W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

 

  By: Esteban on Mercoledì 01 Agosto 2007 17:50

Beh ... Se in america son già in recessione , e , complice il $ , è diminuito il potere d'acquisto e sono ridotti così , Vedremo quando tocca all'Euro ... Si , è vero che esporteremo di + e ci sarà + lavoro,pure in america ora esportano di + . Solo che per arrivarci , molti hanno perso la casa e molti dei vantaggi che avevano li hanno persi. E' facile parlare di ripresa dei numeri (Truccati). Basta vedere le soluzioni decise pre far fronte alla situazione. Servono Soldi ? Tasse a nastro -> prendili dove ci sono. Aziende e popolo in crisi per tasse e prezzi elevati e globalizzazione ? --> Flessibilità e riforma delle pensioni. Economia che si blocca ? crea credito modello "mutui subprime" banca intesa ti offre i soldi per la casa con 40 anni di tempo per pagare. Non ci sono + soldi perchè chi è furbo è andato all'estero o perchè li hanno prosciugati tutti ? Mettigli la casa all'asta e frega + che puoi . Il trucco sta nel scaricare le rogne di un paese sempre ai soliti che lavorano. Mica hai risolto i problemi reali del paese , come al contrario un imprenditore deve fare se l'azienda non fa profitto ... Guarda Menem come ha ridotto l'argentina ... Beh ... mi sa che i prossimi siamo noi ...

 

  By: lutrom on Mercoledì 01 Agosto 2007 17:00

Premesso che ne abbiamo già parlato in questo forum (e premesso che Blondet non è certo un grande economista: comunque queste cose non è lui il primo ad averle dette), quante probabilità ci sono, secondo voi, che l'Italia possa avere un "destino argentino" (così, magari, possiamo preparare in anticipo le valige...)?? ---------------------------------- Italia: destino argentino Maurizio Blondet 01/08/2007 Fino al giorno in cui «sarà espulsa o sceglierà di fuggire dalla zona euro, l’Italia subirà una crocifissione argentina»: è la diagnosi di Bernard Connolly, già capo delle ricerche economiche alla commissione Europea ed ora analista strategico della Banque AIG. ^cliccaqui...#www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2179¶metro=economia^

 

  By: gianlini on Martedì 31 Luglio 2007 01:33

mi è capitato di incontrare ieri sul portone di un palazzo del centro, mentre andavo da un cliente, Roberto Cavalli, che mi ha anche gentilmente tenuto aperta la porta poco prima avevo incrociato la Canalis, e non è molto tempo fa che il figlio di Moratti si era fatto beccare come "vittima" in una candid camera siamo uno dei pochi paesi al mondo in cui ricchi e famosi possono tranquillamente circolare senza particolari precauzioni e guardie del corpo speriamo che continui così i tedeschi...mettiamola così: la media (figli per donna) sarà anche uguale all'italia ma la distribuzione è diversa lì se fanno un figlio, ne fanno tre, oppure niente qui invece tutte le donne ne vogliono uno e le città sono piene di figli unici

 

