Trame, Connessioni, Network e Intrighi

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: Tuco on Martedì 04 Aprile 2017 14:46

Occhio,  attacco chimico in Siria.

Bolle qualcosa di grosso in pentola...

Ieri attentato San Pietroburgo, oggi aereo lancia Sarin su città siriana...


 Last edited by: Tuco on Martedì 04 Aprile 2017 14:47, edited 1 time in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: DOTT JOSE on Martedì 04 Aprile 2017 09:49

Wesley Clark "i nostri amici hanno creato e finanziato ISIS per distruggere Hezbollah

 

Alla CNN il 21 febbraio 2015, disse: “..Abbiamo reclutato Zeloti e estremisti  takfiri”, creato  “un Frankenstein”; in quell’intervista spiegò anche: “L’ISIS  è stato  creato dai nostri alleati per battere fino alla morte Hezbollah”. Intendeva:  creato dalla monarchia Saudita per debellare la componente sciita che vive in Libano, Hezbollah.  Intendeva anche lo stato sionista.    http://www.maurizioblondet.it/mandanti-morali-dovremmo-conoscerli/

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: XTOL on Domenica 02 Aprile 2017 19:30

ieri sono andato alla presentazione del libro:

Isis. Mandanti, registi e attori del «terrorismo» internazionale

l'autore ha fatto uno sforzo encomiabile nel sistematizzare le info (tutte da fonti ufficiali).

piacerà a chi ha voglia di capire.

sconsigliato agli spampana



Che cos'il cosiddetto terrorismo internazionale (Al-Qaida, ISIS, Jabhat al-Nusra, Boko Haram, al-Shabaab, etc.)? Ma, soprattutto, chi ne trae beneficio? Sono queste le domande fondamentali a cui il libro di Paolo Sensini, dopo aver vagliato un'imponente mole di materiali e documenti originali, risponde per la prima volta in maniera esaustiva e completa. E lo fa mettendo finalmente in luce la totalità degli aspetti che riguardano i mandanti, i registi, gli attori e le pratiche di quella che definisce come strategia del caos. In questo scenario anche l'Islam e le sue centrali ideologiche, su cui si sono versati fiumi di parole senza mai toccare il cuore del problema, assumono un significato e dei contorni molto più chiari e definiti. Ne emerge così un quadro sconvolgente, ma allo stesso tempo necessario, per capire e orientarsi nel mare tempestoso in cui ci troviamo a vivere.


 Last edited by: XTOL on Domenica 02 Aprile 2017 19:30, edited 1 time in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: pana on Venerdì 31 Marzo 2017 17:57

ottima osserazione gianlini e quando passa gano di qua chiedigli

come mai, COME MAI

il grande pacifista trump manda altri 400 soldati in Siria ?

non doveva riportarli tutti a casa ? un america che si fa i fatti suoi?

cosa risponderanno i trumpisti ? assordante silenziooooooooo

WASHINGTON — The United States is sending an additional 400 troops to Syria to help prepare for the looming fight for Raqqa, the capital of the Islamic State’s self-proclaimed caliphate, American officials said on Thursday.

The increase, which includes a team of Army Rangers and a Marine artillery unit that have already arrived in Syria, represents a near-doubling of the number of American troops there.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: gianlini on Venerdì 31 Marzo 2017 17:53

Avete notato che da quando è stato eletto Trump, e parlarne non serve più a screditare la Clinton e a farla passare per una guerrafondaia, della Siria e in generale Medio Oriente non frega più niente a nessuno??

fino alle elezioni americane, ogni giorno c'era un bel articolo a riguardo, adesso?? NADA, Niente, silenzio assoluto.

 

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: hobi50 on Mercoledì 29 Marzo 2017 10:16

Anti ,io i comunisti,quelli veri , li ho conosciuti.

E li temevo .

Più tardi ho dovuto ammettere che il meglio della mia generazione era del Movimento Studentesco.

Poi c'è stato il terrorismo ,la Bolognina ... e quando mi sono accorto che avevo vinto ...mi sono trovato Craxi ... Berlusconi ..Renzi ...

Ovviamento ora non nutro alcun sentimento di paura ,ma tanto disprezzo .

 

Hobi

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: hobi50 on Mercoledì 29 Marzo 2017 10:04

Gianlini hai completamente ragione.

