W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 19:22

il problema non è cosa farebbero i lombardi, ma cosa Roma teme che possano fare. E in questo momento Roma ha paura. Tanta paura. 

---------

veramente qua se ride, sò trent'anni che dite 'me ne vado' e state ancora in mezzo alle palle ... se pò sapè chi cazzo ve trattiene ? levatevi dai coglioni il prima possibile e qui si festeggia

:-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 19:18

intervento di raro spessore, complimenti pc anti!

 

cmq: 

Dichiarare l'indipendenza del Veneto

 

Petizione rivolta al Governatore del Veneto, dott. Luca Zaia

Testo della Petizione

  • Con la sottoscrizione della presente chiediamo che il governatore del Veneto dichiari l’indipendenza del Veneto e dia il via al conseguente piano di riorganizzazione della Repubblica Veneta.

...il Governatore del Veneto, data l’impossibilità di svolgere un nuovo referendum di indipendenza del Veneto per decisione della corte costituzionale e rilevato nel contempo il travolgente consenso che essa gode nel Popolo Veneto, può e deve procedere alla dichiarazione di indipendenza della Repubblica Veneta

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca1 on Venerdì 01 Maggio 2020 19:17

Auguri Caro Marco,

“Tu che sapevi vedere là dove tutti guardano, hai insegnato che il dialogo è possibile. Di fronte al coronavirus, riprendiamo il tuo appello: ‘Stati uniti d’Europa, adesso!”

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Venerdì 01 Maggio 2020 19:07

Credo che tu abbia fatto molto bene ad abbonarti al miglio verde, a martino e chi sa quale

altro (cazzaro).

A conti fatti, in questo modo, stai sempre a casa a leggere stronzate e non puoi fare altri

danni a te stesso (e agli altri).

Praticamente ti sei autointerdetto (seppure a tua insaputa).

 


 Last edited by: antitrader on Venerdì 01 Maggio 2020 19:08, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 18:58

CONTE GIUSEPPI E LA MANCANZA DI POLITICI CON LE PALLE

 

... dobbiamo renderci conto che lo stato italiano ha paura, ha paura che la Lombardia sia davvero una polveriera come dice tal Vespa Bruno, ha paura che prima o poi la polveriera si incendi. Basta poco

Cosa sarebbe successo se avesse annunciato qualche giorno prima la sua visita?

Forse nulla e non me ne sarei stupito, ma non è questo il problema, il problema non è cosa farebbero i lombardi, ma cosa Roma teme che possano fare. E in questo momento Roma ha paura. Tanta paura. E quando l’oppressore mostra di aver paura, quello è il momento da cogliere per guadagnarsi la libertà.

Se solo vi fossero dei politici locali con le palle pronti a cogliere l’occasione di sfidare Roma...

 

Dichiarare l'indipendenza del Veneto

 

Petizione rivolta al Governatore del Veneto, dott. Luca Zaia

Testo della Petizione

  • Con la sottoscrizione della presente chiediamo che il governatore del Veneto dichiari l’indipendenza del Veneto e dia il via al conseguente piano di riorganizzazione della Repubblica Veneta.

...il Governatore del Veneto, data l’impossibilità di svolgere un nuovo referendum di indipendenza del Veneto per decisione della corte costituzionale e rilevato nel contempo il travolgente consenso che essa gode nel Popolo Veneto, può e deve procedere alla dichiarazione di indipendenza della Repubblica Veneta

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 18:55

tu poche, ma belle dense...

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: traderosca1 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:53

Xtol, oggi ne spari tantissime di cagate,come mai?

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: hobi50 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:46

Oggi ero all'ospedale San Raffaele.

C'era uno striscione " Per avere un utile maggiore,diminuisci il salario al lavoratore".

Le prime vittime della sanità privata lombarda sono appunto i lavoratori.

 Ma le vittime più numerose sono altre :i cosiddetti pezzaculisti  inconsapevoli .

L'ottimizzazione delle prestazioni (a fini di profitto ) che privegia quelle a pagamento, è la causa dei lunghi tempi di attesa nell'erogazione delle prestazioni stesse.

Ed i coglionazzi non se ne rendono conto .

 

Hobi

 

 

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 18:36

4- Quando il numero dei casi e dei decessi smette di salire, i funzionari locali sostengono che è troppo presto per dire se il virus ha finito di passare attraverso la loro popolazione e quindi le misure restrittive devono continuare. Essi ammettono che i modelli iniziali hanno erroneamente previsto che ci sarebbe stato uno tsunami di casi, ricoveri in terapia intensiva e decessi. Tuttavia, affermano che è necessario più tempo prima che si possa stabilire se è sicuro allentare alcune delle restrizioni e lasciare che i bambini tornino a scuola o gli adulti tornino a lavorare.

