W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 10:46

L'Italia di oggi, da guardare tutto.

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 10:09

i fatti sono testardi Traderosca

rinsaviranno

:-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 10:05

Gianlini> "Ma, aggiungono, il problema si sta incancrenendo anche con i giovani non italiani, perché tendono ad acquisire le cattive abitudini dei giovani italiani,"
 

L'Italia è finita. Ma non ve ne rendete conto da soli? Chi può se ne va.

 

E meno male poi c'è spampa che dice che va tutto bene perché tutti i resort in montagna sono pieni... (per altro quest'anno il posto l'ho trovato subito).

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 11:08, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Sabato 21 Dicembre 2019 10:00

"100% o maggioranza assoluta in entrambe le camere per me è lo stesso, avremo quello che serve per fare come ci pare"

 

Willy, sei un po' troppo ottimista!!!  guarda anche sul forum che in maggioranza votano e sono favorevoli ai ladroni,l'è dura!!!!


 Last edited by: traderosca on Sabato 21 Dicembre 2019 10:01, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 21 Dicembre 2019 09:56

Estratto dal Corriere [sezione risponde A.C.]

conosco bene un locale gestito da due anni da tre giovani, due originari della Romania e uno della Russia. Sono in regola e lavorano tanto. Chiacchierando, mi hanno detto che hanno rinunciato ad avere aiutanti di nazionalità ed etnia italiana. «I giovani italiani sono troppo viziati. Reclamano solo diritti e non hanno nessun senso del dovere». Ma, aggiungono, il problema si sta incancrenendo anche con i giovani non italiani, perché tendono ad acquisire le cattive abitudini dei giovani italiani, con l’aggiunta della sensazione che, in caso di irrigidimento dei titolari, possono alzare la voce ricorrendo ad accuse di razzismo e minacce di danno d’immagine per il locale. Risultato di questo meccanismo? I tre titolari stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di cedere il locale e aprirne uno in Australia...
 

Caro Carlo,
Si coglie dalla sua lettera la ricerca dei termini giusti per non urtare la sensibilità di nessuno. Il concetto si potrebbe così sintetizzare: i giovani italiani non hanno più voglia di lavorare; o in ogni caso non vogliono lavorare come camerieri. Generalizzare è sempre pericoloso; è pieno ovviamente di giovani italiani volenterosi. Ma suvvia quante volte abbiamo notato un po’ tutti che anche in città dove la disoccupazione giovanile supera il 50%, più che nella Striscia di Gaza, in cucina le orecchiette le fa l’albanese, la pizza l’egiziano, gli spaghetti il maghrebino? Ricordo un pomeriggio passato all’opera, dove — le confesso gentile Carlo — dopo un po’ mi annoio. Davano Aida, che impiega almeno un’ora a morire. Avevo il cellulare scarico, dovevo rendermi reperibile per il giornale, e con questa scusa sono uscito a cercare un posto dove ricaricare il telefonino.
Il teatro dell’Opera di Roma è vicino alla stazione Termini, quindi in zona ci sono moltissimi hotel. Ne avrò girato dieci, lussuosi, normali, economici. Non ho trovato un portiere italiano. Solo stranieri, quasi sempre ragazze dell’Est. Ho chiesto spiegazioni. Mi hanno risposto che costano meno, lavorano di più, conoscono meglio le lingue. Ma il portiere d’albergo non è un brutto mestiere, anzi è un’arte: quello che ti trova la stanza, una soluzione ai problemi, e magari i biglietti dell’opera. In ogni caso, tutti i lavori sono dignitosi; lo è meno campare di assistenza. Qualcuno si arrabbierà con noi, caro signor Crovella.
Ma aggiungo un’ultima cosa. Questa pagina riserva uno spazio alla settimana per le offerte di lavoro, che arrivano abbastanza regolarmente; e un altro spazio per le richieste di lavoro, che non arrivano quasi mai.


 Last edited by: gianlini on Sabato 21 Dicembre 2019 10:01, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Sabato 21 Dicembre 2019 09:52

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 09:48

a cuccia cretino

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Sabato 21 Dicembre 2019 09:34

c'è qcn in grado di intervenire con un trattamento sanitario su uillie, prima che oltrepassi la soglia del numero di post nell'unità di tempo?

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 09:29

100% o maggioranza assoluta in entrambe le camere per me è lo stesso, avremo quello che serve per fare come ci pare

:-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 09:14

Lmwillys> " DA OTTOBRE, prima o poi si farà"

 

Questa è come il M5S al 100% 17,4%? ;-)

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 07:40

oggi muore la padania, scissione leghista in vista, lega destinata all'insignificanza perenne

 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/12/20/lega-salvini-manda-in-soffitta-nord-e-padania-al-congresso-di-milano-completa-la-transizione-verso-il-nuovo-partito-sovranista/5630323/

 

-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 07:27

Gano, ti vedo confuso, le norme in vigore PRIMA di Bonafede erano fatte apposta per salvare i ladri, d'altronde se in parlamento ci sono solo ladri quali norme vuoi aspettarti, il fatto che poi per un paio di decenni il nanoporco ha portato in parlamento i suoi avvocati (previti, ghedini, biondi, la bernini, ecc. ecc.) per far pagare a noi almeno una parte delle parcelle ha comportato il fatto che questi avvocati di merda hanno partorito norme che favorissero oltre i ladri colletti bianchi anche la categoria

lo so che anche Bonafede è avvocato di professione, ma è una persona perbene che lavora per il bene del Paese

la riforma del processo penale partorita da Bonafede è sul tavolo piddino DA OTTOBRE, prima o poi si farà, rilassati

 

 

piccolo amarcord delle merde leguleie nanesche, https://www.ilfattoquotidiano.it/2011/03/04/da-biondi-e-previti-a-ghedini-e-costa-tutti-gli-onorevoli-avvocati-di-b/95346/


 Last edited by: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 07:37, edited 3 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 07:13

Scusa, ma non eri te che dicevi che tutto questo ambaradan alla fine sarebbe servito solo per dare più lavoro a più di 200.000 avvocati (242.000 a fine 2017, il quadruplo dei francesi et bla bla bla...) con processi che nella realtà non finiscono mai o che comunque durano venti o trent'anni? Che possono cioè diventare dei veri vitalizi che l'imputato, magari innocente, paga vita natural durante?

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 07:25, edited 5 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 06:41

no

avevamo bisogno della precedente 'spazzacorrotti' sempre di Bonafede che permetteva un utilizzo decente delle intercettazioni quindi non come le aveva regolate il tuo precedente idolo nanoporco e i vari piddini, tutta gentaglia delinquente da sbattere in galera e privare di ogni avere, senza la 'spazzacorrotti' anche queste due MERDE dell'incendiaria sarebbero ancora a piede libero mentre ora MAI PIU' nella vita rivedranno e poggeranno lo schifoso culaccio su una poltrona pubblica

 

chi ha la crapa in decomposizione avanzata sei tu ovviamente

:-)


 Last edited by: lmwillys1 on Sabato 21 Dicembre 2019 06:43, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 21 Dicembre 2019 06:33

E avevano bisgno di abolire la prescrizione per arrestarli? Voi avete la crapa bacata. I 5 Balle ve l' hanno proprio svuotata.