W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Mercoledì 30 Agosto 2017 12:02

http://www1.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200812articoli/39648girata.asp

Andate a Gela

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Mercoledì 30 Agosto 2017 11:49

certo che la frase "ma chi vuoi che venga a Milano?" rimarrà scolpita per molto tempo negli annali ..!!! ;))

Le stanze per gli universitari, rincari del 12 per cento in un solo anno. «Effetto dei siti come Airbnb»

I prezzi, rispetto all’anno scorso, sono aumentati ancora e la «colpa» è imputabile anche ai portali come Airbnb, Homelidays o Homeaway. O, almeno, questa è la tesi dell’ufficio studi di «Immobiliare.it». Milano è la città più cara

Per un letto in stanza doppia a Milano si pagano in media 388 euro (più 28 per cento rispetto all’Italia, un costo del 16 per cento superiore rispetto a Roma): il prezzo è cresciuto in un anno del 12 per cento. Il costo della singola è aumentato meno, del 4 per cento, a 528 euro. Ma resta più alto del 27 per cento rispetto ai 416 di media nazionale e del 20 per cento rispetto alla capitale.

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_agosto_30/milano-stanze-gli-universitari-rincari-12percento-cento-un-solo-anno-8ff78d9e-8d5d-11e7-9464-bd6d9adf1594.shtml


 Last edited by: gianlini on Mercoledì 30 Agosto 2017 11:51, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Martedì 29 Agosto 2017 14:17

Effetto TEMER , pana

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Martedì 29 Agosto 2017 13:38

ma come ? se hanno sovranita monetaria e valutaria..peche non stampano invece di privatizzare???

Petrolio, banche e tlc. Il Brasile è in vendita

 

L'economia non riparte: deciso un vasto piano di privatizzazioni

 
 

Per fronteggiare un colossale deficit pubblico calcolato in 146 miliardi di euro il governo di centrodestra del Brasile ha lanciato il più vasto programma di privatizzazioni degli ultimi vent'anni.


 Last edited by: pana on Martedì 29 Agosto 2017 13:38, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Lunedì 28 Agosto 2017 13:01

ma come si f a aportare un 14 enne in cordata in cima ad un monte???

mattiiiiiiiiiiiiiiiii

Il gruppo di nove persone era composto da due famiglie. In prossimità della forcella Freshfield, a 3.200 metri, i primi due sono scivolati trascinando gli altri. I feriti sono stati trasportati negli ospedali di Trento e Bolzano. Quattro elicotteri impegnati per ore nei soccorsi

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Lunedì 28 Agosto 2017 11:27

Effetto Super Mario!

Ho notizia che nelle ristampe delle favole il finale sia stato modificato con

"e vissero felici e contenti, ovviamente con i soldi di Draghi"

 


 Last edited by: gianlini on Lunedì 28 Agosto 2017 11:32, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: pana on Lunedì 28 Agosto 2017 11:24

AL TOP DA 10 ANNI!

Scatto della fiducia per imprese (al top da 10 anni) e famiglie

E SI RIPARTEEEE

 

Mai così in alto da 10 anni. Per trovare un livello superiore nell’indice di fiducia delle imprese occorre infatti retrocedere a giugno 2007: solo allora il dato è stato superiore rispetto al risultato di agosto 2017, con il “polso” dell’ottimismo delle aziende salito di oltre un punto a quota 107.

Bene in particolare il settore manifatturiero e quello dei servizi, mentre arretrano costruzioni e commercio al dettaglio.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: DOTT JOSE on Venerdì 25 Agosto 2017 22:57

Le aristocrazie del capitale clepto.predatoriale non sopportanole voci del dissenso

non sopportano che le masse popolari e proletarie possano compattarsi per rivendicare i loro diritti

per cui si oscurano tutte le voci non accodate

Germania, stop a un sito web di estrema sinistra

Il ministro dell'interno De Maizière ha avviato un procedimento contro linksunten.indymedia.org: "Da anni seminano odio"

BERLINO - Il ministro dell'interno tedesco Thomas De Maizière ha avviato un procedimento per vietare la piattaforma online linksunten.indymedia.org nell'ambito della lotta agli estremismi. "Non si può lasciare spazio all'estremismo di sinistra e di destra, sia pure su internet", ha detto oggi a Berlino.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Giovedì 24 Agosto 2017 12:12

campagna elettorale....

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Giovedì 24 Agosto 2017 11:31

Si e' risvegliato Weidmann. E mo' so' cazzzz!


