La nuova civiltà

Re: La nuova civiltà  

  By: hobi50 on Giovedì 09 Febbraio 2023 00:14

Sono daccordo : l'economista non ha alcuna capacità previsionale .

Sa solamente spiegare oggi perché ha sbagliato la previsione ieri.

Quindi dell'economista si può eventualmente apprezzare solo la linearità e coerenza del discorso di oggi.

Di qualsiasi altra persona che parla di economia ,invece non si può mai apprezzare alcunché .

Non può che dire fesserie perché non conosce neppure l'alfabeto .

Quindi ....basta sparare cazzate orecchiate qua e là ...la vostra bella figura non vi sfuggirà se parlerete di pallone ...

 

Hobi

 

Re: La nuova civiltà  

  By: gip on Mercoledì 08 Febbraio 2023 23:08

"Il sequestro e' stata un'operazione piu' che lecita, se un cittadino provoca dei danni a fronte dei

quali dovra' pagare un risarcimento, gli vengono sequestrati beni di valore equivalente nei paesi civili,"

infatti  i paesi civili dall'esproprio  proletario sono passati al sequestro di beni e proprietà dei  "cittadini stranieri innocenti e incensurati "!!

Re: La nuova civiltà  

  By: antitrader on Mercoledì 08 Febbraio 2023 22:43

vallo a dire agli oligarchi e a Putin

-------

giusto Will, vallo a dire a Putin, il gaglioffo si fidava a tal punto del sistema finanziario occidentale,

che non ha cambiato nemmeno i dollari ed euro in yuan e rupie prima di inziare la gierra.

Il sequestro e' stata un'operazione piu' che lecita, se un cittadino provoca dei danni a fronte dei

quali dovra' pagare un risarcimento, gli vengono sequestrati beni di valore equivalente nei paesi civili,

tenendo presente la differenza tra sequestro e confisca. Putin, di danni, ne ha gia' fatti per

1000 miliardi.

Krugman dice che la costituzione di un altro polo economico (quello dele pezze al culo) e'

possibile ma non probabile, e, qualore avvenisse, gli americani se ne infischierebbero a suon

di risate, che poi e' quello che dico da sempre.

Questa faccenda del "privilegio de dollaro" sta diventanto come quella boiata di Galloni:

"se la banca ti presta dei soldi per la banca e' tutto guadagno perche' qui soldi li crea dal nulla".

Praticamente nulla di nuovo, cosa da webbeti, ignognanti e analfabeti.

Per capir le cose ci vuole un buon input e tanta riflessione (che costa fatica), se il tuo input

e' il webbe, e non rifletti un cazzzz, il risultato e' scontato: un asino con le orecchie.

 

 

Re: La nuova civiltà  

  By: Morphy on Mercoledì 08 Febbraio 2023 21:39

Non sono un economista ma avevo un amico economista che aveva una specializzazione in una delle più esculsive università di Londra (non in quella farsa che è la Bocconi, per dire), con dottorato, borse di studio e bla bla bla vari, e diceva che Krugman era un peracottaro. Io ovviamente la prendevo per buona...

 

– Ho imparato a non fare lotta con i maiali. Ti sporchi tutto e, soprattutto, ai maiali piace...

 

Re: La nuova civiltà  

  By: lmwillys1 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 16:01

maddai Tuco, è il classico ebreo del cazzo analfabeta di successo in yankeonia, non capisce un cazzo di nulla ma fa parte della stirpe ebrea dominatrice del denaro da sempre specialmente in yankeonia

 

e te mi metti un link in cui il coglionazzo ciancia che l'amerrica 'usually doesn’t have the kind of capital controls that might leave people unable to access their funds at will.'

 

vallo a dire agli oligarchi e a Putin ...

:-)))


 Last edited by: lmwillys1 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 16:05, edited 1 time in total.