  By: GZ on Martedì 31 Luglio 2007 01:29

l'America e l'Inghilterra in particolare si stanno trasformando in una specie di Brasile con i super-ricchi nel palazzo e le guardie intorno e gli immigrati di tutte le razze nei ghetti che gli forniscno servizi a basso costo Ben Stein, l'attore-economista-scrittore (scriveva i discorsi di Nixon per dire che non è tanto di sinistra) scriveva ieri che con i nuovi ricchi della finanza che non pagano praticamente tasse e spendono come gli sceicchi del petrolio si finirà tipo rivoluzione francese ------------------------------- ^The Hedge Fund Class and the French Revolution#http://www.nytimes.com/2007/07/29/business/yourmoney/29every.html?_r=1&oref=slogin^ By BEN STEIN July 29, 2007 LET’S start with the obvious. Hedge funds have created a terribly wealthy new class. Although the data is overwhelming that the mass of hedge funds have not been outperforming the market after fees, money still pours into them. This has often made their proprietors terribly rich. Somehow, by some alchemy of brilliant tax lawyers, these people are paying long-term capital gains rates of 15 percent on their compensation (even though much of their pay is tied to trades with holding periods that last seconds). Doctors and lawyers and writers and actors pay about two times that amount. Then there are the private equity people. They buy and sell companies, usually with other people’s money. They put up a tiny slice of their own capital and multiply it with investments from pension funds, very wealthy families and foreign government investment authorities, and they buy companies. They shake the companies up, cut spending, cut reserves and then resell them to us patsies in the public markets for huge profits. “Rip, strip and flip,” as they say. I am not saying all of them do, but some do. The private equity people get an immense interest in the profits, vastly outstripping whatever capital they had on the line. This “carried interest,” as they call it, is then taxed at low capital-gains rates. If the private equity companies play their cards right, they use yet another loophole involving amortization of good will to eliminate any tax at all if and when they go public. Now, all of the above appears to be legal, in that it conforms to laws made by Congress and regulations adopted by the Internal Revenue Service. So what? The fact that the law is such and such as of July 2007 does not mean that it has to be that way in July 2008 or even in September 2007. The laws of taxation, like all laws, are political. They are not based on commandments from the Lord God Jehovah carried down on tablets from the mountaintop. They are not ordained by Solomon. They are political, hewn from the give-and-take of lobbyists, expert witnesses, law professors, economists and donors. The law can be changed. Laws are changed all of the time in the tax arena. The oil companies used to get immense tax allowances that they don’t get any more because of political pressures. The tax rate on the last dollars of high-income people used to be above 90 percent. It’s not like that any longer. Why? Political change. It applies to the tax code as well as to all other laws. Now, let’s think about what’s going on in America right now. We are in a war. We are apparently not winning the war. The military is desperately shy of funds, to the point where our fighting men and women are being shortchanged in training and equipment. We also need more money for our soldiers’ pay, so their families do not have to live like church mice while their spouses are deployed in Iraq or Afghanistan. In these circumstances, is it fitting and morally right for the richest of the rich to be paying either very low taxes or no tax at all? Is it right or even admissible in the human conscience that while teachers, emergency room technicians, police and firefighters are taxed at full earned-income rates — and often underpaid — that the highest-earning people in this country should pay at either very low tax rates or none at all? Or, put it like this: do we dare send our men and women to fight for an America in which the very rich are so favored by the government that it amounts almost to an aristocracy? Long ago, I had a European history teacher named Mrs. Enright. She explained to me that one of the causes of the French Revolution was the sad truth that the aristocracy was not taxed at all, while the workers and burghers were taxed highly. Is this our future? Maybe the law does allow for favorable tax treatment for hedge funds if you have good enough lawyers. Maybe the law does allow for private-equity managers to receive capital-gains treatment for what is clearly money management, not risking their own capital. But the mark of a great society is that its laws approximate morality and fairness. Is this really what we have in the tax code now? If so, fine. If not, why are we not changing it? (Is it because of the pitifully cheap contributions of the finance industry to the two parties? If so, the politicians are much more pitiful than I had thought. Contributions in the thousands and hundreds of thousands for tax breaks in the billions? This isn’t sensible even on an old Tammany Hall basis. Contribute a penny to get a hundred dollars? What’s up with that?) AND please, let’s not haul out that old chestnut about having tax incentives to encourage entrepreneurship. We already have enough people who want to be rich (which is another phrase for “entrepreneurship”). What we are lacking is oil and gas. Maybe we should give the oil exploration people lower taxes. What we are lacking is people willing to fight the war on terror. Why don’t we just have a tax holiday for people who are fighting in Iraq and Afghanistan for five years after they get back? This would be the tax code addressing real shortages, not an imaginary shortage of money mania (oops, I mean “entrepreneurship”). Let’s keep it real: Congress can take notice of a mammoth inequity in taxation during wartime and make the tax on private equity and hedge funds approximate the treatment of other highly paid people — or it can continue down the road to the Bastille. Ben Stein is a lawyer, writer, actor and economist. E-mail: ebiz@nytimes.com.

