Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Domenica 25 Marzo 2018 22:53

Anti io sono di indole tranquillo, nel senso che se non rompono non rompo, sto al mio posto....

Pero' se mi attaccano allora replico.....e ho replicato su queste affermazioni che tendevano a sminuirmi....e le riporto (TRA VIRGOLETTE)...

" I tipi come te Bulfinn, che pensano di essere tanto ganzi, farebbero  un passettino avanti se riconoscessero che alle persone che governarono in quegli anni i tipi come te potevano far al massimo da maggiordomo o autista, o anche giardiniere "

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Domenica 25 Marzo 2018 22:30

Bull,

non condivido i toni troppo aggressivi ma li hai letteralmente stesi con i dati veri.

Aggiungo solo che gli hai perfino risparmiato un particolare non irrilevante a ulteriore supporto della tua tesi:

In un contesto di tassi decrescenti (e qui stiamo parlando di una decrescita di 20 punti!!!) il debito ne soffre perche' hai l'effetto zavorra delle cedole grasse su titoli emessi negli anni precedenti.

In ogni caso, con questi qui sotto,  sembra di stare alla scuola media: E' cosi' perche' lo ha detto IL PROFESSORE.

Ma rob de matt!

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 22:21

"candidamente"

 

Beh, ha affermato "candidamente" di essere un cretino. Onore al merito. Non lo ha affermato come un imbroglione qualsiasi.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Domenica 25 Marzo 2018 22:18

"Quindi intanto dal 1965 al 1981 non vi era il divorzio, non vi era l'euro, sme, etc...."

Bullfin, non rispondo a te perché sei troppo limitato (scusa, ma non è una colpa); do elementi ad altri che leggono.

1) il vero aumento (la riesci a vedere l'inclicazione del segmento?) c'è stato dopo il divrzio del 1981 ed è un fatto;

2) l'aument del debito pubblico dal 1965 al 1981 è più che contenuto tenendo conto di cosa è successo in italia dal 1965 al 1981: '68, autunno caldo, stragi e, soprattutto, brigate rosse.

I tipi come te Bulfinn, che pensano di essere tanto ganzi, farebbero  un passettino avanti se riconoscessero che alle persone che governarono in quegli anni i tipi come te potevano far al massimo da maggiordomo o autista, o anche giardiniere.

 

 

Te Muschio stai ampiamente guadagnandoti sul campo le stellette di supremo capo dei somari e sei pure arrogante....ripetendo la filastrocca degli altri senza nemmeno sapere i rudimenti dell'economia...

1) riporto analisi mie....a) tabella con dati del debito pubblico nominale dati Pace, tasso annuale di inflazione istat....avevo gia' tre quattro anni pubblicato questo...ora prendi i dati del debito pubblico nominale e li depuri dall'inflazione...ottieni il debito reale (spiego cose di una banalita' sconcertante ma Muschio occorre erudirlo dai rudimenti) poi il debito pubblico reale lo metti in rapporto con i vari anni e ottieni per ogni anno l'incremento percentuale....bene il debito pubblico incrementa in termini reali molto di piu' negli anni 70 che non dopo...guarda a caso....

3) te sei indottrinato da cretini e sei pure piu' cretino di costoro...

4) in questi anni dove la concorrenza nel mercato del lavoro è altissima non solo dirigo due stabilimenti, ma pure mi hanno aumentato il salario, ed ho ottenuto benefit che i miei predecessori non hanno mai ottenuto....vi è un solo problema...non vogliono che prenda ferie e permessi...e sai perchè? perchè ad ogni problema i titolari vengono da me perchè sono per loro un punto di riferimento... i consulenti bancari mi temono e rigano dritti perchè sanno che a me non mi fregano...pure il Direttore corporate di una grande banca italiana ha riconosciuto quello che ho fatto e quello che so.....sono apprezzato da svariati commercialisti dell'alto Veneto, sono uscito con max dei voti e tesi di ricerca, con complimenti da parte della commissione e di svariati professori, ho corretto anche gli esami ad un professore che ha riconosciuto un suo errore, ............te sei un poveretto sempliciotto....tu cosa fai? chi sei?...Muschio, sparisci....

