Il Problema è l'Europa

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Mercoledì 19 Dicembre 2018 10:24

Antitrader> "Spread a 315, a 400 inizia il caos, bank run, popolo (munnezza) in piazza, governo appeso all'elicottero (spero ne tengano sempre uno pronto) e la Troika accolta come salvatrice della patria.

 

Gianlini> si decide o no, Putin, a comprare i BTP?? cosa è andato a fare Salvini a Mosca? Spread oltre 320 punti! nuovo massimo dal 2013...! Il rendimento del Btp decennale a 3,69%!!!"

 

Oddio...     il PANICO! :)))))

 

 

Oggi: spread a 255 punti. O Putin ha comprato o Gano ci aveva visto giusto... ;-)

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Mercoledì 19 Dicembre 2018 08:08

E scusa, con tutto questo discorso alla fine cosa vorresti dire? 

 

Leggi: anche l'italiano vuole la sua parte... ;-)

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: hobi50 on Mercoledì 19 Dicembre 2018 01:51

C’e’ qualche coglione per il quale negli ultimi 10 anni il mercato ha valutato mediamente l’Italia meno rischiosa della Francia ?

In quest’ottica che senso ha prendere lo spread attuale è compararlo con quello di 6 mesi od un anno fa ?

Ed infine che senso ha parlare delle proprie abilità di trader ( o supposte ) per affermare una tesi di carattere generale ?

Non sono discorsi da bar ma discorsi di incapaci che si trovano a parlare in un forum di finanza di cose che non conoscono e perciò la buttano in caciara.

Vi do la conclusione.

Il mercato percepisce ,ed ha percepito in passato ,la Francia più rischiosa dell’Italia.

Ciò non toglie che sia possibile comprare qualcosa di più rischioso ma che rende di più .

O perché questo qualcosa è mal prezzata.

O perché si intravvedono miglioramenti nei fondamentali futuri.

Al di fuori di queste considerazioni c’è solo caciara.

Hobi

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Martedì 18 Dicembre 2018 23:05

Poi è ovvio che compro i BTP.

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Martedì 18 Dicembre 2018 22:59

Dalla tabella postata da Lutrom appare che la Francia ha una posizione debitoria netta verso l'estero (*) che è pari al 19,1% del PIL, in Italia è pari a, 3,4% del PIL.

 

Mettete questo insieme all'avanzo commerciale italiano e al (sostanziale) disavanzo francese e vedrete perché la Francia è cotta. Kaput.

 

Ne ho sentite fin troppe di cagate oggi.

 

 

(*) Somma algebrica delle posizioni di debito e di credito verso l’estero

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: shera on Martedì 18 Dicembre 2018 21:59

Gano, ottima scelta comprare il btp, ovvero vendere le promesse del governo, dilettanti o furbastri, poco cambia

 

purtroppo l'euro non è adatto all'italia, è come un match tra un peso massimo e un peso piuma, vero che a lungo andare il peso piuma migliora la tecnica, ma alla fine finisce sempre ko

 

ora mi rendo conto di aver spiegato con una frase l'euro

 

 

 

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: antitrader on Martedì 18 Dicembre 2018 21:50

Ecco, come volevasi dimostrare.

Il dato che postai (sole24ore) serviva a smontare quella fregnaccia tanto cara agli asini

secondo la quale "noi "paghiamo gli interessi", in realta' il saldo tra interessi percepiti su titoli esteri

e quelli pagati all'estero su titoli italiani e' positivo (seppur di poco).

E quella, socondo te, sarebbe cio' che si intende per "posizione netta verso l'estero"?

Ma mi facci il piacere! (al solito ci ho preso, non sai manco di cosa parli).

 

 

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Martedì 18 Dicembre 2018 21:30

Antitrader, forse ti sei dimenticato ma postati tu tutto un papello in cui dimostravi (giustamente e quella volta ti diedi pure ragione) che la posizione finanziaria dell'Italia verso l'estero è = 0.

 

"...che effetto hanno su tale dato?"

 

Antitrader, ma che caspita di domande da rincoglionito fai??? ;-)

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: antitrader on Martedì 18 Dicembre 2018 21:24

Hobi,

interessanti quei dati, pero' bisogna anche sapere cosa contengono, dubito  che qualcuno

dei somari qui sotto sappia cosa c'e' dentro la "posizione netta verso l'estero".

ad es. i 360 miliardi di BTP in mani francesi (ne han piu' della BCE) che effetto hanno su tale dato?