OFFENSIVA TEDESCA - LA BUNDESBANK VUOLE BAGNARE LE POLVERI DI DRAGHI: OK AI BASSI TASSI, MA BASTA CON L’ACQUISTO DEI TITOLI - E QUEL SIMPATICONE DI SCHAEUBLE VUOLE CREARE LE BASI PER COMMISSARIARE L’ITALIA CON LA CREAZIONE DEL FONDO MONETARIO EUROPEO. SOLO CAMPAGNA ELETTORALE? 

http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/offensiva-tedesca-bundesbank-vuole-bagnare-polveri-draghi-ok-154815.htm

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Giovedì 24 Agosto 2017 09:09

Un'impressione che ho avuto quest'anno è che le località italiane di vacanza sono affollate soprattutto di turisti italiani, con una presenza di stranieri inferiore, ma più che compensata da tutti gli italiani che non scelgono più l'estero.

Tra l'altro....

Finanza: Briatore, niente business in Kenya (MF)
MILANO (MF-DJ)--Niente piu' affari per Flavio Briatore in Kenya. L'imprenditore e volto televisivo che ha costruito la sua fortuna con la Formula 1 e che da tempo ha investito nel paese africano (oltre che in Sardegna e in Toscana, pur vivendo tra Londra e Montecarlo), ora deve fare marcia indietro. A causa delle forti tensioni politiche e sociali in atto in Kenya e per i rischi di blitz dei militari, Malindi non e' piu' una delle mete turistiche glamour piu' ricercate dai facoltori turisti italiani e stranieri.
    Cosi', scrive MF, quello che un tempo era uno dei punti di riferimento delle vacanze vip soprattutto quelle invernali (almeno per gli italiani scesi pero' nel frattempo da 35 a meno di 20mila in termini di presenze stagionali a Malindi), ovvero il resort di lusso Lion in the Sun, ora sta vivendo brutte stagioni.  Ma e' problematico trovare oggi in Kenya chi si faccia carico dell'investimento.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Martedì 22 Agosto 2017 12:48

La Barbara evidentemente ci dà dentro come il padre.....

Barbara Berlusconi è incinta, sarà mamma per la quarta volta: in arrivo il secondo figlio dal compagno Lorenzo Guerrieri

http://www.corriere.it/foto-gallery/cronache/17_agosto_22/barbara-berlusconi-incinta-sara-mamma-la-quarta-volta-arrivo-secondo-figlio-compagno-lorenzo-guerrieri-40b15652-8722-11e7-b2b6-63a8cab5b37c.shtml


 Last edited by: gianlini on Martedì 22 Agosto 2017 12:49, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca on Domenica 20 Agosto 2017 21:45

Ah la Movida,quel termine moderno non italiano che invece mi stimola ricordi antichi.

 

Tanti,ma tanti anni fa quando ero  ragazzo,la città notturna viveva enormemente,tutti i locali erano aperti sino a notte inoltrata:

Tutti gli uomini alla sera uscivano,vi erano osterie,bar frequentati da anziani e giovani con le prime diatribe generazionali,tra chi voleva fare

semplicemente una partita a carte in tranquillità e chi ascoltava musica con il jukbox,bar per facoltosi,bar frequentati da intelettuali e artisti,

insomma per tutti i gusti.C'è chi usciva per un semplice caffè e chi per bere,le bottiglie di vino e liquori non si contavano,non era difficile

incontrare per la città ubriachi. D'estate tutti con i tavolini e sedie all'aperto con frastuoni incredibili e relative lamentele degli abitanti che

a volte dovevano ricorrere alle forze dell'ordine per calmare schiamazzi e musiche.Si discuteva animosamente su qualsiasi tema:sport,politica,

arte,musica,gnocche...........ma il tema politico arroventava gli animi sino a scaramucce pesanti.Vi erano pure locali malfamati.

Altro che movida!!!!!! poi arrivò questo....

https://www.youtube.com/watch?v=Fa9n7GirhsI

 

La febbre del sabato sera con la disk music condizionò enormemente la vita cittadina notturna,ben presto aprirono discoteche enormi dove divennero

 il ritrovo di tantissimi giovani e con la TV sempre più accattivante anche i meno giovani se ne stavano in casa.Uno alla volta

i bar ed i locali della città spensero le luci e fecero piombare in un oscurantismo  e ridotto a penosi dorminotori le città.

Ci vollero anni per riprendersi dal torpore,proprio con la Movida,seppur limitata solo ad alcune zone la vita notturna ricominciò............

