Il Problema è l'Europa

La finanza non è un business come gli altri - GZ  

  By: GZ on Lunedì 01 Agosto 2011 20:36

..sicuramente chi è riuscito in questi anni a cavalcare l'onda della globalizzazione e dell'apertura dei mercati finanziari ha guadagnato molti soldi, ma ne più ne meno han fatto gli industriali dell'acciaio nell'800 o i costruttori di auto nei primi 50 anni del 1900, o quelli tessili o ecc.ecc.ecc... -------------------------- No...senza offese, ma proprio leggi il forum senza capire. ^Unicredit#^ 15 anni fa aveva un bilancio come Credito Italiano di 60 miliardi di euro, oggi Unicredit ha un bilancio di 1.000 miliardi circa. Secondo te come hanno fa ad aumentare di 20 volte che l'economia italiana è aumentata forse di 2 volte ? Hanno trovato una nuova tecnologia o prodotto superlativo come Apple ? Oggi come 20 anni fa, 200 anni fa o 2 mila anni fa il loro prodotto e tecnologia è sempre lo stesso: prestare soldi ad interesse, facendoseli restituire a rate. Stessa tecnologia e stesso prodotto che si usava ai tempi della Bibbia ^Morgan Stanley#^ 20 anni fa aveva mezzo miliardo di dollari di capitale, 5-10 miliardi di bilancio e 200 impiegati e funzionari, oggi capitalizza 42 miliardi ha ^1.500 miliardi di dollari di bilancio#http://www.google.com/finance?q=NYSE:MS&fstype=ii^ e 50mila dipendenti e dirigenti. Morgan Stanley come Citigroup, Bank of America, Goldman Sachs sono aumentare non di 5 o 10 volte ma di 100 o 500 volte. SONO CRESCIUTE DI 500 VOLTE IN 20 ANNI. Hanno inventato nuove tecnologie e prodotti come Intel, Apple o Google ? Sì sono "inventate" una miriade di "prodotti finanziari" esotici, complessi ed incomprensibili, ma basati alla fine semplicemente sul VENDERE DEBITO. Hanno venduto in sostanza debito, tonnellate di debito a tutti, in tutto il mondo. IL LORO PRODOTTO E' IL DEBITO, VENDONO DEBITO (e ci speculano sopra sui mercati). Questa esplosione di "prodotti finanziari" è stata utile e necessaria ? Nello stesso periodo in cui la finanza è decuplicata di dimensione, gonfiandosi dal 5-7 al 35-40% degli utili delle borsa ad esempio) il reddito procapite americano in termini reali è leggermente calato per il 90% della popolazione. E gli USA hanno accumulato, tra famiglie e stato, circa 20mila miliardi di debito. Il PIL americano è aumentato, ma solo per la crescita numerica della popolazione e per l'aumento della ricchezza del top 5%, ma il reddito medio in termini reali è uguale o inferiore oggi a quello di 20 o 25 anni fa. Questo non è mai successo in 300 anni di storia economica americana, fatta eccezione per gli anni '30. Produrre acciaio, costruire ferrovie, estrarre petrolio o fabbricare auto come facevano Carnegie, Rockfeller, DuPont o Ford sono attività in cui devi trasformare la natura con il lavoro produttivo usando energia, materiali e tecnologia. Per loro natura sono attività concrete e tangibili dove cosa stai facendo, cosa produci, a cosa serve e come guadagni è abbastanza chiaro a tutti. Sono attività che hanno un costo di produzione certo ed obiettivo che devi coprire per guadagnare. E se non riesci più a vendere o la tecnologia diventa obsoleta o i mercati vai fallito e nessuno si preoccupa di salvare un produttore di acciaio, ferrovie, case, chimica, plastica, tessile, elettronica, traduzioni, pizze, formaggi... Creare moneta sotto la veste di creare debito, prestare questa moneta (che non ti costa quasi niente creare!!!) attraverso complesse cartolarizzazioni nascoste da derivati esotici utilizzando sofisticati trucchi contabili e veicoli offshore e manipolando il loro valore al ribasso e al rialzo sui mercati finanziari sono attività opache, artificiali ed incomprensibili al 99.9% della gente. Per loro natura sono attività "di carta" o elettroniche intangibili ed oscure dove cosa stai facendo, cosa produci, a cosa serve e come guadagni è totalmente opaco, ma enormemente profittevole. Soprattutto però a differenza di chi produce latte o plastica tutti i governi subito impegnano miliardi di soldi pubblici per tenerti a galla. E inoltre non è nemmeno chiaro a cosa serve socialmente nella maggioranza dei casi Spiegami qual'è il costo di produzione di un milione di mutui residenziali o commerciali o altri crediti cartolarizzati. Qual'è il costo di produzione dei derivati esotici, delle obbligazioni strutturate, dei bonus certificates, della speculazione su derivati ? Vai in banca e ti fanno un mutuo o un prestito per costruire da 500mila euro, spiegami qual'è il loro costo ? Non ti sembra che il costo sia identico che tu presti 5mila, 50mila, 500mila o 5 milioni di euro ? Secondo te un attività in cui puoi aumentare LA SCALA DI PRODUZIONE DI 1000 VOLTE SENZA AUMENTARE I COSTI E' COME LE ALTRE ? 'azzo , ma è un concetto così difficile... creare moneta, praticamente gratis, non è come creare maglioni, piastrelle, moto, scarpe, macchine per il caffè, lampade, pizze, latte... perchè non ti costa quasi niente e soprattutto ne puoi produrre di moneta (cioè di debito) 10, 100, 1.000 volte tanto sempre agli stessi costi...Ma sai perchè ? Perchè è solo carta o numeri battuti in un terminale, è spesso una finzione...