 

  By: lutrom on Martedì 31 Luglio 2007 00:06

Non sono comunista né nemico del capitalismo, però leggendo certe cose... (il problema è però sempre: qual è l'alternativa??) ---------------------------------- Tra i valori dell’Occidente Maurizio Blondet 30/07/2007 Il Ritzy Canine: esclusivo hotel di New York solo per cani vicino all'Empire State Building: offre 23 stanze, 2 suite presidenziali, camere con tv e comodi sofas e raffinatissima cucina all'italiana ^cliccaqui...#www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=2175¶metro=cultura^

 

  By: GZ on Lunedì 30 Luglio 2007 22:30

In Russia, il paese con la crisi demografica più spaventosa (sono già diminuiti di più di dieci milioni e si prevede che calino di altri 20 milioni) Putin ora organizza dei ^campi per la gioventù per incoraggiarla a procreare#http://www.dailymail.co.uk/pages/live/articles/news/news.html?in_article_id=471324&in_page_id=1770^ (un tantino in stile sovietico se vogliamo, notare le facce qui sotto)

 

  By: GZ on Lunedì 30 Luglio 2007 22:24

i tedeschi forse perchè quelli con bambini vengono tutti in Italia a casa loro non si notano più carrozzine e pupi che da noi

 

  By: gianlini on Lunedì 30 Luglio 2007 17:23

chi viaggia avrà notato che i tedeschi e i francesi sembrano avere tutti 3 figli gli italiani tutti un solo figlio, perchè l'importante per le donne italiane è dimostrare di poter "produrre" MILANO - L’Italia è il Paese occidentale con la maggiore incidenza di nascite da madri over 40: 4,6% nel 2005, con punte del 7,2% in Sardegna e valori oltre il 6% in alcune grandi province come Bologna, Firenze, Genova e Roma. L’Italia, però, è oggi il paese con l’incidenza maggiore di nascite da madri con più di 40 anni. Non solo: sempre più spesso quello avuto in età relativamente avanzata è il primo figlio

 

