Trame, Connessioni, Network e Intrighi

 

  By: traderosca on Sabato 23 Febbraio 2013 13:14

è un sabotaggio per evitare di fare pubblicità a favore del M5S

 

  By: Lelik on Sabato 23 Febbraio 2013 13:03

Qualcuno sa dirmi perchè il sito COBRAF.COM non mi funziona più? Se tento di collegarmi con appunto il nome ordinario nella barra degli indirizzi ottengo solo una pagina quasi vuota come sotto riportata! E riesco a collegarmi solo mettendo come indirizzo il codice URL: 67.228.178.26

 

  By: ANDRI on Sabato 23 Febbraio 2013 01:14

e con sep a 1515....mahhhhh

 

  By: defilstrok on Venerdì 22 Febbraio 2013 23:59

Comincia la messa in scena, guarda caso alla vigilia delle elezioni italiane: MOODY’S DOWNGRADES UK’S GOVERNMENT BOND RATING TO Aa1 FROM AAA Sono degli autentici cani!

 

  By: Gano* on Venerdì 22 Febbraio 2013 22:38

"Durante i primi anni dell'amministrazione Obama, il primo obbiettivo della comunità d'intelligence Usa è stata la distruzione del governo Berlusconi per motivi geopolitici. Per via delle vicine relazioni personali di Berlusconi con Putin, Berlusconi aveva assicurato all'Italia un ruolo importante nella costruzione del gasdotto Nordstream, e persino un maggiore ruolo nel SouthStream, entrambi progetti che Washington voleva sabotare. Berlusconi era in buone relazioni anche con il bielorusso Lukashenko, molto odiato dagli Usa. (...) ---------------------------------------------------------------------------------- Articolo molto interessante. Io però è diversi anni che le dicevo queste cose...

 

  By: hobi50 on Venerdì 22 Febbraio 2013 22:00

Da Reuter. - Nel 2013 ci sono tutte le condizioni per ridurre le emissioni di Bot e allungare la durata media del debito. Lo ha detto la responsabile del debito pubblico italiano, Maria Cannata, nel corso di un convegno all'Aiaf. "Abbiamo tutte le premesse per ridurre i Bot e allungare la vita media", ha detto la dirigente del Tesoro spiegando che sarà invece "più complesso" gestire il 2015 sotto il profilo delle scadenze. Maria Cannata non fornisce nuovi dati sulla quota di debito in mano a operatori e investitori stranieri ma dice che "più ne abbiamo e meglio è. Un debito grande come il nostro richiede una grande base di investitori". Maggiore cautela su eventuali manovre straordinarie per abbattere il debito pubblico: "Ben vengano purché non siano forzose". "Un'azione di imperio sui possessori di debito fa perdere la fiducia. Non facciamo discorsi su ristrutturazioni in stile Argentina perche' per chi ha un debito grande la fiducia è tutto", ha detto la Cannata. (Giuseppe Fonte)" Il Dott. Zibordi aveva ,poco tempo fa,suggerito di indebitarsi in Bot per risparmiare interessi beccandosi l'ironia del "fustigatore dei somari".Vedo che la Cannata è con il fustigatore. Noto anche che ,sempre la Cannata ,ha dichiarato : "Il nozionale corrisponde al 10% dello stock quando in molti altri Paesi del mondo è molto più grande. Il problema è che in questo Paese la parola derivati è diventata il male assoluto". Maria,Maria ....lascia perdere :è un paese di somari che pensa di esorcizzare la somaraggine evocando strane cose che capiscono poco ! Quindi ..sell ! sell! Hobi

 

  By: alberta on Venerdì 22 Febbraio 2013 20:51

Questa gente è pagata da quelli di cui parlava prima il Moderatore, non ci sono dubbi.... Più debito hanno gli stranieri, meglio è !!!!,! Sono dei criminali, guardatenal Giappone ...... Con i tassi sottozero......

 

  By: alberta on Venerdì 22 Febbraio 2013 20:49

Beccatevi questo..... http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITL6N0BMD4820130222 E questo...... http://it.reuters.com/article/itEuroRpt/idITL6N0BMD8V20130222 Direttamente dalla Cannata del mini stero del Tesoro......