 

  By: peavey on Lunedì 01 Agosto 2011 10:07

Gianlini, penso sia essenzialmente questione di prospettive e di fiducia. Siamo un po' come pugili suonati all'apice della carriera. Dopo le luci ed i flash, l'inevitabile discesa. Nuovi pugili si presentano ai bordi del ring e si fa strada la consapevolezza di aver oltrepassato il punto piu alto della parabola.

 

  By: gianlini on Lunedì 01 Agosto 2011 09:39

se non fosse che ormai corrisponde alla mia "cerchia di amici con cui fare quattro chiacchiere" sarei tentato di non leggere più cobraf mi sembra infatti che ormai il tono pessimista sullo stato dell'economia e della realtà sia eccessivo, e che questo si ripercuota sulle decisioni da prendere, per timore che gli scenari più apocalittici si verifichino un po' come quando leggi che via Padova è un inferno, poi ci vai e la trovi una via normalissima, anche bella secondo me in certi punti sicuramente essendo quella degli attuali 30enni-40enni-50enni la prima generazione impossibilitata in genere a superare i proprio genitori, esiste un profondo disagio collettivo che si traduce in facile pessimismo che gente come la Le Pen può sapientemente cavalcare; sicuramente qualche difficoltà in più rispetto al recente passato c'è (ma non saprei come confrontare un mondo in cui v'era solo il 33 giri, la televisione a 5 canali, il bagno la domenica mattina e il gelato a 4 gusti (vaniglia, cioccolato, fragola e limone) con l'attuale mondo dell'ipad, dell'ipod, della televisione satellitare, della doccia quotidiana e del gelato millegusti) ma da qui a tessere trame di orde di banchieri famelici al succhio della società civile......sicuramente chi è riuscito in questi anni a cavalcare l'onda della globalizzazione e dell'apertura dei mercati finanziari ha guadagnato molti soldi, ma ne più ne meno han fatto gli industriali della'cciaio nell'800 o i costruttori di auto nei primi 50 anni del 1900, o quelli tessili o ecc.ecc.ecc. essere nella finanza in questi 20 anni era il posto giusto dove essere, punto!

