UKRAINA e SANZIONI

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Venerdì 09 Giugno 2023 14:53

bello: 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Venerdì 09 Giugno 2023 14:36

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: pana on Venerdì 09 Giugno 2023 13:57

meloni al 70 %

non nei sondaggi, in presenze tv

Meloni invade i Tg: il centrodestra ne occupa fino al 70% - la Repubblica

Trump can barely speak, quickly ends event & leaves stage - YouTube

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: pana on Venerdì 09 Giugno 2023 13:42

"rinbecillito"

 

Trump can barely speak, quickly ends event & leaves stage - YouTube

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Venerdì 09 Giugno 2023 12:20

memoria corta?

il tuo merdaviglioso governo 5seghe ci ha rinbecillito di stupidissimi lockdown, devastando le catene logistiche e facendo partire l'inflazione

per non parlare del resto:

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Venerdì 09 Giugno 2023 12:17

Il 6 gennaio indicavo il punto di inversione al rialzo di Tesla, seguito poi dal raddoppio in poco più di un mese (anche se da allora si sarebbero potute fare varie operazioni). Ricordo invece di un trader farlocco del Cobraf che consigliava l'acquisto di Rivian (circa un anno fa) a 25 e ora ce la ritroviamo a 14. Non ho mai visto tanta ignoranza operativa su un sito di finanza, dove il massimo che dicono i sedicenti esperti dei mercati è che in finanza "nessuno sa un cazzo". Incredibile...

 

 

– Ho imparato a non fare lotta con i maiali. Ti sporchi tutto e, soprattutto, ai maiali piace...

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lmwillys1 on Venerdì 09 Giugno 2023 10:51

le MERDE draghetto e nana decerebrata ci stanno spedendo a passo di carica alla caritas 

non so voi coglioni quando cazzo vi sveglierete

la gente non consuma un cazzo e per giunta da fondo ai risparmi solo per sopravvivere

 

https://www.milanofinanza.it/news/l-inflazione-brucia-i-risparmi-degli-italiani-i-depositi-totali-calano-di-61-miliardi-sileoni-le-banche-202306090801371508


 Last edited by: lmwillys1 on Venerdì 09 Giugno 2023 10:52, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lmwillys1 on Venerdì 09 Giugno 2023 10:10

lo so che anche qui è pieno di coglioni che si bevono le cazzate di istat governo e media e hanno votato o addirittura continueranno a votare le TESTE DI CAZZO al governo ...ma, insomma ...

https://www.ilsole24ore.com/art/produzione-industriale-ad-aprile-calo-dell-19percento-72percento-annuo-AEIrlOcD

 

 

c'è molto da aggiungere ... tipo la lotta senza quartiere alle rinnovabili, alla sanità pubblica, l'assenza totale di investimenti esteri sul nostro territorio, la nostra deindustrializzazione in accelerazione violenta, qui ormai solo si spera di campare di turismo ma dando 4 euro al giovanotto autoctono MAI nato od emigrato la speranza si complica,  il disastro geologico affrontato assolvendo i cementificatori passati e futuri, la giustizia ammazzata del tutto, l'incapacità progettuale totale con come al solito il mancato sfruttamento dei fondi europei (per giunta oggi straordinariamente enormi grazia al M5S e a Conte), ecc. ecc. .... ma, insomma, un breve riepilogo ....

 

 

 

Home > CERVELLI

Quelli che erano pronti!

 - GIUGNO 9, 2023

FacebookTwitterWhatsAppEmailPrintCopy Link

di Torquato Cardilli – Le bugie, specialmente in politica, nascono con un inesorabile destino: fatta poca strada (per questo si dice che hanno le gambe corte) vengono messe a nudo e debbono ritirarsi coperte di vergogna di fronte alla verità. Diceva il cancelliere prussiano Bismarck che ci sono tre momenti nella vita in cui l’essere umano è preda e vittima di questa maledizione del dire con molta facilità tante bugie e sciocchezze in mala fede: prima delle elezioni, durante la guerra e dopo una battuta di caccia.

Sono bastati 8 mesi di governo per far cadere la maschera di quelli che dicevano di essere pronti. Bugia enorme a coronamento di quelle sciorinate in modo patetico, senza un briciolo di pudore, durante tutta la campagna elettorale ed oltre. Bugie funzionali a raccogliere momentanei consensi, cioè cambiali destinate ad essere presentate alla scadenza e che se non pagate non tarderanno a ritorcersi contro i traenti che le avevano emesse con arrogante sicumera.