  By: lutrom on Sabato 21 Luglio 2007 21:40

Sicuramente anche la privacy è importante, però vorrei dire: 1) i giudici di cui si parla qui sotto (e soprattutto i politici e i sindacati che hanno partorito il relativo quadro normativo)assumerebbero a proprie spese il tizio di cui hanno ordinato il reintegro nel posto di lavoro??? (tizio che comunque non si dice che non avesse colpe, ma si dice che avesse diritto alla privacy... del dolce far nulla. Certo, probabilmente sarebbe stato giusto avvertire tutti i lavoratori che potevano essere "spiati" a loro insaputa) 2) è giusto proteggere i lavativi causa privacy?? Conosco gente che è stanca di andare al lavoro, anche in posti privati, perché vedono che i lavativi (non licenziabili per vari motivi tra cui il rispetto della privacy) guadagnano quanto loro 3)certo sarebbe folle licenziare uno solo perché sorpreso una volta a navigare su siti che non riguardano direttamente il lavoro svolto 4) quanto risparmieremmo se eliminassimo garanti della privacy, relativi avvocati e relative cartacce e pensassimo di più a problemi più seri come la malavita organizzata che controlla larghe parti del nostro paese??? (poi però si scopre che, quando veramente servirebbe, la privacy non viene rispettata) -------------------------- 21 luglio 2007 (www.repubblica.it) Cassazione: “Mai spiare il dipendente lavativo” La vigilanza non deve violare la privacy L’impresa aveva utilizzato le telecamere del garage per dimostrare le inadempienze del lavoratore. Il caso è relativo a quello di un dipendente dell’Eni che era stato licenziato dopo la sentenza in appello a marzo 2005. Ora l’azienda dovrà reintegrarlo e pagargli gli stipendi arretrati. Tutti i pareri del Garante sui controlli negli uffici C’è una soglia che non deve essere mai valicata. Pure se il lavoratore è uno di quelli che di lavorare non ne vuole proprio sentire parlare. A dirlo è una sentenza della Cassazione che ha stabilito che "la vigilanza sul lavoro, ancorché necessaria nell'organizzazione produttiva" va "mantenuta in una dimensione 'umana' e cioé non esasperata dall'uso di tecnologie" che violano la privacy del dipendente stesso”. Insomma il Grande Fratello nelle imprese non può andare in onda. La sentenza 15892 della Cassazione, redatta da Paolo Stile, ha annullato su queste basi il licenziamento che era stato inflitto il 3 luglio del 2002 ad un dipendente dell'Eni Spa. Sergio P., a dire del datore di lavoro, aveva mostrato un "comportamento malizioso e ripetutamente inadempiente, o comunque idoneo ad ingenerare sfiducia". In particolare la sentenza fa riferimento all’uso che il datore di lavoro ha fatto delle telecamere all’interno del garage dove potevano parcheggiare i dipendenti per dimostrare le sue ingiustificate assenze e ritardi. Nella sentenza del giudizio d'appello emessa a marzo 2005, con il quale il dipendente era stato licenziato, si affermava che l’uomo "eludendo i controlli varcava altri accessi ed entrava nel garage o ne usciva con la sua auto privata". La sentenza sembra muoversi in una direzione diversa rispetto alle precedenti pronunce e stabilisce che le imprese pure se si trovano di fronte all’esigenza di “evitare condotte illecite da parte dei dipendenti" non possono spiare la condotta del dipendente facendo un ricorso "esasperato a mezzi tecnologici" così da fare venire meno "ogni forma di garanzia della dignità e della riservatezza del lavoratore". Per la Cassazione quindi, pure in presenza di un comportamento grave “svoltosi in maniera sistematica tale da avere spezzato il vincolo fiduciario", il dipendente va immediatamente "reintegrato nel suo posto di lavoro". Allo stesso tempo l’impresa dovrà un risarcimento al lavoratore per i danni pari alla retribuzione di circa 1.500 euro per quattrodici mensilità, ovvero dal giorno del licenziamento a quello della reintegrazione. La Suprema Corte ricorda che sussiste il "divieto di utilizzazione di mezzi di controllo a distanza, tra i quali, in primo luogo, gli impianti audiovisivi sul presupposto che la vigilanza sul lavoro va mantenuta in una dimensione umana" stabilito dallo Statuto dei lavoratori. La richiesta dell’installazione di impianti ed apparecchiature di controllo, dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori, può essere solo condizionata a “esigenze di sicurezza del lavoro". In ogni caso la installazione è "condizionata all'accordo con le rappresentanze sindacali aziendali o con la commissione interna, o in difetto, all'autorizzazione dell'ispettorato del lavoro". D'altronde il diritto alla privacy del dipendente si estende anche durante le attività di lavoro in ufficio. Il Garante nella sua ultima relazione annuale ha ribadito, in occasione di un caso relativo a un lavoratore licenziato per avere consultato siti a contenuto religioso, politico e pornografico, che il datore non può copiare direttamente dalla directory intestata al lavoratore le pagine web senza informare preventivamente il lavoratore. Tale trattamento può essere effettuato senza il consenso solo “se necessario per difendere in giudizio un diritto di pari rango pari a quello dell’interessato della personalità o un altro diritto fondamentale.” Sempre in merito al controllo da parte dell’azienda dei movimenti dei dipendenti il Garante ha dato ad agosto un “sì condizionato” al progetto di una società che prevede l'uso delle impronte digitali per far accedere i dipendenti in determinate aree del magazzino merci dove sono depositati beni di particolare valore. “Le impronte digitali potranno essere usate solo per identificare in maniera certa i dipendenti della società abilitati all'accesso alle aree riservate e non per la rilevazione delle loro presenze. Scopo dell'installazione del sistema biometrico è quello di garantire una maggiore sicurezza delle merci ed evitare il ripetersi di furti di beni preziosi". Quanto alle email la pratica del controllo sembra essere molto diffusa. Per Mauro Paissan, componente del Garante per la Privacy, “è giusto partire dal quadro normativo vigente (per quanto non specifico) che al momento punisce con una sanzione penale (art. 616 c.p.) chiunque violi una corrispondenza a lui non diretta, specificando che per corrispondenza si intende anche quella informatica o telematica. E’ necessario trovare una soluzione che contemperi il diritto del datore di lavoro di mantenere il controllo dei beni aziendali con l’insopprimibile diritto, costituzionalmente tutelato, alla segretezza della corrispondenza e alla protezione dei propri dati personali. In ogni modo, su questo delicatissimo punto non c’è ancora una normativa specifica né una giurisprudenza consolidata.” LE DECISIONI E I PARERI DEL GARANTE Sì all'uso delle impronte digitali dei lavoratori ma con precise garanzie Internet: proporzionalità nei controlli effettuati dal datore di lavoro Illecito spiare il contenuto della navigazione in internet del dipendente Esami di tossicodipendenza sul posto di lavoro