Sintomi di rivolta - GZ  

  By: GZ on Lunedì 01 Agosto 2011 06:12

^Epidemia di occupazioni di aziende che chiudono e azioni di protesta "Non Pago" in Grecia#http://www.guardian.co.uk/world/2011/jul/31/greece-debt-crisis-anti-austerity^ del tipo aprire i caselli dell'autostrada, non pagare l'autobus o la metro, non pagare al supermercato , non pagare l'ospedale.... Hai ingegneri che lavorano ora poco che organizzano azioni di "autoriduzione" della spesa ai supermercati, vanno in gruppo a fare la spesa con cartelli che chiedono -30% di sconto, riempiono i carelli e se non gli danno lo sconto mollano tutto e riprovano...Vanno all'ospedale e per non pagare i ticket occupano e bloccano la cassa... Da una parte ai i banchieri e la finanza internazionale che hanno spinto la UE e la BCE ad imporre al governo greco per pagare i debiti di dare via le autostrade a pedaggio, dall'altra hai questo movimento che blocca le sbarre dei caselli così nessuno paga. Non lo sapevo ma qui in Grecia hai gente di tutti i generi, anche managers, che quando arrivano al casello alzano a mano le sbarre e non pagano il transito. Ma questo perchè il 2011 è il terzo anno in cui il reddito nazionale in grecio si contrae, tre anni di recessione continua che sta ora diventando una depressione, il Guardian (che tra parentesi è anni luce sopra Repubblica a cui viene accostato come equivalente inglese di sinistra) riporta che a Tessalonica c'è tanta gente che non ha più i soldi per usare la manica come benzina, assicurazione e riparazioni che lasciano l'auto ferma e di conseguenza il Comune ha notato che l'inquinamento è di colpo migliorato I banchieri e questi della finanza hanno esagerato, per ora hanno vinto imponendo tutto quello che volevano, ma hanno venduto la pelle dell'oro troppo presto, vedremo come va a finire. Acetto scommesse che entro un anno o due massimo avrai una situazione simile o paragonabile al 1968-'72 e 1931-34 Su Spiegel questo mese c'è un ottimo reportage sulla nuova star della politica europea, Marine LePen, 42enne bionda, conm una bella faccia rotonda sorridente, energica e spiritosa che oltre ad carisma personale ha svoltato nella direzione giusta il Fronte Nazinoale, cioè del populismo economico. Oggi la LePen è 4 punti sopra Sarkozy nei sondaggi, perchè ^attacca la globalizzazione, chiede il protezionismo verso l'Asia e la Cina, chiede di uscire dall'euro, di tassare le aziende che spostano tutto all'estero e di nazionalizzare le banche#http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,772875,00.html^. Un eroina insomma, ha solo 42 anni, ma pur essendo avvocato ha capito l'economia (deve essere tra i lettori di questo blog...). La Marine LePen sta spopolando in TV e sui media, persino Spiegel che di solito massacra i movimenti anti-immigrazione mette il solito titolo sulla "Madame Rabbia" e poi ne scrive affascinato. La Marine va a volantinare davanti ai cancelli della Renault alle 8 del mattino e vive con il padre e la sorella per risparmiare perchè al FN non hanno una lira. Sarkozy si fa compatire questa settimana per aver speso milioni di euro nell'arredamento dell'aereo personale come uno sceicco installando amenità da rock star e passa vacanze e weekend sempre e solo tra i miliardari. Le elezioni sono tra un anno, Sarko è spacciato ormai, nei sondaggi lo danno tra il 15 e il 20% e quello che doveva sfidarlo tra i socialisti era il vecchio porco Strauss-Khan che come inizio di campagna elettorale ha un poco lasciato a desiderare con la sua cameriera mignotta della Guinea. (La moglie dello Strauss è stata citata sui giornali a confidare ad un amica che il suo Dominque era andato a NY per trombare un poco in pace delle mignotte come relax necessario prima di lanciarsi nella campagna elettorale) Per cui sarà un ballottaggio tra la solita socialista, la Aubray e la tremenda LePen. Quando il padre (che però sembrava un poco l'orco cattivo come simpatia) arrivò al ballotaggio nel 2002 ebbe contro Chirac, ma se lei nel 2012 si ritrova invece la solita socialista fiacca e sbiadita e una crisi economica stile anni '30 ha delle chances. Pensa se un candidato che fa campagna elettorale per uscire dall'euro comincia ora a sembrare credibie in Francia per le presidenziali..

