W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Domenica 17 Novembre 2019 22:30

A me fa più impressione che uno come Zingaretti sia capo di un partito.

Uno che potrebbe tranquillamente stracciare la Bonomelli.


 Last edited by: gianlini on Domenica 17 Novembre 2019 22:38, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Domenica 17 Novembre 2019 21:24

Tosat avete sentito lo Zinga dire che è basilare approvare lo Jus Soli???? si insomma andiamo a puttane e sto qui pensa di dare la cittadinanza ai negher....

non ce la faremmo mai...3 anni sono troppi per le nuove elezioni....

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Domenica 17 Novembre 2019 20:52

Muschio, gli anziani vanno avanti a patate,  latte e biscotti

 

Gli bastano 5 euro al giorno. 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Domenica 17 Novembre 2019 20:40

"dipendesse da me domani mattina:-)"

 

Non ti preoccupare, ancora qualche regionale e poi togliamo il disturbo...

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Domenica 17 Novembre 2019 18:41

I futuri pensionati avranno pensioni compatibili con l'economia

 

qui dice che zitti zitti ci stanno lavorando:

Riforma ESM dal 2022: solo pochi italiani ne hanno capito la gravità (forse inevitabile) per l'Italia

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Domenica 17 Novembre 2019 18:34

e come mai i tuoi eroi la tirano per le lunghe?

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Domenica 17 Novembre 2019 18:30

giusto uillie!

dategli subito l'autonomia, così i veneti non vi deruberanno più

------

dipendesse da me domani mattina

:-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Domenica 17 Novembre 2019 18:10

Ecco, mi hanno pure copiato B&B, dovevo mettere il copyright. Ma rob de matt!


Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Domenica 17 Novembre 2019 17:54

Sostenere che "1000 euro di pensione non bastano" e' come voler sfidare la legge di gravita',vale

a dire che non si vuol prendere coscienza che il paese e' fallito e va avanti per inerzia con i soldi

di mamma' e spennando quei disgraziati, sopratutto giovani, costretti a lavorare per 3 cocomeri e

un peperone.

Una spesa pensionistica non compatibile con le condizioni economiche implica una tassazione da

paesi ricchi, un paese in via di sottosviluppo e infestato da ladri non si puo' permettere una

pressione fiscale oltre il 25%.

Se si vanno a vedere le nazioni che crescono del 4/5% quali la Polonia, la Romania, la Bulgaria,

l'Ungheria han tutte una tassazione che e' la meta' della nostra.

Per come si stan mettendo le cose il problema delle pensioni si risolve solo tra 20 anni quando

saranno crepati quelli andati in pensione negli ultimi 20 anni.

I futuri pensionati avranno pensioni compatibili con l'economia, sempre che non saremo falliti del

tutto, cosa molto probabile.

L'importo medio di quelli che stanno andando in pensione dalla gestione separata e' di 228 eur/mese,

al momento si tratta di gente che ha fatto anche altro e quindi ha un'altra pensione, ma, a regime,

non sara' piu' cosi, si andra' in pensione a 70 anni con un coefficiente di trasformazione netto di 4.8.

Cosa significa? che ogni 100.000 euro versati pigli 4800 eur/anno non prima dei 70 anni.

E quando mai li versano 300.000 euro per i famigerati 1000/mese?

Insomma, si continua col dolce far niente, in attesa che arrivi la ripresa, ignorando che la ripresa

mondiale e' alle spalle e, seppure sia stat una delle piu' lunghe della storia del capitalismo, non ci ha

nemmeno sfiorato.

Infine, chi sperava in pittoreschi colpi di testa da parte di salvini, b&b, rinaldi etc... se ne faccia

una ragione, e' stato preso per il cul, e quelli, seduti sulla poltrona, adesso vanno dalla Merkel

ad elemosinare l'entrata nel PPE (e vogliono pure Draghi al quirinale).

Sic transit gloria mundi (dicevano i latini dopo una sciagura)

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Domenica 17 Novembre 2019 17:48

giusto uillie!

dategli subito l'autonomia, così i veneti non vi deruberanno più

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Domenica 17 Novembre 2019 17:10

'e questi bei soggetti da chi sono stati eletti?'