Re: La nuova civiltà  

  By: XTOL on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:46

l'economista è colui che il giorno dopo sa spiegare perchè non si sono avverate le sue previsioni del giorno prima

mai fu scritta sentenza più veritiera

 

l'ultimo a capire sarà il più cretino


 Last edited by: XTOL on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:47, edited 1 time in total.

Re: La nuova civiltà  

  By: Tuco on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:20

Casomai sarà Mazzalai che condivide l'opinione di Krugman... Il contrario la vedo difficile ;)

Krugman scrive bene, lineare, razionale, convincente, Krugman scrive bello.


Bellezza è verità, verità è bellezza. Questo è tutto ciò che al mondo sapete, e tutto ciò che occorre che sappiate.

Keats.

SLAVA UKRAINII !


 Last edited by: Tuco on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:22, edited 1 time in total.

Re: La nuova civiltà  

  By: lmwillys1 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:12

Ok Tuco, quindi tu apprezzi e porti a supporto della tua certa imperitura dominazione yankee un premio Nobel semianalfabeta yankee che condivide alla virgola l'opinione del fascista mazzalai che disprezzi

Tutto l'intervento dell'analfabeta Nobel che hai riportato è pura monnezza, un coacervo di luoghi comuni e fregnacce assolute a livello di un hobi qualsiasi

 

Spero per te che tu possa trovare qualcuno un minimo interessante

😁

 

 

Re: La nuova civiltà  

  By: Tuco on Mercoledì 08 Febbraio 2023 14:50

Tuco, dicci UNO che ti va bene .... 

 

Questo:

Feb. 3, 2023

Is the Dollar’s Dominance Under Threat?

By Paul Krugman

Is the U.S. dollar at risk of losing its position of international dominance? I’ve been seeing some breathless speculation to that effect over the past few weeks; I’ll talk about the sources of that speculation in a minute. But let me first note that this isn’t a new question. Indeed, I wrote about it at length a few years back.

And by a few years I mean four decades. I published a paper titled “The International Role of the Dollar: Theory and Prospect” in 1984, in which I concluded that an end to dollar dominance was possible but not probable, and that it wouldn’t make much difference even if it did happen.

Obviously, the world has changed immensely since I wrote that paper, and there have also been some important advances in the theory of international currencies. But both the logic behind the dollar’s (continued) dominance and the reasons not to make a big deal out of that dominance remain pretty much what they were all those years ago.

So where is the death-of-the-dollar buzz coming from all of a sudden? Some of it is coming from the crypto cult. Although cryptocurrencies have been around for many years and still haven’t come to play any significant role in legitimate business — not to mention the astonishing scale of the scandals that have plagued the industry — they’re still being hyped. Last week Ted Cruz introduced a resolution that would require vending machines in the Capitol to accept cryptocurrencies. And the cult is still claiming that Bitcoin or one of its rivals will replace the dollar any day now.

Talk about an end to the dollar’s reign may also reflect a widespread perception that the United States “weaponized” the dollar to impose financial sanctions on Russia after Vladimir Putin invaded Ukraine. Without getting into the details, I think that’s basically wrong — what we really weaponized was the dominance of New York and London as financial centers, which tends to make everything the business of their financial regulators and rules. But in any case, the idea seems to be that some regimes will turn away from the dollar to protect themselves against sanctions in the event they do something America disapproves of.

And so we have reports that China is trying to promote oil trade in yuan and Russia and Iran are considering creating a gold-backed cryptocurrency. And for some reason Brazil and Argentina are talking about creating a common currency along the lines of the euro, which is a really terrible idea.

To assess all of this, we need to talk about what it means to say that the dollar is dominant. Basically, it means that the dollar is to other national currencies as money in general is to other assets.

Money is a medium of exchange: If you’re a carpenter who wants groceries, you don’t try to find a supermarket that needs its shelves repaired, you sell your services for dollars and use the dollars to purchase eggs. Similarly, if you want to convert Indian rupees into Brazilian reais, you don’t try to find someone seeking the reverse trade, you convert the rupees into dollars and use the dollars to buy reais.