 

  By: pana on Giovedì 14 Luglio 2011 14:03

spinte secessionistiche anche in California, vogliono fondare il 51esimo stato... http://news.yahoo.com/blogs/ticket/gop-lawmaker-wants-south-california-nation-51st-state-151258363.html

 

  By: DRAGUTIN on Giovedì 14 Luglio 2011 13:55

Ahahahah bellissima...

 

  By: Giovanni-bg on Giovedì 14 Luglio 2011 12:35

La giusta reprimenda da parte di un grande decisionista, uno che i problemi li ha sempre affrontati di petto http://www.ciropiccinini.it/media/1/20080110-prodi-dorme-a-messa.2.jpg

 

  By: Cures on Giovedì 14 Luglio 2011 11:29

Anche Prodi contro l'Europa: "ha pesantemente fallito" http://www.wallstreetitalia.com/article/1169024/anche-prodi-contro-l-europa-ha-pesantemente-fallito-.aspx

 

  By: defilstrok on Mercoledì 13 Luglio 2011 21:47

Grande Moderatore! Già che ci siamo, ricordiamoci che domani... è il 14 luglio!!

Fuck Fitch - Moderatore  

  By: Moderatore on Mercoledì 13 Luglio 2011 20:28

La borsa italiana e le banche italiane nonchè ovviamente il BTP oggi rimbalzano bene dopo che una delle tre famigerate agenzie di rating, Fitch, è uscito a sorpresa con un report in cui dice che l'Italia non ha problemi ^"..Fitch promuove la manovra italiana: ambiziosa, stabilizza il rating "#http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2011-07-13/fitch-promuove-manovra-italiana-163107.shtml?uuid=AapZEpnD^. Mentre la scure di S&P s'è abbattuta sul rating italiano, e Moody's mette sotto osservazione il nostro paese e alcune delle sue principali aziende da Fitch, terza agenzia di rating mondiale, finora era arrivato solo silenzio. Di solito Fitch, che controlla il 16% del mercato globale del rating, funge da ago della bilancia in caso di giudizi discordanti tra S&P e Moody's, che controllano il 40% a testa del mercato globale del rating. Stavolta però è diverso, è Fitch a non concordare con le altre due. Gli analisti di Fitch hanno fatto una approfondita analisi della situazione finanziaria e politica dell'Italia e del suo indebitamente e hanno concluso che, in realtà la situazione dell'Italia è buona sulla base di questi elementi: 1) il 60% di Fitch è controllato Fimalac, la holding del finanziere francese Marc de Lacharriére, 13° uomo più ricco di Francia, cioè Fitch è francese 2) La Francia detiene 500 miliardi di debito pubblico italiano, cifra che corrisponde ad oltre il 20% del PIL francese e la Francia ha investito molto in aziende italiane, acquisendo in rapida successione: Parmalat, Bulgari, Rinascente e Gucci ecc... Quindi, essendo Fitch legato alla finanza francese ed essendo la Francia immersa nel guano perchè piena di debito italiano gli analisti di Fitch dichiarano oggi che il debito dell'Italia è ottimo. Non si capisce perchè assumano dei laureati con Master a Chicago o Cambridge che gli costano un occhio, potrebbero impiegare degli indianiche scrivano in inglese sotto dettatura a 2 dollari l'ora e poi mandano una mail da Bombay Inoltre il Fondo Monetario Internazionale oggi ha anche lui promosso l'Italia: "..bene la riduzione del deficit, ma il risanamento del bilancio deve continuare...". Al FMI è stata installata dieci giorni fa Cristine Lagarde, che era ministro delle Finance francese e la cui unica preoccupazione quest'annno è evitare che il sistema finanziario francese venga travolto dall'esposizione verso il debito di Grecia, Spagna e soprattutto Italia.... (notare che al Fondo Monetario lavorano quasi 3 mila funzionari, quasi tutti con Master in economia e pagati dai 200mila dollari in su, tutti esentasse come accade alla UE, BCE e Banca Mondiale. Anche lì se la potrebbero cavare con qualcuno che scriva in inglese corretto)