 

  By: Fortunato on Giovedì 19 Luglio 2007 00:08

E ancora. Oggi il Generale Speciale ha denunciato il Ministro dellEconomia per le parole espresse nel'audizione al Senato dellaRes Publica(il Ministro consce il significato?, personalmente credo di no, ho seguito quanto da lui affermato e mi ha fatto veramente .......lasciamo perdere) e un altro Ministro della stessa Res Publica ha dichiarato che il Generale pur avendo mkille ragioni e anche più ha sbagliato a denunciare il Ministro in quanto secondo la legislazione italiana le parole pronunciate dal Ministro non hanno rilevanza penale. Ma di che ***** stava parlando? Ma stiamo scherzando nuovamente? Se i politici e i Ministri possono affermare tutto ciò che vogliono non criticando con dati di fatto ma dicretitando gli altri e non ne hanno responsabilità oggettiva allora questo è il paese delle banane e delle teste di *****. Mi fa sempre più schifo! Altro che fascismo! Andate tutti a casa per sempre! Ci fate solo un grandissimo favore. Siamo capacissimi di autogovernarci. Fortunato

 

  By: Fortunato on Giovedì 19 Luglio 2007 00:00

Mio caro lutro, ho letto con estremo interesse quanto da lei postato e ora posto una notizia tipicamente italiana, è un'Ansa. Non so se mettermi a piangere, ridere o altro. "» 2007-07-18 19:48 Napolitano, la Bce non basta 'Bisogna affiancarle un soggetto politico responsabile' (ANSA) - LISBONA, 18, LUG - La Bce non basta, bisogna affiancarle 'un soggetto politico responsabile per l'Unione Europea'. Lo ha detto Giorgio Napolitano. Il continuo apprezzamento dell'euro rispetto al dollaro 'e' una questione reale' e ripropone l'esigenza di completare l'edificio delle istituzioni europee. Il presidente della Repubblica ha ricordato che il suo predecessore Carlo Azeglio Ciampi aveva piu' volte segnalato il problema parlando, per usare la sua definizione, di una 'zoppia'. " Commento: stianno scherzando o stanno dicendo sul serio? Fortunato

 