 

Gran Torino  

  By: MrBruges on Venerdì 18 Agosto 2017 11:44

Gran Torino

Torino,la citta' dove abito,non la mia citta'.
Comincio l'opera inutile di descriverla.
La leggeranno sì e no una decina di persone e fra quelle poche che sono torinesi batteranno i pugni nel ferreo campanilismo e urleranno:non è così.
Torino dal punto di vista strettamente fisico,è una città ben fatta.
Rigida,quadrata,ordinata,con ampi porticati e ampi viali,dà molto spazio al verde.
Intendiamoci,togliamoci strani sogni,Torino non è,e non sarà mai una città turistica,perchè non ha nulla di caratteristico,nulla di pittoresco e sbiadisce di fronte alla bellezza anche solo di comuni microscopici italiani.
E' una città costruita in modo razionale,tutto qui.
Detto questo il suo handicap è il tessuto sociale di questa città.
Faccio degli esempi:l'altro giorno mi sono soffermato a guardare le zanzare che brulicavano dietro il vetro  della mia finestra sbattendoci contro,nello spasimo di succhiare un pò del mio sangue,della mia vita,senza rendersi conto che pur essendo a un metro da me c'era un muro invisibile che gli precludeva ogni accesso.
Questa è Torino,questa è la ''movida'' di Torino,di cui hanno parlato i giornali:
uno stuolo di insetti,venuti dalle paludi e dagli acquitrini della periferia per cercare di entrare in una casa piena di vetrate,ai loro occhi di insetto perfettamente aperta e comunicante con l'esterno,nella realtà chiusa a ogni elemento estraneo.
Torino è così,ci sono vetrine meravigliose piene di ogni ben di Dio,e ragazze con l'immancabile borsetta firmata,ma tutti guardano e nessuno entra nei negozi.
Tutti si riversano nel centro il sabato sera,per dimostrare di appartenere a questa città,e il risultato è che la città vera,reale,quella che conta,che esiste,si dà al coprifuoco e si ritira nei lussuosi palazzi.
Non vanno in cerca di locali,ancorchè chic,al massimo il giapponese,si ritirano proprio in feste private che si svolgono a tre metri sopra da quell'altra umanità che brulica, che ciondola ubriaca e semisvenuta credendo,che essendo nel centro di essere protagonisti.
Il risultato sono rarissime scopate in cessi lubrici che potrebbero benissimo essere sostituite dal comodo e molto meno faticoso e costoso sesso a pagamento sotto casa.
Di solito tra i trenta e i quarant'anni si sfiancano e optano per il meretricio sotto casa.
Una città si disfa anche così.
Ci sarebbe tutto un mondo da descrivere :quello delle prostitute,ma non mi perdo nelle stupide pruriginose voglie di conoscerlo di chi legge.
Dirò solo una cosa,il mondo della prostituzione è gestito come quello degli impiegati bancari e le prostitute per profilo caratteriale e professionale sono del tutto assimilabili a questi ultimi.
Le prostitute vengono fatte girare,di modo che sotto casa ne trovi sempre una diversa,questo perchè i clienti non si affezionino troppo e se le portino via.
Il bisogno affettivo maschile infatti è enorme,,e tutte quelle cose che avete sentito dire sulla donna oggetto,sulle prostitute vittime di clienti ricchi e bramosi di sottometterle col denaro sono fumo gettato negli occhi.
Ma torniamo alla movida,perchè è su questo termine che mi voglio soffermare.
Movida è un termine straniero e come tutti i termini stranieri,viene importato per mettere sotto banco i termini del lessico italiano che sono ''scabrosi'' e descrivono una realtà non propriamente luccicante.
Per esempio ''single'', viene utilizzato per nascondere i termini ''scapolo'' e il più indecoroso ''zitella'',o il più lancinante di tutti:SOLO.
Al posto di cicciona o obesa viene importato il termine ''curvy''.
Ecco movida è il drappo dietro cui si nasconde un'altra parola:degrado.
Noi a dire il vero l'abbiamo sempre chiamato così,''andiamo a degradare''.
La movida consiste nel ciondolare inebetiti alle due di notte con una bottiglia di birra o di tavernello,portato da casa,o in uno slancio di misticismo alcolico comprato a caro prezzo in un ''locale'',ovvero uno spacciatore di alcool ''trendy'' e niente più.
Perchè in effetti portarselo da casa fa povero e brutto ma è più realistico e concreto dal momento che lo spazio nel locale è minimo ed è sempre sovraffollato quindi anche con -3 gradi sotto lo zero ti ritrovi invariabilmente a bere fuori.