Anche Bob Dylan nel 1964 cantava :

"I learned to hate Russians

all through my whole life

If another war comes

it's them we must fight

.....

You never ask questions

when God's on your side "

 

Poesia di un premio Nobel per la letteratura.

Hobi

 


 Last edited by: hobi50 on Mercoledì 29 Marzo 2017 10:49, edited 2 times in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: antitrader on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:55

Hobi, i Comunisti (nel conto mi ci metto anche io), in tempi antichi, giustificavano ogni porcata fatta da Krushev, Breznev e compagnia quali l'invasione dell'Ungheria, della Cecoslovacchia etc..

Noi lo facevamo in nome di un'ideologia, questi somari moderni invece fanno un tifo da stadio a prescindere a ogni porcata di Putin. Son gli stessi i quali, non contenti dei guasti del 20ennio, adesso brindano ai prossimi guasti del trampanaro il quale ha annunciato tutte cose a danno dell'Europa e dell'Italia. Salvini e' finito addirittura dentro il lettone di Putin.

So' somari, che ci vuoi fa'?

Saluti dalla Terronia felix.

 

 

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: gianlini on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:42

Gano, ma che cacchio dici????

ai tempi dell'URSS tantissimi l'avvertivano come un pericolo reale, incombente, tremendo. Sting cantava, I hope the Russian love their children, too.

Adesso nessuno si preoccupa della Russia! hai mai incrociato per strada qualcuno che teme Putin per la propria incolumità personale, nazionale, economica???

viene dipinta come brutta e cattiva, ma non nel senso di pericolosa ! nel senso di lontana dai canoni occidentali di democrazia!

PS può darsi che in America, creduloni, ignoranti e fanatici some sono , qualcuno sia ancora convinto sia un pericolo, ma in Europa DI CERTO, no!

 


 Last edited by: gianlini on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:43, edited 1 time in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: hobi50 on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:34

Oscar ,non sono molto daccordo con questa impostazione.

La Russia non è l'Unione Sovietica.

Quello che succede al suo interno sono cacchi loro.

Io non mi sento minacciato come mi sentivo quando c'era la potente UNIONE SOVIETICA.

Al contrario Trump lo avverto come un problema reale e spero che gli americani lo caccino.

 

Hobi

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: Gano di Maganza on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:30

DOTT JOSE> "i retroscena su navalny, ben 15 giorni di prigione e addirittura multa di 350 dollari, ha pure il tempo di farsi i selfie e postare dalla stazione di polizia quando era arrestato chedittatura !"

 

E' il condizionamento dei media occidentali, nella fissazione psichiatrica anti russa, che portano ad ingigantire la figura per lo piu' mediatica di Navalny e nemmeno ad essere a conoscenza invece dei violenti scontri che ci sono stati ieri a Parigi, con feriti ed arrestati. Altro che Navalny. Alla base di questi scontri c'é stato un (altro) morto ammazzato dalla polizia per futili motivi. Ma questi morti occidentali nemmeno fanno un trafiletto.

 

France: Police unleash tear gas as Paris protest escalates


 Last edited by: Gano di Maganza on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:34, edited 3 times in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: traderosca on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:07

possibile che dai lontani anni 50 debba ascoltare un numero più o meno elevato di persone che santificano o giustificano lo strapotere

antidemocratico del sistema o persone che di volta in volta si sono susseguiti nell'unione sovietica ora Russia?

A quei tempi il motivo era ideologico,ho assistito a sommosse di piazza addirittura divisione di partiti,i sostenitori dicevano che la Russia

era il paradiso terrestre,il sistema più democratico esistente,ecc.ecc. i detrattori erano considerati,fascisti,sovversivi al soldo degli Stati Uniti,ecc.ecc.

Erano persino giustificate aggressioni di altri stati che si ribellavano al dominio sovietico!!!! Pensare che la nostra costituzione sia stata scritta

da un numero elevato dei sostenitori di quel regime............................................Però la storia ha reso giustizia.

 

Ora,sicuramente non per motivi ideologici,ma mi sfuggono i motivi,vi sono sostenitori dell'attuale nomenclatura russa in particolare nella figura di Putin( e quando un sistema politico è dominato da una persona,si chiama dittatura) e tutti gli oppositori sono considerati personaggi disonesti,corruttori,al soldo degli stati uniti,ecc.ecc. e vengono arrestati o assassinati in circostanze misteriose,mi sorge un dubbio"il lupo

perde il pelo ma non il vizio"  Ai posteri l'ardua sentenza.