  By: lutrom on Martedì 17 Luglio 2007 12:18

Vi posso assicurare, per esperienza diretta, che di docenti come quello qui sotto descritti ne potete trovare circa uno ogni scuola statale (magari i motivi per cui è un pessimo docente sono altri, magari è un pazzo quasi totale che però va sempre a scuola, ma comunque il livello è lo stesso); accanto a soggetti simili ogni scuola ha un paio di altri personaggi quasi allo stesso livello ma non licenziabili neanche dal presidente della repubblica perché se per il caso gravissimo una possibilità su 30 di essere licenziato c'è, per i casi quasi gravissimi le possibilità sono una su 200. Per non parlare di casi gravi ma che naturalmente NON saranno mai allontanati (docenti che insegnano francese parlando in dialetto - italiano e non francese -, gente che quando va in classe puzza -veramente- come un cane morto, professori ai quali i ragazzi consegnano come compito scritto la stessa fotocopia per 20 ragazzi, ecc. ecc.). Per non parlare dei professori mediocri (per non dire scarsi) i quali, se facessero ad esempio i commercialisti, anche avendo ereditato mille clienti, chiuderebbero per fallimento dopo massimo un anno. E così siamo arrivati a circa 10-15 docenti (se va bene) per ogni scuola che abbia tra i 60 e gli 80 docenti in servizio; questo per non parlare di altri dipendenti pubblici in altri settori (sanità, comuni, ecc.); tirando le somme arriveremmo facilmente a cifre altissime in tutta Italia. Naturalmente questo gravissimo E OGGETTIVO problema per i sindacati e per i nostri politici non è (quasi mai) un vero problema... ------------------------------------------------ Tutte le assenze del professor M. Trasferito, si ammala di nuovo. Da una scuola all'altra di Milano, manda certificati medici da una località a 1.110 chilometri. Ha un secondo mestiere: insegnare per me è un passatempo. Fonte: www.corriere.it (17-7-07) MILANO — I peccati, e non il peccatore. Storia breve e protetta dall'anonimato del professor M. Occorre prima riportare la laconica dichiarazione dell'interessato, molto compreso nel suo ruolo: «Un pubblico ufficiale come me ha il dovere di non intrattenere rapporti con la stampa». Clic. Il professor M. e le sue pratiche non sono rappresentativi dei docenti italiani. Fosse così, avremmo già chiuso baracca e burattini. La sua storia è importante di riflesso, offre la misura di come l'Amministrazione sia inerte ed inerme davanti a un caso di menefreghismo così smaccato da avere aspetti comici. Anche se gli studenti che si sono imbattuti in questo docente avrebbero da ridire sull'aggettivo «comico». Sul Corriere della Sera di lunedì, l'editoriale di Pietro Ichino dava conto del cursus honorum del professor M. Passato indenne attraverso due indagini interne che prendevano atto del suo assenteismo e della scarsa voglia di insegnare, è stato trasferito ad altro istituto, dove attualmente esercita, o dovrebbe. I suoi vecchi alunni, che lui ha lasciato nel febbraio 2007, pochi giorni fa hanno sostenuto la maturità, con esiti paragonabili a Caporetto. Pare di capire che ci saranno altri studenti caduti sul fronte del professor M. All'inizio di giugno, la sua nuova scuola ha chiesto con urgenza l'invio di un ispettore. L'arrivo del docente non è stato indolore. Il trasferimento era stato deciso al termine dell'anno scolastico 2005/2006. Ma un professore di ruolo non può essere scambiato con un suo simile. Per fargli spazio, viene rimosso un supplente con contratto annuale. Uno bravo, scrupoloso. I suoi studenti inscenano una manifestazione di protesta sotto le finestre dell'Ufficio scolastico provinciale. Non si cambia ad anno iniziato, è il loro ragionamento. Con grande abnegazione, il professor M. esordisce il 19 febbraio con