Ricordiamone qualcuna tra le tante: non venderemo mai l’Alitalia allo straniero (infatti dopo aver ridotto alla metà le dimensioni della compagnia di bandiera, hanno ceduto il 40% alla Lufthansa); attueremo il blocco navale alla Libia (non una singola nave o barcone è stato fermato); perseguiremo gli scafisti nel globo terraqueo (non risulta che sia stato arrestato e portato di fronte alla giustizia un solo trafficante); i clandestini saranno rimpatriati (su 100 mila clandestini ne sono stati (ripeto stati) rimpatriati meno di una decina); prima di firmare il MES dovranno passare sul mio cadavere (è tutto da vedere); i nomadi si chiamano così perché debbono “nomadare” (qui si raggiunge l’apice del neologismo deficiente); siamo e saremo per la certezza della pena (infatti il ministro di giustizia vuole ulteriormente allargare le garanzie a favore del reo e non delle vittime del reato); è nostro compito di patrioti evitare la sostituzione etnica, salvando il ceppo italiano (nessuno ha ricordato un po’ di storia a questi patrioti: neppure l’impero romano difendeva il presunto purismo etnico, che è vietato dalla nostra costituzione); aboliremo le accise (infatti stanno ancora tutte là dove sono state messe sin dalla guerra d’Etiopia); aboliremo il pos (la marcia indietro è stata umiliante); abbasseremo le tasse (se ne saranno accorti quelli che le pagano veramente?); condurremo una lotta senza quartiere ai grandi evasori (ci sono evasori, che se la ridono, per 170 miliardi all’anno, pari ai fondi in prestito del PNRR); ci opporremo alle pressioni europee per l’applicazione della direttiva Bolkestein del 2006 sulle spiagge (clamorosa la retromarcia a basso regime per non incorrere in sanzioni); consideriamo l’atteggiamento della Commissione sui controlli concomitanti sul PNRR della Corte dei conti un’ingerenza  ingiustificata (anche in questo caso la cortina fumogena stesa sull’argomento si diraderà al primo esame della spesa) ecc.

Chi abbia seguito i vari tg avrà rilevato che la premier si è rimangiata tutte le promesse. Come se non bastasse, parlando a vanvera, ha aggiunto altri spropositi tipo: il salario minimo è contro gli interessi dei lavoratori. Nulla viene fatto  per stroncare il caporalato  o per estirpare il precariato a 4 euro l’ora, che anzi viene istituzionalizzato col decreto del 1 maggio.

Come una Vanna Marchi ha citato dati e teorie economiche che non stanno in piedi tipo: le armi che mandiamo all’Ucraina sono senza aggravio per il bilancio perché vengono da nostri magazzini (come se questi non dovessero essere riforniti).

Sul piano concreto dei provvedimenti interni ha conosciuto solo le parole “decreto” e “voto di fiducia” mettendo la museruola ai parlamentari di maggioranza e relegando in un angoletto il dibattito parlamentare. Disprezzando i poveri (che da utili idioti l’hanno votata) e lisciando il pelo dei ricchi e degli evasori condonati (figure sovrapponibili), ha eretto un muro di no contro il salario minimo e il reddito di cittadinanza, ha preso misure contro i rave come se si trattasse di bande di terroristi, ha insistito sulla “flat tax” che  è un regalo ai ricchi, ha elevato il tetto al contante, ha definito le tasse dei piccoli contribuenti  “pizzo di Stato”, espressione del lessico abituale di Matteo Messina Denaro.

In Italia su poco meno di 60 milioni di abitanti ci sono ben 16 milioni tondi di pensionati, 3 milioni e mezzo di dipendenti pubblici, cioè oltre 19 milioni e mezzo di contribuenti sicuri (con i familiari fanno circa 27 milioni di cittadini) che pagano le tasse, o il “pizzo di Stato”, senza scappatoie, fino all’ultimo centesimo, che non conoscono scudi o condoni. Le loro tasse rappresentano la parte più cospicua delle entrate tributarie che servono a tenere in piedi quel poco di stato sociale garantito a tutti i cittadini, anche agli evasori.

Gli elettori hanno votato di pancia, senza uno sforzo di ragionamento o di senso di responsabilità, ma incominciano a  fare i conti con l’evidente insufficienza delle retribuzioni, causa principale del calo demografico. Dall’anno prossimo saranno obbligati a nuovi sacrifici perché scatterà la nuova politica di austerità obbligatoria con lo scopo della riduzione del debito pubblico che divora all’anno 80 miliardi di interessi e che oggi ha raggiunto lo spaventevole livello di 2.790 miliardi di euro, oltre il 140% del PIL. Proviamo a scrivere questo debito interamente con i numeri: 2.790.000.000.000 e vediamo se quelli che l’hanno votata sanno leggere questa cifra senza esitazione.

Il futuro non offre prospettive di eliminazione del precariato perché i partiti di governo non lavorano per la soluzione dei problemi del popolo, ma solo per garantirsi con il familismo e con una coorte di fedelissimi cortigiani, al di là del merito, il proprio potere che si espande a macchia d’olio su tutti i centri decisionali, su ogni posto che serve per tenere sotto controllo l’informazione.