 

  By: shabib on Venerdì 10 Giugno 2011 23:56

ecco dei nuovi candidati ad essere schiavizzati , a meno che non siano all'altezza della germania.....quando leggo i nuovi adepti chi sono , come polonia, romania , slovacchia o altri paesi dell'est, davvero mi dico che il grande disegno sta avverandosi.... quello che mette in gabbia le sovranita' internazionali in nome di una moneta, badate bene , non di un'unita' sostanziale come quella egli USA o quella che fu dell'URSS... DAL LUGLIO 2013 Sì all'ingresso della Croazia in Europa L'annuncio del presidente Barroso: «Giornata storica» DAL LUGLIO 2013 Sì all'ingresso della Croazia in Europa L'annuncio del presidente Barroso: «Giornata storica» Jose Manuel Barroso (Reuters) MILANO - L'Unione europea accoglie un 28esimo membro: la Croazia. Che, a pieno diritto, potrebbe entrare nell'Ue dal primo luglio del 2013. Adesso l'adesione di Zagabria dovrà essere confermata dai 27 Paesi. Ad annunciarlo è stato il presidente dell'esecutivo comunitario José Manuel Barroso definendo quella di venerdì 10 giugno «una giornata storica per la Croazia e per l'Unione europea». L'ultimo allargamento dei confini Ue risale al 2007, quando entrarono la Bulgaria e la Romania. L'ok dell'esecutivo comunitario all'ingresso della Croazia è giunto dopo cinque anni abbondanti di negoziati non facili e dovrà ora essere approvato dal Consiglio dei ministri degli Esteri (la prima occasione è fissata per la riunione che si terrà a Lussemburgo il 20 giugno prossimo) e dal vertice europeo del 23-24 giugno. UN SEGNALE PER L'EUROPA - «In questo momento significativo - ha commentato Barroso - voglio applaudire le autorità croate, in particolare l'attuale governo, per il duro lavoro degli ultimi anni. Ma, ancora più importante, mi voglio congratulare con la popolazione della Croazia». Un passo «importante» ha detto ancora Barroso e «un segnale per il resto dell'Europa sudorientale che mostra che l'allargamento funziona, che l'Ue mantiene i suoi impegni e che le riforme strutturali hanno buoni risultati nei paesi». I COMMENTI - Zagabria, ha precisato il commissario all'Allargamento Stefan Fule, soddisfa tutti i criteri per l'ingresso in Ue e i progressi effettuati, anche nel delicato settore della lotta alla corruzione, «sono irreversibili». Soddisfatto per la decisione della Commissione anche il ministro degli Esteri Franco Frattini che ha aggiunto che il percorso dell'Ue «non è terminato», ma la conclusione dei negoziati di adesione della Croazia con l'Unione europea è il risultato di «un impegno straordinario» del governo di Zagabria, sostenuto «con convinzione» dall'Italia. «Siamo felici e orgogliosi di aver raggiunto questo importante obiettivo» ha commentato il ministro degli Eteri Croato, Gordan Jandrokovic. «Quest'anno - ha proseguito Jandrokovic - festeggiamo 20 anni della nostra indipendenza. È un bel regalo la fine dei negoziati e credo che ce lo siamo meritato. Abbiamo soddisfatto 127 criteri per il riconoscimento e siamo soddisfatti che la Commissione europea lo abbia riconosciuto». Redazione online 10 giugno 2011 http://www.corriere.it/esteri/11_giugno_10/croazia-unione-europea-ingresso-barroso_b0d9da34-937d-11e0-aa50-3c890fd936ef.shtml