 

pronti? VIA!

Cuomo Says New York Schools Won't Reopen Until Fall As COVID-19 Deaths Slow For 6th Day

 

Peavey: vedremo tra venti giorni se ricrolla tutto

Xtol: se leggi quel che ho postato nell'altro thread, puoi stare sicuro che ci proveranno a convincerci.

 


 Last edited by: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 18:37, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:07

esplicita la discrepanza please

 

PS se permettete (se non lo permettete è lo stesso) sottoscrivo il 'Stati Uniti d’Europa adesso!' dedicato al mio buon Giacinto transnazionale che purtroppo non c'è più

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/05/01/lettera-a-marco-pannella-per-i-suoi-90-anni-tu-che-sapevi-vedere-la-dove-tutti-guardano-hai-insegnato-che-il-dialogo-e-possibile-di-fronte-al-coronavirus-riprendiamo-il-tuo-appello-stati-unit/5788444/


 Last edited by: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:21, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: foibar on Venerdì 01 Maggio 2020 18:06

Il Mazzalai è persona rispettabile ed onesta, oltre al fatto, accertato, di vederci lungo.

"referendum su Europa ed euro (il M5S è l'UNICO ad averlo fatto)" scusa ma ultimamente noto una leggera discrepanza sui temi fondativi del movimientos.

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:05

vedo in rete che anche oggi si è passato la giornata trastullandosi di 'ripartenza ma su basi nuove' , concetto mistico astruso inesplicato e inesplicabile , poi le distanza mi raccomando signora mia sul mezzo pubblico, poi 'voglio produrre' perché immagino vuole imitare i crucchi elogiatissimi per il loro pil non tracollato come il nostro nel primo trimestre (mangiarane e spagnoli hanno fatto peggio di noi) perché hanno preferito di riempire ogni ripostiglio di montagne di roba MAI PIU' vendibile che si daranno sui denti , ecc. ecc. ...

 

io riparto, aspetta pure io, ndo annamo?, che cazzo ne so, me lo dovevi dire tu, come c'annamo ?, col bus, semo undici, ne possono entrà dieci, cazzo, io c'ho er ristorante e metto er plexiglasse divisorio in mezzo sur tavolo 3 x 1 metri per solo due commensali e l'insalata quando l'ha presa uno nel suo metro e mezzo la sposto io nell'altro metro e mezzo, cazzo ma se la tocca senza guanto ?, vabbé sposto l'insalat in un'altra ciotola, ecc. ecc.  ...

lo spettacolo è in onda h24 tutti i giorni  


 Last edited by: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 18:09, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 17:51

Grande articolo (come sempre, grammatica optional....ma poco male).

--------

 

caro Muschio , sono andato a leggermelo, il buon Mazzalai ultra-fan della meloni (tranquillo , l'ho già mandato a fanculo per questo su twitter) che insulta a ripetizione e accusa pure della sua diarrea il mio buon M5S scrive 

------------

'Se non usciamo dall’EURO non avremo mai una banca centrale LIBERA come quella americana, giapponese, svizzera, inglese, australiana e via dicendo.

Quindi mentre dormite sugli allori sognando 70 anni di pace e altre fesserie sull’EUROPA continuate pure a votare per stare dentro questa EUROPA dove tedeschi, olandesi, austriaci e finlandesi che mentre noi facevano la storia loro scoprivano il fuoco nelle caverne, dicevo dove ci impongono austerità e limiti anacronistici mentre loro frodano l’EUROPA con paradisi fiscali e dumping economico e sociale, fregandosene delle regole, usando i nostri soldi per salvare le loro banche.

SE NON VI SVEGLIATE MERITATE DI FINIRE MALE, ANZI MALISSIMO, SE NON CONDIVIDETE QUESTA TRUFFA, SE NON AIUTATE TANTI ALTRI AD ESSERE CONSAPEVOLI FINIRA’ MALE…

Quindi ci sono solo TRE SOLUZIONI:

A) LA BANCA CENTRALE EUROPEA FA LA SUA PARTE e chissenefrega di quello che pensa la Corte costituzionale tedesca!

B) Se la Corte costituzionale tedesca non è d’accordo, GERMANIA OLANDA AUSTRIA e FINLANDIA si possono accomodare fuori dall’EUROPA e dall’EURO e farsi una loro Europa.

C) ITALEXIT

Chiaro o serve un disegnino?'