 


 Last edited by: traderosca on Mercoledì 29 Marzo 2017 09:09, edited 1 time in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: DOTT JOSE on Mercoledì 29 Marzo 2017 08:56

i retroscena su navalny, ben 15 giorni di prigione e addirittura multa di 350 dollari,

ha pure il tempo di farsi i selfie e postare dalla stazione di polizia quando era arrestato chedittatura !

 

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-manlio_dinucci__navalny_democratico_made_in_usa/82_19484/


 Last edited by: DOTT JOSE on Mercoledì 29 Marzo 2017 08:59, edited 1 time in total.

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: Bullfin on Mercoledì 29 Marzo 2017 00:15

LEGGETE BRANCO DI CAPRONI... (OSCAR, ANTI, GIAN, HOBBYT, ETC....)

 

 

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Pubblicato 28 marzo 2017 - 20.00 - Da Claudio Messora

di Giulio Meotti

Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin è stato fermato all’aeroporto di Salonicco e gli è stato comunicato che il suo ingresso all’interno dei territori della Ue gli era interdetto. Un anno prima, il Dipartimento del tesoro degli Stati Uniti lo aveva inserito nella lista dei cittadini russi sotto sanzioni per la crisi ucraina. Un mese dopo è il Canada a mettere sotto embargo Dugin. Di lui hanno scritto tutti, da Foreign Policy, che lo chiama “il cervello di Putin”, al Sole 24 Ore, che la settimana scorsa lo ha definito il “Rasputin di Putin”.

Figlio di un ufficiale sovietico, dissidente negli anni Ottanta, avversario di Eltsin negli anni Novanta, Dugin è un pensatore russo che un saggio della rivista australiana Quadrant ha definito “un consapevole folle postmoderno”. Ma un folle con accessi politici importanti. Il suo libro, “Fondamenti della geopolitica”, è usato nelle scuole militari, Dugin è una presenza fissa sulla tv Tsargrad (canale patriottico voluto dal Cremlino e finanziato dal miliardario Konstantin Malofeev) e quando la Turchia ha abbattuto due aerei russi Dugin ha usato i suoi contatti ad Ankara per aiutare Putin a ricucire con Erdogan. Il filosofo coltiva anche relazioni in tutta Europa, come in Grecia, dove è molto amico del ministro degli Esteri, Nikos Kotziás, così come pare ci sia un legame con Steve Bannon, braccio destro di Donald Trump alla Casa Bianca. Dugin ha concesso questa intervista esclusiva al Foglio per spiegare non soltanto le sue idee, ma anche la visione che guida la Russia di Putin. Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha parlato della nascita di un “ordine postoccidentale”. Questo è puro Dugin.

Quanto è vicino a Putin?

“E’ difficile rispondere, non sono così vicino al presidente come pensano alcuni, ma molte idee che ho espresso in filosofia, in politica, hanno molto influenzato Putin”, ci dice Dugin. “Non bisogna esagerare, anche se è vero che c’è stata un’influenza autentica delle mie idee sul presidente. Le idee hanno un proprio destino, e possono influenzare la logica della politica e della storia. Le idee sono enti viventi e possono trovare molti modi per arrivare alla gente. Il problema con l’occidente è proprio questo, è che non crede più nelle idee, c’è un mondo spirituale dove vivono le idee e che l’occidente non riconosce più”.

 

 Ad Aleksandr Dugin chiediamo dove nasca la sua avversione culturale per l’Europa che tanto sembra aver ispirato Putin.

“Oggi l’Europa occidentale sta nella trappola della modernità e della postmodernità, il progetto della modernizzazione liberale va verso la liberazione dell’individuo da tutti i vincoli con la società, con la tradizione spirituale, con la famiglia, con l’umanesimo stesso. Questo liberalismo libera l’individuo da ogni vincolo. Lo libera anche dal suo gender e un giorno anche dalla sua natura umana. Il senso della politica oggi è questo progetto di liberazione. I dirigenti europei non possono arrestare questo processo ma possono solamente continuare: più immigrati, più femminismo, più società aperta, più gender, questa è la linea che non si discute per le élite europee. E non possono cambiare il corso ma più passa il tempo e più la gente si trova in disaccordo. La risposta è la reazione che cresce in Europa e che le élite vogliono fermare, demonizzandola. La realtà non corrisponde più al loro progetto. Le élite europee sono ideologicamente orientate verso il liberalismo ideologico”.