 

  By: crashh on Domenica 22 Maggio 2011 15:06

Ore 17:15: se non fosse stato per il "Bing" dell'eseguito, non mi sarei accorto di nulla. In una frazione di secondo il Dax è crollato da 7316,5 a 7275 (cioé a 2 soli tick dai minimi della seduta) per ritornare come un fulmine a 7315. Il movimento è stato talmente veloce che lo stop a 7300 (che avrebbe potuto scattare con un eseguito anche a 7275) mi è stato fatto a 7314,5 cioé 14,5 tick SOPRA il mio stop!! Non è mi è piaciuto proprio per niente. Anzi, mi ha indotto a scansare ogni indugio a a shortare per tutta la seduta di venerdì. Un saluto al Grande Defil, pochi, ma buoni, l'aspetto in zona 6200, siamo short da molto, rimaniamo in posizione, il maialone dovra' scoppiare, tutti quei GAP UP di settimane fa', hanno fottuto solo gli sprovveduti, i grafici erano chiari.. QUELLI DI LUNGO, ma pochi li sanno leggere! UN SALUTO AL FRATELLO METEO, GRAFICISTA DI LUNGO, PER FORTUNA CHE SIAMO SHORT!

 

  By: defilstrok on Domenica 22 Maggio 2011 02:11

La sensazione di Zulauf è, invero, sempre più condivisa. Nel mio piccolo, se fino a una decina di giorni fa ipotizzavo una correzione dei mercati ma lenta e di sottecchio, nelle ultime sedute sto maturando probabilità crescenti di un Big Dive delle borse. E i segnali tecnici e la price action di venerdì sembrano un ottimo prodromo. Sospetto aumentato ulteriormente con la sfacciata intromissione manipolatoria sui mercati e con le prove tecniche di un nuovo flash crash manifestatosi giovedì sul Dax, passato anch'esso sotto silenzio, ma di cui sono stato protagonista, e che la dice lunga sul rischio di assumere posizioni long, anche di stretto trading, in questa situazione. Ore 17:13 del 18 maggio: compro un Dax a 7314 con stop a 7300. Ore 17:15: se non fosse stato per il "Bing" dell'eseguito, non mi sarei accorto di nulla. In una frazione di secondo il Dax è crollato da 7316,5 a 7275 (cioé a 2 soli tick dai minimi della seduta) per ritornare come un fulmine a 7315. Il movimento è stato talmente veloce che lo stop a 7300 (che avrebbe potuto scattare con un eseguito anche a 7275) mi è stato fatto a 7314,5 cioé 14,5 tick SOPRA il mio stop!! Non è mi è piaciuto proprio per niente. Anzi, mi ha indotto a scansare ogni indugio a a shortare per tutta la seduta di venerdì. Come dice l'ottimo Jesse: "The markets generally ignored the financial crisis as it unfolded, and stocks were largely unchanged on the weekend before the collapse of Lehman Brothers took the markets down hard. I do not expect the next financial crisis to be anticipated any better by this market. Price discovery and efficient capital allocation is not possible in a system permeated with fraud. Nella foto: grafico del Dax a 1 minuto

