W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

 

  By: gianlini on Mercoledì 15 Giugno 2005 14:50

Questa era da inserire nel thread humour ma non l'ho trovato. Delinquere, estorcere e rischiare la vita ogni giorno per mano di qualche clan rivale, per far fare la cassiera alla figlia in un supermercato...... che sia anche questo un segno del declino dell'italia??? ----------------------------------- Il titolare di un supermercato di Messina, sottoposto a estorsione dal clan Vinci, era stato costretto a assumere anche la figlia del boss. Per questa estorsione, durata oltre un anno, i carabinieri del reparto operativo stamattina hanno arrestato 7 persone nell'operazione "Pino", dal simbolo della catena di supermercati. I provvedimenti cautelari sono stati firmati dal gip Massimiliano Micali su richiesta del sostituto della Dda Emanuele Crescenti. (AGI)

 

  By: Andrea on Mercoledì 01 Giugno 2005 18:31

Gianlini, lo speciale che Radio 24 ha dedicato ieri pomeriggio all'argomento parlava di cifre molto diverse (seppur ridicole in confronto all'oggetto dell'acquisizione): 350 milioni di dollari. Un paio di anni più tardi la stessa azienda ne valeva 9 miliardi, argomento usato per sostenere la tesi del furto di cosa pubblica. Non mi aspetto che su questo processo le informazioni distribuite (da chiunque) fossero particolarmente oggettive.

 

  By: gianlini on Mercoledì 01 Giugno 2005 17:13

no per 2 lire, pana, sei male informato per 7000 euri (equivalente in rubli di 7.000 euri per la precisione)

 

  By: pana on Mercoledì 01 Giugno 2005 16:31

al tg han detto anche che Yukos e stata comprata per 2 lire da un gruppo vicino a ......indovinate chi..eheh.. sarebbe bello se MIchael Moore facesse un film anche su ste cose e mica solo su Bush...

 

  By: gianlini on Martedì 31 Maggio 2005 19:04

norton, a me hanno detto che le amicizie oltreoceano di Kh gli sembravano sufficienti a considerarsi intoccabile (al contrario ad esempio di Berezovskyi e di Abramovic che sono fuggiti a londra); evidentemente l'Iraq e l'appoggio che Bush ha dovuto procurarsi a Mosca sono costati a Kh molto cari!

 

  By: Moderator on Martedì 31 Maggio 2005 18:58

Spuntarla su l'ex capo del KGB deve essere veramente dura .Avrà avuto accesso ad infinite notizie per ricattare chiunque in Russia . In quel paese l'andazzo è sempre stato quello e inoltre nessuno arriva là (capo KGB) se è una mammola .

 

  By: gianlini on Martedì 31 Maggio 2005 17:00

Kh, che era un ragazzotto molto sveglio del PCUS, dopo aver accumulato l'ingente fortuna bancario-petrolifera, si voleva dare alla politica e creare un gruppo di almeno 100 deputati alla Duma da contrapporre a Putin Putin nell'attaccare Kh, e nell'attaccare una parte (quella a lui avversa....) dei famosi oligarchi (ultimamente Ciubais, ad esempio) ha utilizzato la proposizione che Kh avrebbe derubato non tanto gli azionisti delle sue società (come l'amico Tanzi), quanto l'intera grande Madre Russia, appropriandosi indebitamente delle sue risorse. in realtà, a quanto si può leggere, Kh è una persona colta, intelligente e con una visione fortemente sociale della missione dell'imprenditore Putin ha voluto punire uno per dare l'esempio a tutti. http://www.khodorkovskytrial.com/

 

  By: Gilberto on Martedì 31 Maggio 2005 16:41

Khodorkovsky and Lebedev non hanno fatto niente di male agli azionisti o ------------------------------ Che abbia fatto o meglio avrebbe potuto fare qualcosa di "male" a PUTIN ?!?!

 

  By: GZ on Martedì 31 Maggio 2005 16:29

Khodorkovsky and Lebedev non hanno fatto niente di male agli azionisti o dipendenti della loro società E' il governo russo che li perseguita (dopo che Khodorkovsky aveva appoggiato l'opposizione a Putin) che ha distrutto il titolo e provocato danni all'azienda

 

  By: gianlini on Martedì 31 Maggio 2005 15:58

Khodorkovsky and Lebedev sentenced to 9 years each in Russian labor camp. ------------- Tanzi: 3 mesi in infermeria del carcere......

 

  By: Andrea on Venerdì 27 Maggio 2005 16:58

Gianlini, mi sono soffermato a pensare più volte la stessa cosa. Possibile che sia necessario convocare le riunioni più importanti per il Paese a notte fonda, magari presso una residenza privata e non nelle sedi istituzionali alle 10 del mattino? Il vizio però è antico ... in un certo palazzo tenevano la luce accesa nello studio tutta notte, così da far credere alla gente che il capo lavorasse 24 ore al giorno. Non stò facendo un paragone in senso lato (che mi infastidiscono) ma in questo mi sembra ci sia una certa disfunzionalità che perdura. D'altro canto mi rendo anche conto che dal momento che gran parte dei partecipanti a quelle riunioni ha molti altri impegni (i sindacalisti di giorno lavorano a costruirsi una carriera politica, i politici seguono le trasferte delle squadre di calcio, i sottosegretari gestiscono le aziende private, ecc.), tocca sfruttare i ritagli di tempo. D'altro canto la colpa è nostra. Abbiamo voluto i governi di tecnici, gente che arrivasse da fuori il mondo della politica? Adesso ce li teniamo. Chissà come sarà la prossima ondata. Ve le immaginate le dichiarazioni di Lotito Presidente del Consiglio? O di Ricucci Ministro delle Telecomunicazioni?

 

  By: gianlini on Venerdì 27 Maggio 2005 16:39

non sarà mai un paese normale un paese in cui una delle trattative più interessanti ed importanti, quella degli statali, deve essere chiusa alle 4 del mattino, così da far passare per degli eroi le due parti al tavolo della trattativa.... non possono discuterne dalle 9 alle 12 e chiudere poi alle 15.30 davanti ad un bel vassoio di pasticcini come le persone normali??

 

  By: Moderator on Giovedì 19 Maggio 2005 01:08

naturale , se uno ha la zucca ormai vuota ci prova con la zucchina :-)

 

  By: Gilberto on Giovedì 19 Maggio 2005 00:49

per carità ! da quando è alle politiche agricole le zucchine sono raddoppiate di prezzo --------------------------------------------------- Ecco il responsabile dei rincari dell'ortofrutticolo !!! : DDD

 

  By: Moderator on Giovedì 19 Maggio 2005 00:03

per carità ! da quando è alle politiche agricole le zucchine sono raddoppiate di prezzo