----------

quindi, dopo i disastri della sua meloni con i suoi soci che MAI hanno tentato di uscire ma neanche di raccogliere le firme per un referendum su Europa ed euro (il M5S è l'UNICO ad averlo fatto) PRIMA ci dice di uscire dall'Europa per avere una banca centrale propria poi in un forse momentaneo rinsavimento lo mette come ULTIMA opzione disponibile ... per un paese che campa di export come noi l'ITALEXIT DEVE ESSERE l'ULTIMA OPZIONE

 

......... prendo per buono il 'momentaneo rinsavimento' e concordo .. .diciamo che noi vogliamo non meno di 1.000 miliardi per fare quello che cazzo ci pare e tutti muti, che li compri la bce a tasso negativo da domani fino alla notte dei tempi o ce li regali l'Europa ha una importanza relativa ...

diciamo che Conte e il M5S sono LEGGERMENTE diversi dalla meloni idolo di Mazzalai che decideva e sottoscriveva in Europa il mes causandoci poi fino al 2015 40 miliardi di spesa per salvare le banche francesi e tedesche, si diciamo Mazzalai ha per idolo una completa testa di cazzo

:-)


 Last edited by: lmwillys1 on Venerdì 01 Maggio 2020 17:53, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lutrom on Venerdì 01 Maggio 2020 17:22

Anti-ciuco qui sotto che  osanna Bill il plurimiliardario, fa il paio con quei morti di fame che nel Medioevo dicevano viva il re (che li mandava a morire a milioni nelle guerre inutili) e che se il re avesse saputo i soprusi a cui erano sottoposti dai nobili, non lo avrebbe mai permesso... Uno che arriva alla vecchiaia e ancora crede all'altruismo di gente come Bill, significa che è un povero babbeo: solo uno squalo può arrivare dove è arrivato  Bill.  Poi colmo dei colmi lo chiama pure per nome, come se fosse un amico... Ah, la demenza umana: come quelli che ululano contro l'evasione fiscalde (due panini ed una confezione di patatine) del pizzicagnolo (che è solo un morto di fame che non riesce ad arrivare a fine mese) ma non dicono niente quando vedono che i plurimiliardari legalmente evadono miliardi. 

Quando poi non sta scritto da nessuna parte che il vaccino di sicuro arriverà o, per essere più precisi, anche se arriverà poi pochi mesi dopo magari non sarà più valido perché il virus muta in continuazione... Ma tanto Anti legge solo le strunzate che gli fanno credere i giornaloni... 

Anti e soci i quali per esempio non sanno come per soldi son capaci di ridurre una persona Bill e gli amici di Bill (speriamo che un giorno, voi, vecchi rimbambiti, non dobbiate capirlo sulla vostra pelle, ma allora sarà troppo tardi...): per esempio qui sotto ci sono due foto  di una bella donna ridotta ad una larva da gravi problemi autoimmuni -quelli che avevo pure io- che i medici ignoranti  (spinti dalle farmaceutiche le quali su questi farmaci con brevettoi gudagnano miliardi) si ostinavano a curarla solo con immunosoppressori e simili che alla lunga ti portano solo alla FOSSA, e che ti rendono tra l'altro il bersaglio perfetto del Covid e peggio (poi i somari raglianti dicono che è morta una giovane che stava in salute!!!!!!!!!!!!!!!!): poi, in poche settimane di cura (solo dieta quasi banale e qualche integrazioneda da 4 soldi  di vitamine e sali minerali che Bill ed i suoi amici e soci mai ti consiglieranno perché non ci guadagnano un capz!!!), potete vedere nell'altra foto come è diventata, anzi, deve ancora migliorare perché ci vuole un po' di tempo per sfiammare il corpo, infiammato da decenni di alimentazione errata e carenze di micro e macronutriienti degne di una paese del terzo mondo -sì perché qui da noi le calorie sono troppe ma le vitamine ed i sali minerali ecc. causa cibo scadente -e scadente è spesso pure quello che ritenete buono-, abbondano!!!! Tra l'altro ci sono decine di testimoni e CENTINAIA di casi come questo (basta che andiate su un gruppo Facebook tra i tanti possibili gestito da medici evoluti -per esempio Psoriasi metodo Apollo-).

Poi (ma tanto coi cretini non serve a nulla), leggete qui sotto un articolo del dott. Luchi, dirigente medico, ecc. ecc. (quindi non un pimponatore da tastiera che parla di medicina come molti qui che però non ne capiscono un capz né sono "ricercatori" nel campo come il sottoscritto): inoltre c'è anche l'opinione di un prof. di Harvard, non di uno sburioni -livello di pubblicazioni accademiche  molto basso come quell'altro somaro di Monti che i somari  di questo forum pure ritenevano un grande- , dicevo non di uno sburioni  qualsiasi (quello che fino a qualche settimana fa se la rideva del virus) o di qualche rinco da tastiera cobraf-iana...

P.S.: qui tra il sottoscritto (a livelli bassi) e Zibordi (a livelli alti) ci saziamo di riportare dati e fatti, mentre dall'altra parte ci sono quasi solo slogan e strunzate dette da Bill (ma è un medico??? ah ah ah) e simili. 

