W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 13:11

Veramente non volevo andare a parare da nessuna altra parte che non confermare che i rapporti indicati da Gano (1 su 56, 1 su 9) erano plausibili e quindi anche le cifre da lui indicate

 

 

 gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:06

Sulla nave da crociera giapponese gli infettati sarebbero 61

Quindi uno ogni 100 come minimo*

Per Wuhan come minimo si parla di 200 mila infettati 

 

*indicavo dei numeri a memoria e a senso, in realtà andandomi poi a spulciare la notizia, sarebbero 64 infetti su un totale di 3500 imbarcati - quindi 1 ogni 55 - 


 Last edited by: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 13:14, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 13:08

Taccio solo per buonsenso, ed eviterò di incazzarmi per lo stesso motivo.

Ma sappiamo benissimo dove vuoi andare a parare.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 13:06

Tuco si è arrabbiato scioccamente, ma capisco che per chi vive in piccoli centri la promiscuità della città non sia nemmeno lontanamente immaginabile.

Sul mio taxi salgono quotidianamente 35 persone circa, sempre diverse. Ammettiamo che io mi ammali e che per il contagio basti il quarto d'ora di permanenza sul mio taxi

In 14 giorni io da solo ho potenzialmente contagiato 490 persone.  

Su una singola carrozza della metropolitana credo ci stiano almeno 100 persone. Diverse da corsa a corsa e appiccicate l'una all'altra.

 

 

 

 

 

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 13:07, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 13:02

Basta, inutile perder tempo in contese inutili, vado a comprarmi  il TV OLED 65 pollici che avevo detto.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:59

Se la velocità di contagio è maggiore di quella di guarigione, cosa che non so e questo dipende molto anche dalle misure d'isolamento che vengono prese, bisogna sperare di avere un bel sistema immunitario.

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 13:01, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:58

Wuhan, mi sembra molto più fittamente abitata di Milano

Che adesso siano tutti in casa non c'entra. L'epidemia è partita ben prima.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 12:56

Ribaltamento dello scenario e argomento dell'uomo di paglia ( oramai ti conosciamo...). 

Siamo nel mondo reale, sveglia, l'hubei non è Milano. Oltretutto da settimane tutti son obbligati a star rinchiusi in casa,

salvo necessità indifferibili.


 Last edited by: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 12:57, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:52

Diciamo che nel pollaio recintato (la nave) il contagio è più rapido.

 

Qui ora si gioca tra velocità di contagio e velocità di guarigione e quindi di non essere più infetti. Bisogna che la seconda sia molto maggiore della prima. Infatti quello che il governo cinese sta cercando di ottenere con le mascherine, l'isolamento e i coprifuoco, è di rallentarne la velocità di diffusione

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:56, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:52

Maurizio, non arrabbiarti!

ATM trasporta 776 milioni di passeggeri all'anno (Milano)

Vuol dire che giornalmente prendono un mezzo pubblico (considerando che in media ognuno fa due corse) 1 milione di persone. In una città di 1,4 milioni d residenti

Come dicevo, "almeno il 50 %" prende un mezzo pubblico (direi che avendo fatto una stima a naso, non sono affatto andato lontano dalla giusta percentuale)

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:55, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 12:48

Cazzo! Ma che le probabilità di pandemia siano n volte superiori in un pollaio recintato rispetto alla campagna aperta ci arriviamo?

Probabilmente No!

Perché vuoi semplicemente avere ragione e dare contro all'avversario del momento. Come tuo solito.

 


 Last edited by: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 12:50, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:47

Sì, certo, in Wuhan sì, ma non in tutta la Cina. Infatti in Wuhan avevamo stimato 200 - 400.000 infetti che sono 1 su 30, e l'ordine di grandezza è comunque quello.

 

Almeno non ancora in tutta la Cina.

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:50, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:45

Wuhan è una città, non è San Gimignano.....

Per di più è una città cinese

In una città moderna, le persone che quotidianamente prendonom un mezzo pubblico, un ascensore (sono tutti grattacieli), frequentano un ufficio, un supermercato, un qualsiasi luogo affollato sono sicuramente più del 50 %

Se in una nave da crociera in una settimana sono passati da 1 a 64, puoi anche dividere questa cifra per 10 se vuoi, quindi 1 ogni 6 in un ambiente urbano, ottieni cmq che in due settimane (il tempo di incubazione è 14 gg) hai un rapporto di infettati di 1 a 64 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:48, edited 2 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:40

Gianlini, non lo so. Stiamo facendo ipotesi che troppo spesso vanno oltre le nostre capacità. Infatti ho messo una forbice.

 

Anche nella migliore delle ipotesi 200 o 300.000 infetti in tutta la Cina non sarebbe comunque simpatico.

 

Se fosse vero quello che dici tu, che cioè promiscuità su una nave = promiscuità a terra, la situazione sarebbe invece catastrofica. E a quel punto puoi solo sperare di avere il sistema immunitario giusto.

 

Ma terra hai le campagne, i villaggi, le città, non tutti prendono i mezzi di trasporto, c'è chi non esce etc. mentre su una nave sei 24h su 24 in promiscuità, probabilmente anche il ricircolo d'aria (siamo in inverno) gioca il suo ruolo. In effetti ne potrebbe bastare uno.

 

 

 Last edited by: Gano di Maganza on Sabato 08 Febbraio 2020 12:43, edited 4 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Tuco on Sabato 08 Febbraio 2020 12:40

Ma per piacere, mica tutti vanno al lavoro, mica tutti vanno al lavoro dove ci sono infetti.

Su una nave ne basta 1! Tutti passano dai soliti luoghi n volte al giorno. Tutti.

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:37

e se lavori in un ufficio, sei su un mezzo pubblico, lavori in una fabbrica mangiando a mensa ogni giorno, vai dal medico con la sala d'aspetto stipata, vai al supermercato con la fila alla cassa,, non hai lo stesso grado di contiguità?

Tutti mezzi chiusi, con contagio aero-mediato più o meno simille ad una nave da crociera

 

 


 Last edited by: gianlini on Sabato 08 Febbraio 2020 12:42, edited 2 times in total.