...die Bombe in Italien wird noch in diesem Jahr platze.. - GZ  

  By: GZ on Sabato 21 Maggio 2011 18:57

Felix Zulauf uno dei personaggi senior più rispettati nel mondo finanziario europeo è ora molto negativo, si aspetta una correzione pesante dei mercati, del -20%, una crisi dell'euro determinata in buona parte dall'Italia e un cedimento generale delle commodities. Il titolo del pezzo su Handelsblatt è "Also nächstes ist Italien dran“ (la prossima è l'Italia). Zulauf è uno che ha una reputazione, non lavora per istituzioni, è ora a 70 anni consulente indipendente di una serie di fondi e pesa le parole. Se dice che è in corso "..una fuga strisciante dei depositi dalle banche italiane..." e che ^"... Die Einlagen der Kunden bei den Banken sinken. Wir erleben einen Bank-Run in Zeitlupe.....die Bombe in Italien wird noch in diesem Jahr platzen..."#http://www.handelsblatt.com/finanzen/boerse-maerkte/anlagestrategie/als-naechstes-ist-italien-dran/4165736.html^ (..i depositi dei clienti nelle banche italiane stanno calando.. è in corso una fuga dalle banche italiane al rallentatore....quest'anno la bomba scoppierà in Italia...), può essere che risulti vero ------------------------ Barron's Roundtable member Felix Zulauf spoke to the German-language Handelsblatt about the European sovereign debt crisis and financial markets in an article published today. Like Jeremy Grantham, he has turned bearish. Below is my translation of that article. ^ Italy is Next.....The euro will break apart. At least that is what stock market Guru Felix Zulauf expects. Handelsblatt spoke to the Swiss investment banker about his expectations for the stock market#www.creditwritedowns.com/2011/05/felix-zulauf-turns-bearish.html#ixzz1Mzztyc00^ Frankfurt. Mr. Zulauf, you were always a big critic of the euro. How is the crisis going? Felix Zulauf: Debt problems are never solved by more debt. In Greece, an epic drama is playing out. The Greeks are broke. The Irish are too. And the Portuguese are close. Who's next? Spain is still doing well, but the things will proceed as in Ireland. The Spanish bonds are priced incorrectly. The European Central Bank is manipulating the price. Is that the full count of crisis countries? No, it is missing Italy. Deposits are falling at their banks. We are experiencing a bank run in slow motion. Banks in Italy and in Spain are being refinanced with ever more short-term financing. Soon the biggest buyer of government bonds will be missing. This means that yields have to rise. And the bomb will explode in Italy this year already. Can the Euro take it? No. The markets want a breakup of the euro, with a value loss of 40 to 50 percent in the peripheral countries. The politicians want to save the euro.This is only possible via a weak currency and high inflation. And the other currencies? None is healthy. The dollar is also weak. Only the Americans believe that they can live with a 10 percent government deficit every year and that the U.S. central bank can expand its balance sheet forever. How does the Fed deal with the crisis? The purchase of government bonds was nonsense. We live in an era of central banks as great financial market manipulators. Fed Chairman Ben Bernanke wants higher stock prices. Previously they would have sent a Fed chairman into the wilderness for such a goal. And the consequences? My scenario for the coming years, even for Germany: tax increases, reduction of growth expectations, thus decreasing purchasing power. Profits will accrue only the wealthy few, who own stocks, real estate and commodities. What's on shorter term in the stock market? Between the Spring and the Fall, I expect a major correction in commodities and stocks. This has now begun. The markets are overheated and the emerging economies are raising interest rates. Investors have so far been very sanguine... Because they have made a lot of money over the last two years. Now a defensive positioning is best. First to fall will be commodities, then shares. In the summer, analysts will begin to lower their earnings expectations. Then shares will drop, perhaps by 20 percent. And what will the Federal Reserve do then? It starts its next government bond purchases, their "QE3."

 

  By: pana on Martedì 26 Aprile 2011 17:53

chi usa i parchi per business , gli allenatori di fitnss e i dogsitter da ora in poi dovra pagarci sopra una tassa..ahahah potebbe essere un idea..ad ostia ora controllano le carte di http://www.dailymail.co.uk/news/article-1380485/Fitness-trainers-nannies-teachers-hit-350-council-fees-run-park.html