una settimana consecutiva di lavoro, durante la quale fa domanda al preside per ottenere l'autorizzazione a svolgere una seconda attività. Visti i precedenti, permesso negato. Il professor M. comincia a non farsi più vedere. Il primo certificato di malattia è del 26 febbraio. Ne fioccano altri, tutti con la curiosa caratteristica di essere stilati in una località distante 1.110 chilometri da Milano, suo luogo di residenza. I periodi di malattia cominciano sempre di lunedì, come se vi fosse la volontà di non rientrare a scuola dopo il weekend. Quando c'è, è peggio. Ai suoi studenti di quarta dice chiaramente che per lui la scuola è un passatempo, nella vita ha un altro lavoro. All' ennesimo certificato di malattia, fine aprile 2007, il preside nomina un supplente, nonostante la situazione economica non florida della scuola, per accontentare gli studenti e i loro genitori inferociti. Il quale, va detto, ha una sua coerenza. Avendo capito dalle precedenti esperienze che nulla gli può capitare, applica alla nuova scuola i comportamenti tenuti in quella vecchia. La prima indagine alla quale venne sottoposto, maggio 2005, era stata chiamata a gran voce proprio da quegli studenti che pochi giorni fa sono stati infilzati alla maturità. L'ispettore scoprì che il professor M. era già stato segnalato nel 1996 dal preside di allora dopo i risultati disastrosi ottenuti dai suoi alunni all'esame finale. Tre anni dopo era stata proposta una ispezione sul suo conto, mai avvenuta. Entrando nel merito, l'ispettore rileva «il numero elevatissimo di assenze e la loro collocazione strategica soprattutto in determinati periodi dell'anno scolastico e le gravi difficoltà e carenze di apprendimento lamentate dagli studenti». Nel 2002-2003 le assenze sono state pari al 72 per cento del suo orario di servizio; nel 2003-2004 si scende al 61%. Il sospetto di tutti è che il suo secondo lavoro si svolga tra Milano e la sua terra di origine, alquanto lontana. L'ispettore parla con gli alunni. «Quando non ha voglia di fare lezione si mette a parlare di cucina o dei suoi viaggi». «Quasi sempre dice che è stanco, e quindi si mette a leggere il giornale pretendendo silenzio». Gli studenti si dichiarano scoraggiati. Per l'atteggiamento dell'insegnante, che al ritorno dai suoi periodi di malattia gli rifila una media di 70-90 pagine al giorno da studiare con relativi esercizi, senza averle prima spiegate in classe. Assegna 30 problemi (la sua è una materia scientifica) alla volta e il giorno dopo, prima di aprire il giornale, fornisce solo i risultati senza motivarne logica e passaggi. Poi, ogni tanto, li interroga in massa e li bastona. Nel colloquio con l'ispettore non ritiene di dover fare di più, sostenendo che la colpa è dello scarso materiale umano che compone le classi in questione. Va notato che i suoi alunni avevano ottimi voti in ogni materia tranne una, la sua. Al termine dell'indagine, l'ispettore proponeva di assegnare il prof M. «ad incarico diverso da quello dell'insegnamento, che lo veda impegnato (sempre che di impegno egli sia capace) in attività che non comportino l'assunzione delle responsabilità connesse con l'esercizio della funzione docente, da lui del tutto negletta». I pareri degli ispettori però non sono vincolanti. Se l'interessato fa ricorso, e lo fa quasi sempre, si riparte da capo. Nel 2005 la pratica finì a Roma, alla Sezione disciplinare del Consiglio nazionale della Pubblica Istruzione, organo anche di tutela sindacale e quindi per sua natura portato a sopire. Per il professor M. si decise di non decidere. Venne mandato un altro ispettore, che salomonicamente suggerì il trasferimento per incompatibilità ambientale. I nuovi studenti del professor M. ringraziano, commossi e preoccupati.