A Mosca, la vittoria di Donald Trump è stata accolta con favore, per usare un eufemismo.

“Trump negli Stati Uniti ha preso il potere cambiando un po’ questa situazione, e l’Europa si trova oggi isolata”, continua Dugin. “La Russia oggi è il nemico numero uno dell’Europa perché il nostro presidente non condivide questa ideologia postmoderna liberal. Siamo nella guerra ideologica, ma stavolta non è fra comunismo e capitalismo, ma fra élite liberal politicamente corrette, l’aristocrazia globalista, e contro chi non condivide questa ideologia, come la Russia, ma anche Trump. L’Europa occidentale è decadente, perde tutta l’identità e questa non è la conseguenza di processi naturali, ma ideologici. Le élite liberal vogliono che l’Europa perda la propria identità, con la politica dell’immigrazione e del gender. L’Europa perde quindi potere, la possibilità di autoaffermarsi, la sua natura interiore. L’Europa è molto debole, nel senso dell’intelletto, è culturalmente debole. Basta vedere come i giornalisti e i circoli culturali discutono dei problemi dell’Europa, io non la riconosco più questa Europa. Il pensiero sta al livello più basso del possibile. L’Europa era la patria del logos, dell’intelletto, del pensiero, e oggi è una caricatura di se stessa. L’Europa è debole spiritualmente e mentalmente. Non è possibile curarla, perché le élite politiche non lo lasceranno fare. L’Europa sarà sempre più contraddittoria, sempre più idiota. I russi devono salvare l’Europa dalle élite liberal che la stanno distruggendo”.

“Irrisolta la questione ucraina” Ma la Russia non dovrebbe aspirare ad avvicinarsi all’Europa, come sembrava dopo il crollo del comunismo?

“La Russia è una civiltà a sé, cristiana ortodossa. Ci sono aspetti simili fra Europa e Russia. Ma dopo il crollo del comunismo, quando la Russia si è avvicinata all’occidente, abbiamo capito che l’Europa non era più se stessa, che era una parodia della libertà, che era decadente e postmoderna, che versava nella decomposizione totale. Questo occidente non ci serviva più come esempio da seguire, per cui abbiamo cercato un’ispirazione nell’identità russa, e abbiamo trovato che questa differenza è fra cattolicesimo e ortodossia, fra protestantesimo e ortodossia, noi russi siamo ereditari della tradizione romana, greca, bizantina, siamo fedeli allo spirito cristiano antico dell’Europa che ha perso ogni legame con questa tradizione. La Russia può essere un punto di appoggio per la restaurazione europea, siamo più europei noi russi di questi europei. Siamo cristiani, siamo eredi della filosofia greca”.

Al centro del pensiero di Dugin, accanto alla lotta al liberalismo, è l’Eurasia, a giustificazione dell’ambizione di Mosca di ritornare nelle terre ex sovietiche, dal Baltico al mar Nero, di restaurare il dominio sulle popolazioni non russe, arrivando a stabilire perfino un protettorato sull’Unione europea.

“I paesi vicini alla Russia erano costruzioni artificiali dopo il crollo dell’Unione sovietica e non esistevano prima del comunismo”, dice Dugin al Foglio. “Sono il risultato del crollo comunista. Erano invece parte di una civiltà euroasiatica e dell’impero russo prerivoluzionario. Non c’è aggressione di Putin, ma restaurazione di una civiltà russa che si era dissolta. Queste accuse sono il risultato della paura che la Russia si riaffermi come potere indipendente e che voglia difendere la propria identità. L’Ucraina, la Georgia, la Crimea, hanno fatto tanti errori contro la Russia e aggredito le minoranze russe che vivono in quei paesi”.

Ma le avete invase.