Ai problemi endogeni, di per sé drammaticamente rilevanti, se ne aggiungono altri comprati a caro prezzo sul mercato delle relazioni internazionali come la partecipazione alla guerra Ucraina-Russia, che ha ampiamente danneggiato la filiera produttiva e ci ha imposto ulteriori privazioni. Tutti le avremmo sopportate volentieri per rimettere in sesto l’Emilia-Romagna e le zone alluvionate non per svenarci con l’invio di armi da impiegare in una guerra ripudiata dalla nostra Costituzione.

 

 

L’AUTORE

Torquato Cardilli – Laureato in Lingue e civiltà orientali e in Scienze politiche per l’Oriente. E’ stato Ambasciatore d’Italia in Albania, Tanzania, Arabia Saudita ed Angola. Ha redatto oltre 300 articoli di carattere politico ed economico pubblicati in Italia e all’estero da varie testate ed agenzie di stampa.

 


 Last edited by: lmwillys1 on Venerdì 09 Giugno 2023 10:24, edited 4 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: DOTT JOSE on Giovedì 08 Giugno 2023 17:57

Solidarietà piena e operaia ai kompagni sardi, pacifisti veri e non pacifinti da salotto chiaccherone

Su iniziativa del collettivo “A Foras” che da anni si batte per la chiusura dei poligoni, circa 1.500 manifestanti hanno dato vita ad una manifestazione antimilitarista in Sardegna, contro le basi a Quirra, a Teulada e in tante altre parti dell’isola.

“Dagli anni 50 la Sardegna è relegata all’interno della Nato al ruolo di servizio per la guerra – accusa Pierluigi Caria, attivista di A Foras – Qui sono sperimentate armi, siamo vittime dell’uranio impoverito.”

Importantissima la questione dell'impatto ambientale, sul territorio e sulla salute pubblica, innegabile e enorme, frutto delle esercitazioni e delle guerre; un altro motivo del perché le mobilitazioni per liberare la Sardegna dal suo ruolo di “colonia militare Nato” sono auspicabili, urgenti e fondamentali.

PMLI - Pacifisti in corteo: “No all'occupazione militare della Sardegna”

10 febbraio 1947 MATERIALI DI RESISTENZA STORICA GIORNO DEL RICORDO FOIBE dieci febbraio | MILLENOVECENTOQUARANTASETTE

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 17:07

povero hobi, lei è la miglior dimostrazione del livello devastante raggiunto dalla propaganda made in usa

 

 

https://t.me/PeterMcCullough/5986

 


 Last edited by: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 17:41, edited 3 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Giovedì 08 Giugno 2023 16:42

Eè oramai qualche anno che Xtoll scrive tonnellate di fake news .

Si può pertanto scriverne la storia ...

1)

Trump ha perso le elezioni perchè truccate .

Ricordo decine di post ogni giorno sull'argomento.

Addirittura ,secondo Xtoll ,era prova la dichiarazione di un camionista che aveva visto scaricare carta ....

Ma nemmeno un processo sono riusciti ad imbastire gli avvocati di Trump nonostante milioni di $ fossero  stati raccolti tra i bovari repubblicani.

2)

Il sistema elettorale Usa,gestitato dalla Societa Dominio ,era truffaldino.

Mal gliene incolse alla Fox che ha dovuto transare una causa miliardaria con la bazzeccola di 775 milioni di $.

Sembra che gli avvocati repubblicani,quando si tratta di andare in giudizio,o non ci vanno proprio,oppure ,se trascinati dalle controparti ,transano.

 

3)

Il Covid era una banale influenza.

Peccato che ha fatto milioni di morti.

I vaccini invece avrebbero dovuto fare milioni di morti.

Ed invece ,finito il Covid,la mortalita media è ritornata nella norma.

 

Ahhh scimunito !

 

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 15:31

ahahah!

si è sorbito queste stronzate e crede di essere intelligente?

 

 


 Last edited by: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 15:31, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Giovedì 08 Giugno 2023 14:54

Perché c'è merda nel cervello del popolo russo ?

ecco !

 

https://youtu.be/TAsVyOGh_Ws

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 14:09

come si cambia...

 

 

adesso:

Mario Draghi dal Mit di Boston

Europa e Stati Uniti devono «garantire la sconfitta della Russia», «non ci sono alternative», perché una vittoria della Russia «demolirebbe l'Unione europea». 

I valori esistenziali dell'Unione europea sono la pace, la libertà e il rispetto della sovranità democratica».


 Last edited by: XTOL on Giovedì 08 Giugno 2023 14:12, edited 1 time in total.