 

  By: GZ on Mercoledì 11 Luglio 2007 14:23

Se lo scopo è riempire i buchi creati dal crollo delle nascite da parte degli italiani basta aprire le frontiere e di gente per rimpiazzarli ne arriva da tre continenti, fai anche prima che a incentivare le nascite che ti arrivano già adulti Se lo scopo invece è impedire che gli italiani diventino una minoranza nel proprio paese allora il buono o altro incentivi dovrebbe essere riservato solo agli italiani su base etnica, il che verrebbe denunciato all'Onu e UE come razzista Leggevo questo mese che in Giappone per la prima volta si stanno ponendo il problema se consentie l'immigrazione perchè anche loro hanno il crollo demografico. Per ora si limitano solo ai giapponesi emigrati in sudamerica, danno il visto solo se dimostri di avere sangue giapponese. Sono fortunati che a loro nessuno li denuncia

 

  By: Aleff on Mercoledì 11 Luglio 2007 12:07

Vi sono alcune cose che destano interesse solo quando ne sei coinvolto direttamente. Visto che mi nasce la prima figlia mi era tornato in mente quella misura dei 1000 euro bonus bebe, vado a cercare e ti trovo che centinaia di extracomunitari avevano usufruito del bonus senza averne diritto e falsificando pure i documenti. (bastava andare direttamente in posta) poi ti leggo che il governo di sinistra ha annullato tutte le richieste di risarcimenti nei confronti di questi sogetti: Bonus bebè - Sentenze del Tribunale di Varese Riceviamo e pubblichiamo i testi di due sentenze del Tribunale di Varese in merito alla vicenda del bonus bebè, bonus che in secondo tempo veniva negato alle famiglie di cittadini extracomunitari. Le sentenze riportate riguardano l’assoluzione degli interessati, cittadini extracomunitari che si sono recati presso gli uffici postali per ritirare il bonus, perchè "il fatto non costituisce reato". Ringraziamo l’Avv. Mario Lotti Sentenza Sentenza n.24/07 (.doc) Sentenza n.112/07 (...) [ 23 aprile 2007 ] Bonus Bebè – Sentenza di assoluzione per un cittadino straniero Recentemente si è avuto notizia di un provvedimento di archiviazione, disposto dal Tribunale di Vicenza, del procedimento penale nei confronti di un cittadino extracomunitario che aveva beneficiato del bonus bebè. In particolare, nella zona del vicentino avevamo già dato notizia di diversi provvedimenti di sequestro di domande già presentate o in corso di presentazione presso gli uffici postali, da parte di cittadini extracomunitari, e della correlativa attivazione di altrettanti (...) [ 23 aprile 2007 ] Se io ritardo di 1 mese il versamento INPS mitrovo pignorato anche le mutade. Poi oggi sul corriere leggo finalmente qualcosa di serio: BERLINO — Questa volta Wolfgang Schäuble l’ha sparata troppo grossa. Nella sua ansia legittima di ridurre al minimo i rischi di un attacco terroristico in Germania, il ministro degli Interni tedesco si è spinto fino a proporre di rendere legale l’uccisione mirata dei terroristi islamici, considerati altamente pericolosi. Nella Repubblica Federale ciò significherebbe modificare la Costituzione supergarantista del Dopoguerra, nata dal trauma della dittatura hitleriana. Dinamite politica, in altre parole, sufficiente per mandare in fibrillazione l’intera vita pubblica e dare un altro scossone agli equilibri, già molto fragili, della Grosse Koalition. Tanto da spingere l’accorta Cancelliera Angela Merkel a prendere le distanze dal suo ex mentore, facendo dire a un portavoce che quelle di Schäuble sono «riflessioni di lungo periodo» e non vanno confuse con «i progetti a breve» nella lotta al terrorismo. Se qualcosa dovrà partire o cambiare, nascerà sempre e comunque dalla Germania.

 

  By: pix on Martedì 10 Luglio 2007 13:54

Gianlini, sei un fascista. I ROM devono poter fare quello che vogliono ( vedi quello che nelle marche ha ucciso quattro ragazzi guidando ubriaco e contromano per cui sono stati proposti al massimo 4 anni). Al massimo devono portarlo in caserma e dirgli: "Cattivo cattivo !". Non mi è chiaro come un aumento delle forze di polizia possa giovare in questo gioco a nascondino: ti sbatti per prenderli, prendi botte quando và bene, poi arrivano davanti ad un giudice garantista che li lascia andare o gli commina una pena risibile. Anche se li prendessero tutti oggi, sarebbero tutti fuori domani ! Qualcuno mi dovrebbe spiegare come si recuperano un omicida, uno spacciatore o un camorrista di più di 15 anni.