-------

non so perché non hanno cerchiato quell'altro bel toscanaccio forzista della foto, un tipino così a modo di cui per fortuna ce ne siamo liberati definitivamente ... contando anche il nanetto all'estrema destra dei 5 galantuomini il toscanaccio è quello con le origini più a sud ... come dice Bull (e Morphy) 'è sempre Roma che delude'

:-)

 

 


 Last edited by: lmwillys1 on Domenica 17 Novembre 2019 17:14, edited 3 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Domenica 17 Novembre 2019 17:01

ottima osservazione Kamerata Muschio. Pensate te quanto campi a Milano perifiria con 1000 euro rispetto che ne so un comune qualsiasi (non capoluogo e non Feltre e Cortina) del bellunese....

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Domenica 17 Novembre 2019 16:58

Per la spesa partono almeno 10-15 euro al giorno (e mi tengo stettissimo), e fanno 400 euro (facciamo un amedia), poi mettici le bollette (pur considerando un consumo minimo, saranao almeno atre 2-300 euro comprendendo il riscaldamento, qualche vestito e un paio di scarpe ogni tanto...ecc.ecc. 

Senza fare lussi, E SENZA PAGARE AFFITTO, si arriva a malapena a campare con 1000-1200 euro al mese (ed ho taciuto le spese straordinarie, tipo riparazioni a casa, elettrodomestico che si rompe, spese condominiali.....ed ho taciuto se uno ha una macchina...)

MA VIVETE SU MARTE O DINTORI???????????

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Domenica 17 Novembre 2019 16:54

Ma come fa un pensionato, anche da solo, a vivere con 1000 euro al mese???????

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Morphy on Domenica 17 Novembre 2019 16:37

Io sono cremonese per cui lombardo.

Gianlini, io ho sempre detto che una pensione  1000 euro è corretta (ho sparato 1200 perchè lo riportavate nella discussione). Perchè mai un pensionato deve prendere 1200 quando è la paga normale per un operaio. 1000 euro sono più che sufficienti, ma dall'altra parte però devi far funzionare i servizi. Più che pensione legata ai contributi io penso ad un assegno che si da all'anziano che non lavora più, di conseguenza i contributi li consideri come tasse da buttare nel calderone. Non ci dev'essere un legame tra contributi e assegno di cittadinanza per anziani, altrimenti un ricco si ritrova con una pensione ricca, e non ha senso questo.

 

Siccome quando parli mi sembri un commercialista, ti dico che in questo modo indipendentemente che si abbia o non si abbia un risparmio sul totale delle pensioni versate, tu hai comunque fatto una redistribuzione e sicuramente vai a togliere dalla povertà assoluta un sacco di persone la cui tendenza è quella di andare a rovistare nei cassonetti per sbarcare il lunario. In questo malandato paese è la redistribuzione che dobbiamo perseguire, non l'aggiustamento dei costi. Ci mancano almeno 500 miliardi di PIL, ovvero almeno 250 mld di gettito, per cui cosa intendi fare? Siccome sono buoni tutti a fare i commercialisti e tagliare a destra e manca (è sufficiente prendere un Cottarelli qualunque), allora si deve necessariamente aumentare il PIL. E per aumentare il PIL devi necessariente diminuire la pressione fiscale, e non dello zerovirgola ma almeno del 20%. Dove vai a prender i soldi per il taglio delle tasse? Semplice licenzi una milionata di impiegati pubblici che non sono solo dei parassiti ma pure vanno a rompere i coglioni a chi fa un lavoro serio.

 

Adesso la tua bella Milano va bene e fa la superdonna facendo pure filosofia sul suo modo di fare gestione (cannibalizziamo tutti (ciarlava il sindaco)), non capendo che Milano rimane pur sempre una città isolata messa al centro di una nazione in ginocchio. Ma al primo strattone negativo della congiuntura mondiale, Milano va in ginocchio come tutto il resto d'Italia. Per cui ora puoi fare il commercialista tagliuzzando di qui e di la per galleggiare ancora un pò, ma se non ristrutturi la spesa degli 850 miliardi (cioè se non si redistribuisce) hai ben da ragliare, prima o poi ti ritrovi nella stessa situazione di dover tagliare e ritagliare all'infinito, sempre addosso ai poveri.

 

Occorrono le autonomie, via dai ladri di Roma...