 

 

 

 

 

 

 

 


 Last edited by: Bullfin on Domenica 25 Marzo 2018 23:07, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Domenica 25 Marzo 2018 22:12

" candidamente "


Appunto, candidamente, mica come un imbroglione qualsiasi? (o un rettiliano che e' un cretino per definizione)?

Quando ti impoverisci (o ti riempi di debiti) DEVI PRODURRE PER GLI ALTRI, la tua capienza da "consumatore" si e' deteriorata (ti sei gia' magnato tutto!).

La cialtroneria invece e' alla perenne e affannosa ricerca della "genialata" e della napoletanata per non pagare dazio.

Spero che almeno una cosa te l'abbia ben presente, il ritorno alla lira sarebbe efficace proprio per questo, ridurrebbe il paese in miseria e, a quel punto, devi per forza lavorare per gli altri per tre cocomeri e un peperone visto che la tua moneta non vale un cazzzz.

Il tuo campione invece te la racconta diversa: STAMPA E MAGNA!

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Domenica 25 Marzo 2018 21:56

++++i governi successivi non li hanno aboliti?++++

 

Perché bisognava distruggere la domanda interna, come il Ns. ha ( all’estero ) candidamente affermato:

 

MONTI: Well, we are gaining a better position in terms of competitiveness because of the structural reforms. We're actually destroying domestic demand through fiscal consolidation. Hence, there has to be a demand operation through Europe, a demand expansion.

 

 

http://transcripts.cnn.com/TRANSCRIPTS/1205/20/fzgps.01.html

 

 


 Last edited by: Tuco on Domenica 25 Marzo 2018 21:57, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Domenica 25 Marzo 2018 21:55

"Quindi intanto dal 1965 al 1981 non vi era il divorzio, non vi era l'euro, sme, etc...."

Bullfin, non rispondo a te perché sei troppo limitato (scusa, ma non è una colpa); do elementi ad altri che leggono.

1) il vero aumento (la riesci a vedere l'inclicazione del segmento?) c'è stato dopo il divrzio del 1981 ed è un fatto;

2) l'aument del debito pubblico dal 1965 al 1981 è più che contenuto tenendo conto di cosa è successo in italia dal 1965 al 1981: '68, autunno caldo, stragi e, soprattutto, brigate rosse.

I tipi come te Bulfinn, che pensano di essere tanto ganzi, farebbero  un passettino avanti se riconoscessero che alle persone che governarono in quegli anni i tipi come te potevano far al massimo da maggiordomo o autista, o anche giardiniere.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Domenica 25 Marzo 2018 21:45

Denigrare Monti e' il piu' squallido esempio dell'italica cialtrneria.

Intanto i provedimenti glieli hanno votati forzuti, piddini e fascisti. La lega si e' chiamata fuori ma solo come stto di furbizia.

Ma poi, visto che quei provvedimenti facevano schifo al cesso perche' i governi successivi non li hanno aboliti?

Cialtroni!

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:27

Monti ha fatto due grandi cagate: non ha tagliato la spesa pubblica e non ha tolto i privilegi a chi li aveva. Ha solo aumentato le tasse.

 

Un bel coglione!

 

Anche la legge Fornero, ma mi dite che cagata che è? Bastava che mettesse il tetto a 2.500 euro. O a 2.000 euro. Tanto con 2.000 euro un vecchio ci campa decentemente. 


 Last edited by: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:32, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Domenica 25 Marzo 2018 21:26

Fantastico...quindi la colpa è della guerra fredda....oh mai na volta che un italiano si prenda la responsabilita' per le proprie azioni....

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Domenica 25 Marzo 2018 21:25

"La manovra fatta da Mario Monti, mi duole dirlo (ma è la realtà, è stata una manovra da manuale di macroeconomia ), non aveva grosse alternative."