“La Russia con grande potere ha risposto alle violazioni dei diritti georgiani, osseti, ucraini, abkhazi, crimei. L’Europa non può comprendere l’atto politico per eccellenza, la sovranità, perché essa stessa ha perso il controllo della propria sovranità. Trump ha cominciato a cambiare la situazione negli Stati Uniti e ha ricordato che la sovranità è un valore e noi russi con Putin abbiamo ricordato questo al mondo prima di Trump”. La Russia quindi metterà gli occhi anche sui paesi della Nato al proprio confine, la questione di Kaliningrad, ex Koenigsberg, la patria di Kant, il cuneo fra est e ovest? “Geopoliticamente, i paesi baltici non rientrano nella sfera di interesse dei russi, con la Georgia siamo in un momento di stabilità, il problema resta con l’Ucraina, perché la situazione non è pacifica, non abbiamo liberato i territori dove l’identità pro russa è dominante, dove è vittima di un misto di neonazisti e neoliberali. L’Ucraina resterà il problema numero uno, ma con Trump c’è la possibilità di uscire dalla logica della guerra”.

Europa e islam. Putin si vanta di aver costruito un concordato con l’islam in Russia, mentre l’Europa è sotto attacco islamista.

“Il problema non è con l’islam, ma le élite hanno fatto entrare milioni di musulmani, senza integrarli perché c’è un vuoto senza identità”, prosegue Dugin al Foglio. “In questo liberalismo non c’è più assimilazione culturale, gli europei non possono proporre ai migranti un sistema di valori, ma solo la corruzione morale. Questa politica suicida europea non può essere accettata dai migranti musulmani. E l’Europa si impegna per porre i musulmani, soprattutto i fanatici fondamentalisti, continuando a distruggere l’Europa: islamisti da un lato distruggono l’Europa e dall’altro ci pensano le élite liberal. L’ideologia wahabita e dello Stato islamico è il problema, non l’islam tradizionale che è vittima del fanatismo islamista. Senza questa politica dell’immigrazione, l’islam che esiste nelle sue terre non rappresenterebbe un rischio per l’Europa”. “Putin è forte, ma non lascia eredi”.

Da tre anni, la Russia ha costruito l’immagine di un paese che adotta politiche opposte a quelle dell’Europa.

“I matrimoni gay e l’Lgbt sono questioni politiche, non morali. Non a caso l’ideologia liberale vuole destrutturare l’idea di uomo e donna. Putin ha compreso questo molto bene e ha cominciato a reagire contro questa visione che distrugge la società. Questo non è il problema della scelta personale e individuale, non ci sono leggi contro l’omosessualità, ma leggi contro la propaganda di questa ideologia gay che distrugge l’identità collettiva, che distrugge le famiglie, che distrugge la sovranità dello stato cercando di cambiare la società civile. Non è una questione morale o psicologica, ma politica”.

Dugin è considerato un grande sostenitore di Putin, ma qui ne rivela i limiti.

“La storia è sempre aperta, non possiamo dire cosa sarà della Russia. Per creare un futuro forte e sano per la Russia dobbiamo fare molti sforzi, niente è garantito, ci sono molte sfide per la Russia e Putin è riuscito a rispondere a molte di queste, vincendo. Il problema del nostro paese consiste nella nostra forza e debolezza, Putin garantisce alla Russia la conservazione della sovranità e dell’identità, il ritorno sulla scena della grande Russia, ma siamo anche deboli, perché Putin rappresenta se stesso, non è riuscito a creare una eredità che possa garantire la sopravvivenza di questa idea della Russia. Finché c’è Putin, la Russia ha speranza di essere forte, ma Putin è un problema perché non ha istituzionalizzato la sua linea di pensiero. La Russia oggi è Putin-centrica”.

Dunque, cosa vede in serbo per l’Europa?

“Sono un seguace di René Guenon, che ha identificato la crisi della società occidentale europea ben prima del XXI secolo. La forma di degradazione spirituale dell’Europa è cominciata con il modernismo, la perdita dell’identità cristiana, ma è arrivato al culmine negli anni Novanta, quando tutte le istituzioni vennero plasmate dal liberismo di destra in economia e dal liberalismo di sinistra nella cultura. L’approvazione dei matrimoni gay mi hanno fatto capire verso dove stava andando l’Europa. Si arriverà presto al momento finale, dopo ci sarà il caos, la guerra civile, la distruzione. Forse è troppo tardi per ribaltare la situazione”.

 

 

RIASSUNTO W PUTIN, W LA DESTRA CHE è CONTRO IL LIBERISMO CULTURALE DI SINISTRA!!!.

 

 

Re: Trame, Connessioni, Network e Intrighi  

  By: Gano di Maganza on Martedì 28 Marzo 2017 23:49

MANIFESTAZIONI COPERTE DAI MEDIA. E ALTRE NON COPERTE.