 

  By: defilstrok on Venerdì 22 Febbraio 2013 19:53

Ach, Moderatore! Sei una fonte inesauribile di sorprese (ovviamente, l'ho condiviso subito)

Gli USA, Monti e Berlusconi - Moderatore  

  By: Moderatore on Venerdì 22 Febbraio 2013 19:31

Qualcuno ha tradotto in italiano in parte il report del docente universitario, giornalista e scrittore americano ^Webster Tarpley che rivela i retroscena della politica italiana degli ultimi anni#http://www.presstv.ir/detail/2013/02/21/290090/italy-risks-new-round-of-destabilization/^ e spiega come gli Stati Uniti si siano intromessi per dare vita al governo di Mario Monti attraverso una loro vecchia conoscenza, Giorgio Napolitano. Non è solo la Germania (i cui politici nell'ultimo mese ogni giorno dichiaravano che gli italiani non dovevano votare Berlusconi) e la stampa finanziari di Londra, ma anche come ovvio gli Stati Uniti --------- "Durante i primi anni dell'amministrazione Obama, il primo obbiettivo della comunità d'intelligence Usa è stata la distruzione del governo Berlusconi per motivi geopolitici. Per via delle vicine relazioni personali di Berlusconi con Putin, Berlusconi aveva assicurato all'Italia un ruolo importante nella costruzione del gasdotto Nordstream, e persino un maggiore ruolo nel SouthStream, entrambi progetti che Washington voleva sabotare. Berlusconi era in buone relazioni anche con il bielorusso Lukashenko, molto odiato dagli Usa. Il Dipartimento di Stato Usa voleva mettere contro la Russia di Putin l'Unione Europea, ma i burocratici pro-Usa a Bruxelles riferivano che l'Italia è divenuta l'avvocato difensore di Mosca. Lucia Annunziata sul quotidiano La Stampa del 25 Maggio 2009 scrisse in un articolo "L'ombra del Complotto" che le buone relazioni tra Berlusconi e Putin stavano danneggiando le relazioni Stati Uniti-Italia. L'Economist scrisse al tempo che dall'Agosto 2008, tempo della guerra di Georgia, l'Italia era uno dei paesi europei che si era avvicinato alla Russia più di quanto Washington volesse. Almeno dal 2010, quindi, le agenzie di intelligence Usa erano completamente mobilitate per spodestare Berlusconi. La campagna del Dipartimento di Stato per rovesciare Berlusconi, 2008-2011 Una parte di questi sforzi inclusero Gianfranco Fini, ex neo-fascista che Berlusconi aveva reso presidente della Camera dei Deputati nel 2008. Nel Luglio 2010, dopo una divergenza, Fini venne espulso dal partito di Berlusconi e si portò con se 34 deputati e 10 senatori che indebolì il governo Berlusconi ma non lo fece crollare. In seguito si seppe che l'azione di Fini era coordinata in maniera ravvicinata con l'ambasciata Usa a Roma. Durante il 2009, David Thorne divenne l'ambasciatore Usa in Italia. Thorne era all'Università di Yale compagno di stanza di John Kerry, attuale Segretario di Stato. Thorne, come Kerry ed i Bush è un membro della famigerata società segreta del Teschio e delle Ossa. Throne al suo primo incontro da ambasciatore in Italia vide Fini e non Berlusconi. Fini è secondo alcuni documenti anche un vicino amico di Nancy Pelosi. Fini, oggi, è un membro della coalizione di Monti. Ma nonostante il sostegno Usa, Fini potrebbe essere vicino alla fine. Il teatro dove ha organizzato un comizio ad Agrigento, in Sicilia, si è riempito solo di qualche decina di persone. Con il fallimento dell'operazione Fini, la Cia inizia ad esporre i festini di Berlusconi ad Arcore, vicino Milano, dando vita ad una propaganda di dimensioni mondiali. Nel 2009 Berlusconi viene seriamente ferito al volto dinanzi al Duomo di Milano. I giudici italiani, in buona parte motivati politicamente, perseguitano Berlusconi. I documenti di WikiLeaks del Dicembre 2010 confermano l'acerrima ostilità del Dipartimento di Stato Usa contro Berlusconi. Giorgio Napolitano, il comunista preferito da Kissinger Il colpo di Stato che alla fine spodesta Berlusconi nel 2011 viene gestito da Giorgio Napolitano, presidente della Repubblica italiano e quindi Capo dello Stato. La presidenza italiana è quasi sempre stata una carica di carattere formale, ma che assume potere significante quando cadono i governi, cosa che non è rara in Italia. Napolitano ha reso ancor più vasti questi poteri. Per gran parte della sua vita Napolitano è stato un membro attivo del Pci. È stato rivelato recentemente che tra il 1977 ed il 1981, Napolitano ebbe incontri segreti con l'ambasciatore Usa a Roma ai tempi di Carter, Richard Gardner. Questi incontri sono divenuti di dominio pubblico solo nel 2005, con la pubblicazione delle memorie di Gardner, nel libro "Mission Italy". Ciò rende chiaro che Napolitano fu in contatto con l'ambasciata Usa in Italia durante il rapimento e l'assassinio di Aldo Moro, una operazione in cui le agenzie di intelligence Usa ebbero un ruolo importante. Henry Kissinger ha chiamato Napolitano "il mio comunista preferito". Business Week lo indica come uomo di riferimento in Italia per il New York Council on Foreign Relations. Il sostegno di Putin a Berlusconi, ha però fatto aspettare due anni alla CIA prima di riuscire a farlo cadere". Nel resto dell'articolo Tarpley scrive questioni relativamente note su Monti, sul fatto che è un uomo di Bilderberg, di Goldman Sachs e della Trilaterale. ^Tarpley spiega nel resto il Colpo di Stato "moderno" di Napolitano e Monti#http://www.presstv.ir/detail/2013/02/21/290090/italy-risks-new-round-of-destabilization/^ e avanza dubbi su Casaleggio e Sasson per il loro ruolo nel distruggere i partiti tramite Grillo...