 

Tuco,mi duole dirlo,seppur fossi stato a favore di un suo insediamento,ha commesso una cagata dietro l'altra,proprio non me lo sarei

aspettato.........


 Last edited by: traderosca on Domenica 25 Marzo 2018 21:25, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:21

Per Bullfin, ti dimentichi che fino al 1992 eravamo in piena guerra fredda con -caso unico in Europa- un Partito Comunista filo sovietico con grande attrattiva sulle masse. La gente andava convinta ad essere democristiana ed andava convinta a suon di mazzette e di soldi per tutti. Infatti quando nasce Tangentopoli? Nel 1991 e il Muro di Berlino cade nel 1989. Prima i magistrati non si erano accorti di nulla? Quando c'era Grillo che lo diceva pubblicamente in televisione (infatti non lo chiamarono più)?. Prima c'erano forze molto forti, molto più forti di quello che ti puoi immaginare che permettevano, anzi, sostenevano tutto questo, perché tanto pagavano gli italiani. Forze che nei confronti del PCI non sono andate molto per il sottile. Hai visto la fine che ha fatto Moro e la sua scorta appena ha fatto capire di voler tirare il PCI dentro la vita politica democratica italiana. 

 

C'erano le atomiche puntate e a nessuno poteva fregare di meno del debito italiano. Quello era il minore dei problemi. C'era una fazione politica anti sovietica e andava finanziata a tutti i costi. Costi quel che costi.


 Last edited by: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:31, edited 3 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Domenica 25 Marzo 2018 21:17

e mi fermo quì perché non ti voglio male Bull

 

Grazie caro :)....

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:15

Altrimenti abbiamo un'altra soluzione se vogliamo restare nella moneta unica e continuare ad essere il paese modello che ubbidisce a Bruxelles e rispetta tutti i parametri: abbassare drasticamente la tassazione, rendere il mercato del lavoro completamente libero, provocando una massiccia deflazione salariale, abbassare aa livelli minimi le tasse societarie per portare le aziende straniere in Italia, tagliare la spesa, a cominciare dalle pensioni (tetto a 2.000 euro), il militare (via le portaerei, cancellazione degli F-35, delle missioni in Afghanistan, in Libano, in Libia...), sostanziale cancellazione dell'esercito, con mantenimento di una milizia territoriale volontaria di non più di 30.000 uomini, obbligo servizio civile per tutti i 18enni, maschi e femmine, a pulire il culo agli anziani, accompagnare i non vedenti, e a fare tutti quei lavori per i quali abbiamo bisogno di badanti o assistenza non-specializzata, taglio spesa sanitaria con obbligo per tutti i cittadini di avere un'assicurazione (sovvenzionata per i disoccupati e i redditi più bassi, cosa che costerebbe comunque molto meno che il baraccone che abbiamo in piedi oggi), e unica sovvenzione, un reddito extra per ogni figlio, per garantire il nostro futuro. Chiusura di provincie ed altri enti inutili con dipendenti a spasso ad alimentare il mercato del lavoro. Apertura all'immigrazione, con campi di confino perpetui nelle saline siciliane o nelle latomie di Siracusa per il primo che sgarra. Legalizzazione della prostituzione.

 

Sono sicuro che sarebbe una medicina che funzionerebbe. E funzionerebbe anche bene. Ma chi è che in Italia ha il coraggio di fare una cosa del genere? Dove sono i Lupi?

 

 


 Last edited by: Gano di Maganza on Domenica 25 Marzo 2018 21:34, edited 3 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Tuco on Domenica 25 Marzo 2018 21:12

Chi vuol mettere di nuovo il bilancio italico in mano agli italiani è un COGLIONE!

 

Potresti avere tre volte ragione sui dati che hai portato, ma la tua affermazione è inqualificabile ( e mi fermo quì perché non ti voglio male Bull ).


 Last edited by: Tuco on Domenica 25 Marzo 2018 21:12, edited 1 time in total.