Ma la vera chicca di qella tabella e' un'altra: quali sono i paesi che hanno il maggior "avanzo primario"

che notoriamente e' il fiore all'occhiello degli sparacazzate?

Sono la Grecia e il Portogallo ! E non puo' essere altrimenti, quando sei costretto a fare l'avanzo primario

vuol dire che sei pieno di debiti fiono alle orecchie e devi attingere al patrmonio (e tirare la cinghia) per sostenerli.

Ah gia', i debiti non si pagano, si eliminano con un click!

 

 

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Martedì 18 Dicembre 2018 18:59

Due considerazioni: la prima che l'esempio degli Stati Uniti del suo debito e dei suoi redditi non è appropriata. Gli Stati Uniti sono in una situazione particolare data dalla centralità del dollaro usato come valuta di riserva.

 

Circa lo spread, dispiace leggere queste cose scritte da un bancario. Lo spread nove mesi fa era intorno a 100. Strutturalmente non è cambiato niente, se guardi i fondamentali economici sono gli stessi dell'anno scorso, in un margine di più o meno 5 %, eppure è triplicato. Lo spread sta infatti scontando considerazioni politiche e non economiche (esame di Macroeconomia 1, lo fanno i ragazzetti), in particolare sta scontando l'ipotesi (per me irrealistica) di una volontà di uscita dall'Euro e di una battaglia politica all'ultimo sangue tra la Commissione Europea, legata ancora al PPE e al PSE, e il governo italiano.

 

Come dicevo prima, le ipotesi che sta scontando il mercato sullo spread (che quasi sempre sbaglia) per me sono irrealistiche e infatti, come già scrissi tempo fa, ho comprato BTP con lo spread a 330 e allo stesso tempo venduto OAT.

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: hobi50 on Martedì 18 Dicembre 2018 18:32

Bisogna aggiungere qualche dato all’interessantissima tabella Bankitalia.

il reddito pro capite dei francesi rispetto a quello degli italiani ed il tasso di diseguaglianza.

Forse avere meno debiti ma salari bassi ed incerti è peggio di avere più debiti privati ma maggiori redditi( vedi Usa ).

Poi aggiungiamo i servizi dello stato francese che sono Reddito Implicito.

Poi i  debiti delle imprese.

Quanto capitalizza la borsa francese rispetto a quella italiana ?

Quindi aziende internazionali e di maggiori dimensioni implicano maggior indebitamento.

Quindi non si può prendere il dato del debito sic et simpliciter.

Una ultima considerazione ...ma la più importante.

I dati riportati da BdI non sono un segreto di proprietà di alcuni eletti del forum.

Fuori c’è una entità che si chiama mercato e che da anni fa le sue valutazioni.

Questa valutazione si compendia in un numerino che si chiama spread.

Purtroppo per voi è una bufala ma questo vi porta a credere più ad un “ quisque de populo “ di Cobraf che a valutazioni pluriennali del mercato.

Insomma il mercato dice che l’Italia è da sempre più rischiosa della Francia.

Ed io ne sono convinto.

 

Hobi

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: Gano di Maganza on Martedì 18 Dicembre 2018 17:45

La posizione netta sull'estero è la piaga piena di vermi nella carne francese. 

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: lutrom on Martedì 18 Dicembre 2018 17:27

Per quelli che credono che Gano il Grande abbia doti divinatorie o magari sia amico personale di Trump, Bannon, ecc. leggete qui sotto: certe volte è sufficiente guardare ai numeri, quei numeri che molti somari su questo forum proprio non capiscono.

P.S. Somar Anti, l'uomo delle doppie verità, dovrebbe notare che queste cose le dice Bankitalia, cioè i suoi amici banchieri e non qualche rettiliano... 

 

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: shera on Martedì 18 Dicembre 2018 14:37

Berlusconi ha sempre bisogno, a pulire i cessi un posto alla fine glielo trova

Re: Il Problema è l'Europa  

  By: traderosca on Martedì 18 Dicembre 2018 08:40

Bullfin, ma che caz. di grafico è quello, proprio non mi corrisponde!!!