Money is a unit of account: People normally set prices and write contracts that specify payments in dollars rather than in units of, say, Tesla stock. Similarly, many (although by no means all) international prices and contracts are set in U.S. dollars.

Finally, money has to be a reasonably stable store of value — a place you can park your wealth for a while without much risk that it will suddenly lose most of its purchasing power.

What’s somewhat distinctive about international currencies is that they play these roles for governments — which intervene in currency markets, sometimes peg the values of their currencies to someone else’s money and hold stocks of foreign exchange — as well as the private sector. So to describe the dollar’s position you need a matrix like this one, lifted from my 1984 paper:

 

 

 

 

 

 

What the dollar does: It’s the money of moneys.Credit…Paul Krugman

 

To some extent, the dollar’s dominance is locked in because these roles are self-reinforcing. It’s easier to do transactions in dollars than in other currencies because so many other people use dollars, and the ease of transactions is one reason so many people use dollars. As the great Charles Kindleberger pointed out, the dollar’s role as an international currency is quite a lot like the role of English as an international language.

Somewhat similarly, as research by Gita Gopinath (who is now the chief economist at the International Monetary Fund) and Jeremy Stein argues, widespread invoicing in dollars — setting prices and requiring settlement in dollars — enhances the demand for dollar assets, making dollar borrowing cheaper and hence encouraging dollar invoicing.

So is there anything happening in the world that would plausibly dethrone the dollar from its leading position? Bear in mind that while the dollar’s dominance is partly caused by self-reinforcement, it also rests on some fundamentals: America has a huge economy with a huge, sophisticated capital market, and usually doesn’t have the kind of capital controls that might leave people unable to access their funds at will.

These fundamentals immediately rule out the yuan as an alternative to the dollar, because China does have capital controls and seems unlikely to give them up any time soon. Furthermore, while it’s true that dictators have some reason to fear that America might impound their assets if they invade a neighbor or decide to kill a bunch of their subjects, private investors have much more reason to fear arbitrary actions from an authoritarian regime that doesn’t believe in the rule of law.

For a while it looked as if the euro might become a serious rival to the dollar: The euro area economy is comparable to ours in size and sophistication. But since 2010, European capital markets have been somewhat fragmented, with, for example, Italian bonds trading at a discount to German bonds. So a euro challenge to the dollar has been postponed, perhaps indefinitely.

What is true, as Barry Eichengreen and his colleagues have pointed out, is that central banks have been diversifying their currency holdings — not into potential dollar rivals but into smaller currencies:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spreading the wealth a bit, but no true dollar rival on the horizon.Credit…International Monetary Fund

 

This is an interesting development, and it would be worth trying to figure out why it’s happening, but it’s hardly earth-shattering. Dollar dominance sounds important if you haven’t thought about it much, but much less so if you have. In fact, in general, the more you know about international currencies, the less important you think they are.

For example, I fairly often encounter statements to the effect that the global role of the dollar gives America a unique ability to run persistent trade deficits. Tell that to the Australians, who have been doing that just fine:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The trade deficits down under.Credit…O.E.C.D.

 

Oh, and I’ve heard some amazing conspiracy theories over time — like the claim that we invaded Iraq because Saddam Hussein was planning to stop pricing his oil in dollars. Sorry, but no.

It’s true that the dollar’s special role probably lets America borrow a bit more cheaply than it could otherwise, and we in effect get a zero-interest loan from the large quantity of U.S. paper currency — mainly $100 bills — held outside the country, much of it for nefarious purposes. But these advantages are ultimately trivial for what is, after all, a $26 trillion economy.

So, no, the dollar’s dominance isn’t under threat. And even if it were, it wouldn’t be a big deal.

 

SLAVA UKRAINII !


 Last edited by: Tuco on Mercoledì 08 Febbraio 2023 15:05, edited 1 time in total.