--------------------------------------------------------------------------------------

 

“La professione medica è stata comprata dall’industria farmaceutica, non solo per la parte riguardante la pratica clinica ma anche a livello di insegnamento universitario e ricerca scientifica”

(Arnold Relman, professore ad Harvard ed ex caporedattore della principale rivista medica del mondo, il New England Journal of Medicine).

Badate bene, la professione medica, non i medici!

Si può concordare o meno su una tale affermazione ma certo ci sono molte cose che fanno riflettere.

Basta pensare da dove vengono i soldi per fare gli studi scientifici, per il 70% dalle case farmaceutiche. È chiaro che se io pago è più facile che gli studi non siano sempre così privi di conflitti di interesse. E che vengano pubblicati quelli favorevoli ai farmaci e talvolta non pubblicati quelli sfavorevoli.

Da dove vengono i soldi per i congressi medici? Dalle case farmaceutiche.

I medici di punta, quelli che fanno le linee guida molto spesso sono legati da collaborazioni con le case farmaceutiche.

Moltissimo di quello che gira intorno alla medicina è legato in qualche modo alle case farmaceutiche.

Le case farmaceutiche sono cattive? Non direi. Rispondono a logiche di mercato (che io amo) e non mi scandalizzo quindi. Danno lavoro a milioni di persone e non sono buone o cattive a prescindere: fanno il loro lavoro e occupano gli spazi che vengono loro concessi. Non solo, cercano di occuparne sempre di più.

Se io pubblico il 70% della ricerca scientifica, io sono la Scienza. Se il politico deve fare delle scelte e guarda alla scienza chi vede? Vede me casa farmaceutica però vestito da scienziato e quindi dotato di una aura magica di imparzialità. Quindi attraente, quindi irresistibile.

I farmaci sono tutti pessimi? Per nulla. Qualcuno è ed é stato fondamentale per la salute umane. Molti vaccini, molti antibiotici ad esempio.

Ma se l’unico tuo strumento è un martello (farmaco) tutto ti sembrerà un chiodo (qualsiasi malattia). Anche quelle tante, troppe malattie che andrebbero curate non con i farmaci, ma con l’alimentazione, con le vitamine, col sole, con tecniche alternative.

I medici sono (siamo) cattivi e venduti?

Non direi. Veniamo formati in un ambiente dove molto è finalizzato alla prescrizione di un farmaco. Che colpa ne abbiamo se ci insegnano dall’età di 18 anni che alla fine del percorso diagnostico quasi sempre c’è un farmaco da prescrivere?

Quindi non ci sono nè complotti nè cattivi a prescindere, in questa storia.

Certo ci sono medici corrotti e casa farmaceutiche corrotte, nessuno lo nega. Ma abbiamo visto anche giudici della corte costituzionale a cui non faremmo sposare nostra figlia.

La colpa è semplicemente del modo in cui TUTTI vediamo la medicina, “un sintomo, un farmaco”. Tutti, pazienti, medici, politici. Se è così è normale che i telegiornali aprano col nuovo farmaco miracoloso ma mai con la notizia che trenta secondi di corsa a tutto fiato tre volte a settimana facciano meglio per la salute del 99% dei farmaci in commercio.

Quindi tranquilli non è la nostra generazione nè la prossima che smentirà il Prof Relman.

Anzi le cose andranno nella direzione opposta. È di queste ore che noi medici ci siamo accordati con una grande casa farmaceutica per formare i medici del futuro ( “Medicina generale. Sanofi sigla accordo con Fimmg e Simg per formare i medici del futuro”).

Noi medici saremo formati da chi produce e vende farmaci e cosa succederà ai medici di domani? Che inevitabilmente saranno forniti di un solo martello: il farmaco. Inevitabilmente trascureremo mille altre forme di terapia.

Soluzioni? Sono soluzioni folli le mie, lo sapete.

Alla base della soluzione vi è creare concorrenza VERA tra forme di approccio terapeutico differenti (farmaci contro non farmaci). In modo che il mercato orienti spontaneamente il paziente verso ciò che funziona e mandi in soffitta ciò che non funziona.

Se io ho a disposizione solo farmaci userò solo quelli per qualsiasi patologia mi si presenta davanti. Le parole del prof Relman suoneranno sempre più vere purtroppo per molti decenni (almeno), forse secoli, a venire. E saremo inevitabilmente meno liberi su come scegliere di curarci. Ma in tempi di Coronavirus la libertà non è una parola di moda.

Dott Andrea Luchi

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Venerdì 01 Maggio 2020 17:19

si è già detto da tempo che uno dei passi verso il nuovo socialismo è l'abolizione del contante.

che siano repubblica e il socialista a sua insaputa a perorare la causa è la più evidente delle prove