 

  By: Fr@ncesco on Sabato 31 Dicembre 2011 17:40

 

  By: marco on Sabato 31 Dicembre 2011 17:35

^Paolo Barnard#http://www.paolobarnard.info/interventi_indice.php^ è un pò schizzato ma in realtà stà facendo una grande cosa e secondo me non solo non ci fà una lira ma pure ci rimette, è uno mosso da una enorme passione civile. Non capisco come su questo sito non abbia raccolto grandi consensi, almeno mi sembra, per la sua ^iniziativa primo Summit italiano della Modern Money Theory#http://www.paolobarnard.info/interventi_indice.php^. Solo deretano pesante o cosa? Cerchiamo di non essere un popolo di pecore che si fà governare dai lupi. p.s. Anti...sei incredibile ...veramente non capisci niente...ricomperare i loro bonds che sono asfaltati con soldi presi dalla BCE all'1% è la stessa cosa, cioè lucrare la differenza di funding. Veramente, quando scrivi chiedi consiglio ti prego, prendi sempre fischi per fiaschi. Di Btp le banche come Intesa ne hanno già a vagoni, tutto il gruppo (banca,fondi, assicurazione, etc.) 65-70 billions tanto per fare un esempio e difficilmente possono prenderne molti altri, ci sono vincoli imposti da Banca d'Italia, EBA , etc. le cose non sono così semplici come possono sembrare, ci sono vincoli di portafoglio, etc. etc. Boaz Weinstein che io chiamo la colonna, li ha comperati sotto 90 appena ritrovo l'articolo lo metto, sorry.

 

  By: Gano* on Sabato 31 Dicembre 2011 17:20

Se io fossi una banca con quei soldi ricomprerei anche le mie obbligazioni, le ridarei in pegno alla BCE e riprenderei ancora denaro in prestito all' 1%. E' sicuro che le banche temano che il sistema possa saltare. Non ne hanno ovviamente la certezza. Sui BTP a lungo le cose potrebbero cambiare.

 

  By: antitrader on Sabato 31 Dicembre 2011 17:09

C'e' qualcuno che la pensa in modo molto diverso e anche io penso che il grosso dei prestiti BCE servira' alle banche sopratutto per sostenere e rinnovare le LORO obbligazioni. Non dimentichiamo che l'asta dei bot e' andata benissimo (credono che non saltiamo epr aria nei prox 6 mesi), ma l'asta dei titoli lunghi non e' stata nemmeno sottoscritta per intero. -------- PER LE BANCHE, L’ INVESTIMENTO “PIU’ SICURO” E’ IN PERDITA Economia DI MAURIZIO BLONDET Per le banche, l’investimento “più sicuro” è in perdita Come tutti sanno, le banche europee hanno preso in prestito dalla Banca Centrale Europea . all’1 per cento per tre anni, un 489 miliardi di euro. Di questi, ne hanno depositato 425 miliardi nei loro depositi a brevissimo (overnight) presso la stessa BCE. Ciò, nonostante il tasso d’interesse che ricevono per quei depositi sia dello 0,75%. Ossia dello 0,25% per cento inferiore al costo pagato per prendere a prestito quei fondi. Con questo loro comportamento, senza volere le banche stanno dicendo qualcosa a noi piccoli risparmiatori e depositanti. a) Che vale la pena di perdere denaro, piuttosto che investire in titoli di stato al 7 per cento. Che l’investimento “sicuro” oggi non è quello che da’ interessi, ma quello presso il prestatore d’ultima istanza, dove non c’è niente da guadagnare (Come aprire un conto in Svizzera?) b) Le banche pensano che gli stati falliranno, che le altre banche falliranno, che in ogni caso non sono “sicure”, e che è meglio attendere invece di investire qua e là. c) Le banche sanno che la disfunzione del mercato interbancario è destinata a durare, che la situazione è orribile, ed è meglio non rischiare nulla. In attesa di che? Della nuova operazione di prestito a 3 anni che la BCE indirà il 29 febbraio.

 

  By: marco on Sabato 31 Dicembre 2011 17:02

Stupenda sintesi, è proprio così e la speranza è che prima o poi la maggioranza se ne renda conto. Mi sembra che qualcosa si muova.