mai lavorato in vita loro.....mai!!)

 

  By: Aleff on Martedì 28 Gennaio 2014 15:12

Gianlini...il pensionato...foraggia il nipote ergo il nipote spera vivamente che il nonno viva ...la metto in battuta perchè oggi sono proprio avvilito devo buttarmi sull'export anch'io xchè qui, se fai parte di quei 4 s *** ti di autonomi o titolari di impresa (di che impresa poi ) sei carne da macello, ladro ed evasore almeno, se mi metto ad esportare qualcosa, vedo all'estero...e all'estero ci lascio però anche tutto (comprese le tasse che qui dovrei pagare) affan_ *** tutto e tutti, con i ragionamenti da benpensanti intanto il mio vicino, ex magistrato corte dei conti, si gode la sua meritata pensione (8mila o già di lì)...assieme ai nipoti

 

  By: Paolo_B on Martedì 28 Gennaio 2014 13:25

Aleff wrote: > qui c'e' solo da pregare il buon Dio che quelle 4 aziende che ancora esportano tengano duro -- Su questo versante vedi colomba divorata da gabbiano e corvo in piazza San Pietro. Preparatevi al peggio. D'altra parte anche per gli induisti siamo al Kali Yuga. Ieri leggendo i giornali mi sembrava di essermi svegliato in un incubo, forse all'inferno. Il povero nigeriano della nettezza urbana che si trancia per errore le gambe e si trascina per centinaia di metri e poi morire dissanguato, la serie impressionante di suicidi, guerre, mancano solo le pestilenze. E visto che contro i virus possiamo fare ben poco ed è da molto che non se ne vedono ... arriveranno anche quelle. P.S. Anche Zibordi, vedo, ha già messo a lutto metà forum.

 

  By: gianlini on Martedì 28 Gennaio 2014 13:12

ecco Aleff hai colto nel segno, anche io ho notato quel dato sul reddito dei pensionati.... dall'inizio della crisi non uno dei 1000 parlamentari italiani ha subito un solo atto di rivolta, tipo anche solo un lancio di ortaggi in testa!

 

  By: Aleff on Martedì 28 Gennaio 2014 12:47

Certo però che se ci atteniamo ai numeri...dovete leggere questo bel ^articolo#http://intermarketandmore.finanza.com/italiani-sempre-piu-poveri-ma-non-tutti-61008.html^...a, i numeri sono quelli della Banca d'Italia.... in un paese dove i pensionati sono quelli che hanno il reddito + alto e che hanno mantenuto lo status….cosa c_azzo volete che ne venga fuori se un ingegnere di 30 anni (che, in teoria dovesse mettere su famiglia) prende come (o pochissimo di +) di un pensionato medio Se la Electrolux ricatta dicendo che se vogliono che si mantenga lo stabilimento gli operai devono accettare un taglio del 30% secco se il parlamento italiano costa all'anno 1miliardo di euro di cui il 40% sono i famosi “diritti acquisiti” ...le pensioni ci sono decine e decine di appartamenti ora letteralmente abbandonati (oppure occupati da persone) da extracomunitari che se ne sono andati etc etc etc qui c'e' solo da pregare il buon Dio che quelle 4 aziende che ancora esportano tengano duro...xchè tecnicamente siamo nella *** + totale

 

  By: gianlini on Martedì 28 Gennaio 2014 12:19

Giorgio ognuno mi sembra che guardi la realtà dal suo osservatorio, senza colpe o meriti i discorsi che fa Vincenzo sono esattamente gli stessi di quasi tutti i miei conoscenti, che guarda caso sono tutti laureati che lavorano nelle multinazionali...direi che a raccogliere queste impressioni, è probabilmente il posto migliore dove lavorare, oggi come oggi in Italia, un mio amico ad esempio è responsabile qualità alla Whirlpool di Varese, dice che si lavora molto ma che è anche un ambiente molto stimolante ed estremamente ben organizzato, dove non viene perso nemmeno una rondella che caschi per terra certamente va peggio , con le dovute eccezioni, a chi lavora nella piccola-media impresa nostrana tu vedi una situazione diversa, di campagna (anche se in Spagna in 500 km di campagna tutta coltivata, ogni acre disponibile, avrò visto lavorare si e no 10 persone per cui onestamente mi domando in cosa siano occupate le persone di cui parli tu, 8 ore al giorno, tutti i santi giorni) e ne trai le tue impressioni, ma anche la Puglia è grande e ci sono situazioni molto diverse fra loro, un mio cliente che sta proprio lì sta progettando campi eolici in tutta europa....e non piange particolare miseria....

 

  By: neofita on Martedì 28 Gennaio 2014 12:19

grazie giorgiofra e' sempre un piacere leggerti