Re: La nuova civiltà  

  By: hobi50 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 12:29

Uno stupidotto come Lmyllis che si avventura in questo tipo di dibattito con il sottoscritto puo solo uscirna con una battuta .

E cioè che io darei  "suggerimenti operativi a XiJinpin".

Niente di tutto questo in quanto mi ero limitato a  rimandare nel tempo alcune considerazioni sull'atteggiamento cinese a concedere finanziamenti a paesi invia di svilupppo da comparare all'operatività di IMF .

 

Hobi

Re: La nuova civiltà  

  By: lmwillys1 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 11:47

Tuco, dicci UNO che ti va bene .... Nouriel indica problemi minacce ma anche come si vede nel titolo soluzioni, non si limita alla disperazione ... Nouriel no, mazzalai no, diccene UNO

:-)

 

 

quello che non capisce hobi (più o meno tutto, ma diciamo solo nello specifico) è che quello che conta è chi ha la mazza più grossa, NESSUNO ha scelto il dollaro, lo hanno imposto gli yankees che  avevano la mazza più grossa, la 'fiducia' è una cazzata sesquipedale eterea come quando gli yankees ci definiscono 'alleati' invece di come è la nostra realtà di semplici 'schiavi', conta SOLO la mazza ... e la mazza più grossa INDISCUTIBILMENTE ce l'ha PUTIN

 

sto immaginando Xi Jinping che chiede consigli operativi a hobi .... e Putin 'non sa quello che dice' ....  roba da sganasciarsi

:-))))


 Last edited by: lmwillys1 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 12:02, edited 4 times in total.

Re: La nuova civiltà  

  By: hobi50 on Mercoledì 08 Febbraio 2023 11:42

A dire il vero Roubini parla di sistema bipolare ( $ e Yuan ) in cui le valute coesistono .

Il che è ,oltretutto,facile a realizzarsi.

Cianciare di una nuova moneta è ...da Putin e lmyllis.

Uno ,come al solito non sa manco quello che dice,mentre l'altro vuol giocare ,con le chiacchiere ,un ruolo che il suo paese non è in grado di svolgere.

La complessità di imporre una nuova  moneta  si è vista già con l'Euro.

Ma anche  a Bretton Woods i partecipanti tra la moneta sintetica proposta da Keynes ( il Bancor per le transazioni intrafrontaliere ) ed il $ convertibile in oro ( un'idiozia sostanziale ma comunque fattibile ) hanno scelto quest'ultima.

In conclusione è estremamente probabile che i paesi antagonisti dell'occidente superino il naturale ostacolo di fiducia per l'accettazione della nuova moneta di riserva ( nella fattispecie lo Yuan ) in quanto per loro ,il $ sarebbe comunque una moneta pericolosissima.

Molto interessanti saranno le modalità operative degli enti  finanziari (gli alter ego dell'IMF e della World Bank ), necessari a risolvere gli aspetti creditizi inevitabili in una unione monetaria.

Qui i cinesi hanno chiarito, nei loro prestiti a paesi in via di sviluppo per infrastrutture ,che la loro filosofia non è quella dell'IMF.

Non voglio entrare in argomento ma ...è una strada pericolosa per la stabilità della Cina stessa.

 

Hobi

Re: La nuova civiltà  

  By: XTOL on Mercoledì 08 Febbraio 2023 11:40

tic tic tic

l'ultimo a capire sarà il più cretino

Re: La nuova civiltà  

  By: Tuco on Mercoledì 08 Febbraio 2023 11:38

Hahahahahahahahahahaha!

Trovati un viadotto vecchio babbeo!

SLAVA UKRAINII !

Re: La nuova civiltà  

  By: XTOL on Mercoledì 08 Febbraio 2023 11:37

anch'io ho pazienza, il veleno a orologeria che vi ticchetta dentro mi dà certezza della vs scomparsa

l'ultimo a capire sarà il più cretino