Lo scopo del locale è aggregare persone che non si conoscono,non ho mai visto succedere questo,tutti i gruppetti stanno rigidi e chiusi,spesso addirittura le ragazze con le ragazze,i ragazzi con i ragazzi.
Certo per fortuna non mancano le coppie,ma non c'è interazione fra sconosciuti.
Dunque questi non sono locali,ripeto sono semplici spacciatori d'alcool trendy.
E non potrebbe essere diversamente manca lo spazio fisico per girarsi.
La movida è degrado,gente che piscia ubriaca sui monumenti,bottiglie rotte,e dopo una certa ora scatta oltre al coprifuoco della gente che esiste,(noi anche se abbiamo un codice fiscale non esistiamo,siamo i fantasmi che popolano questa notte inondata di luce malsana) anche il coprifuoco della figa,rimangono solo più i cessi e gruppi di maschi che ti chiedono spasmodicamente ''hai da accendere'' ma solo se vedono che il gruppo gira una canna per scroccargliela.
Se vogliamo un'immagine meno cupa,la movida sono quelle zanzare che continuano ad affollarsi dietro al vetro,incuranti del muro invisibile che le separa dal sangue vitale di cui avrebbero bisogno.
Se dovessi fare un altro esempio immaginate la città come una rete,bene,tutte le città che funzionano hanno dei collegamenti tra centro e periferia o una zona intermedia,dove c'è una classe media che fa da filtro ma al tempo stesso da passaggio tra il centro e la periferia,Torino no.
I collegamenti sono centro-crocetta, centro-collina,crocetta-collina e al massimo centro-Moncalieri Amen.
Anzi a essere precisi dal centro partono collegamenti un pò in tutta Italia e in tutto il mondo,non sono infrequenti le linee centro-Milano,centro-Firenze o addirittura centro-Montecarlo.
Ma manca una linea che colleghi il centro con anche solo Lucento, Vanchiglia o barriera di Milano,figurarsi Falchera o Vallette.
E' una città che espelle e non integra,fatta a caste.
Data la sua natura, è normale che sia sempre stata una città di sinistra,i miei genitori mi raccontano di una città diversa,dove la gente anche quella normale abitava in centro,e entrava nei negozi del centro di un tessuto sociale più uniforme.
Non so se credergli,i vecchi invecchiando confondono la loro giovinezza con la realtà,ma è come se mi parlassero della glaciazione quando al posto dei pini mediterranei c'erano la tundra e i mammuth.
Temo che in questa città l'unico punto di contatto tra il centro e la periferia,l'ultima classe media rimasta,ancorchè ne sia estita una siano le prostitute e gli spacciatori.
Ma devo ricredermi anche fra gli spacciatori c'è un ordine gerarchico,spacciatori del centro e della crocetta e spacciatori della periferia.
Rimangono solo le prostitute,o forse neanche quelle.
A Torino anche le meretrici vengono scelte in base al censo.
Non so come sia altrove,ma qui è così.
Aspetto,i soliti commenti:non è così,io ho amici di qua,di là...
Che vi devo dire ogni fotografia parte da un punto di vista da una prospettiva,ciònondimeno è una fotografia,un'incisione su pellicola della realtà.
Questo io ho visto,questa è la mia fotografia e con buona probabilità QUESTA E' TORINO.GRAN TORINO.

https://semprecaromifuquestermoblog.blogspot.it/2017/08/questa-e-torino.html

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Venerdì 18 Agosto 2017 11:29

Tutto si muove sul filo del "non devo far brutta figura con le amiche " - il che vale sia per la figlia che per la madre (mica può essere l'unica ad avere la figlia non laureata, no?)

Dell''idea che un domani si debba anche lavorare non è nemmeno sfiorata....

d'altronde molte dellle sue amiche e amici hanno a casa fratelli e sorelle tardi-ventenni che sono beatamente a casa a fare un cappero* (la chiamano disoccupazione giovanile, in realtà se hai voglia di lavorare un lavoro lo trovi eccome), perchè immaginarsi di dover magari lavorare un giorno?

Per quanto riguarda quello che dice Anti, basta cmq pazziarsi davanti ad un liceo e ad un itis per accorgersi che nel primo i non italiani sono una sparutissima minoranza (non più di 1 o 2 per classe), mentre all'ITIS superano abbondantemente la metà degli alunni - c'è una disparità nettissima fra i due mondi

* oltre ad abbondanti canne, ovviamente


 Last edited by: gianlini on Venerdì 18 Agosto 2017 11:41, edited 4 times in total.