Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lmwillys1 on Martedì 27 Marzo 2018 08:15

ripeto

'CHI decide quanto è il reddito per me che mai più lavorerò ?'

 

sul reddito di cittadinanza (o qualsiasi altra formulazione di reddito in cambio di nulla) che manipola il mercato del lavoro è ovvio ... quanta gente che lavora NON arriva qui da noi ai promessi 780 euro al mese ? lo dico io, MILIONI ... quanti di questi abbandonerebbero seduta stante il 'posto di lavoro' (meglio 'posto da schiavo') ? lo dico io, più o meno TUTTI .... e soprassediamo su quanti intascano qualcosa in più e si dimetterebbero per fiondarsi sul mercato del lavoro nero ...

 

corsi di formazione e posto offerto entro i 50 km fa ride solo a scriverlo ... i nostri ragazzi sono già estremamente formati, abbiamo migliaia di laureati e plurilaureati tirocinanti gratuiti o telefonanti o consegna-pizze o ...

 

il denaro NON ha alcuna possibilità di risolvere la situazione, NON ha alcuna possibilità di sopravvivere, NON ha alcuna possibilità di conservare il capitalismo

 

:-)

 


 Last edited by: lmwillys1 on Martedì 27 Marzo 2018 08:17, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Martedì 27 Marzo 2018 01:11

Oscar, non scherziamo.

Nell'inghilterra del XVII e XIX secolo l'ordine sociale era forse minato dalla disoccupazione? Senza Marx, stavamo ancora all'innocuo luddismo.

Il "mercato libero" è un mercato dove il lavoro è retribuito in funzione dell'offerta di manodopera e di domanda: più domanda c'è, più il fattore lavoro è economico ed efficiente.

Ma qui a Cobraf sarete diventati tutti comunisti??????

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Martedì 27 Marzo 2018 00:54

"Quando scrivo "...il reddito di cittadinanza manipola il mercato del lavoro..." sto argomentando dal punto di vista del pensiero liberista, poiché dimostravo come una misura del genere è contraria al più elementare pensiero liberista."

 

Muschio,non è vero!!! nel concetto Liberale e liberista ,la disoccupazione rischia di diventare una minaccia all'integrità dell'intero sistema.

Col reddito di cittadinanza,ad essere protetti non sono direttamente i lavoratori,ma il mercato stesso nella sua concezione liberale.

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Martedì 27 Marzo 2018 00:02

Speriamo, che De Masi riesca a convincerlo  Di Maio che deve fare una procedura semplice e, soprattutto, un sussidio per tutti i disoccupati (compreso chi non han voglia di fare un cazzzz).

Compagno Muschio,

sai qual'e' la piu' grossa porcheria fatta dai sindacati e dalla sinistra (compreso il tuo amico fausto l'ereditiere), se ne son sempre fottuti dei disoccupati veri (non portavano tessere).

Che un sussidio di disoccupazione debba essere di importo indipendente dal salario percepito da lavoratore mi sembra una cosa ovvia, addirittura naturale.

In questo modo i soldi ci sono per tutti e, oltretutto, fai pure la famosa separazione tra previdenza ed assitenza.

In ogni caso finalmente si respira aria nuova, ne son rimasti solo due, entrambi diversi dal passato e che parlano chiaro.

La Lega si e' completamente rinnovata, e' un partito nazionale e ha il merito di aver messo fuori gioco forza italia ormai ridotta a combriccola di vecchi babbioni.

Adesso si puo' dire che il ventennio e' alle spalle.

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Lunedì 26 Marzo 2018 23:46

Quiz del giorno: questo tormentono del reddito di cittadinanza tra quanti mesi ce lo toglieremo dalle palle?

dobbiamo aspettare il tormentone dell'estate?

https://www.youtube.com/watch?v=sTsVJ1PsnMs

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Lunedì 26 Marzo 2018 23:43

Se vuoi uno stipendio, muovi il culo e lavora.

Se non hai un lavoro, muovi il culo e combatti per averlo.

Il problema era la Gloriosa Classe: gloriosa un par di palle! Arrivati al potere, hanno fatto peggio. La Gloriosa Classe ha tagliato la testa a Maria Antonietta per finire a rubare pensioni da falsi invalidi, farsi raccomandare dal sindacalista o caporione di turno, usare l'auto blu per accompagnare la moglie (e affini fino al 3 grado) a fare la spusa.

Solo due uomini potevano salvarci:

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Lunedì 26 Marzo 2018 23:39

Bel post Anti, sono d'accordissimo.

 

 

Muschio> "1000 miglia di distanza dal tuo focolare domestico e il tutto per la modica cifra di 750 euro/mese circa."

 

Non è vero. A non più di 50 Km dal luogo di residenza. E questo, ho sentito la spiegazione da parte dell'economista del M5S a Radioanchio in macchina mentre andavo al lavoro, per mantenere un'adeguata domanda aggregata nel posto di maggior disoccupazione. Cosa che trovo sacrosanta,

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Lunedì 26 Marzo 2018 23:34

" i soldi ci sono e son quelli degli ammortizzatori gia' esistente e gestiti in malo modo"

Anti, io ti voglio bene, quindi, credimi, non mi dà gioia doverti mandare affanculo ogni volta scrivi queste boiate.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Lunedì 26 Marzo 2018 23:12

Morphy,

quando sento parlare di mettere in funzione gli uffici di collocamento metto mano alla fondina. Quelli sono loro stessi una forma di assistenza per chi ci "lavora" dentro.

Il salario di cittadinanza deve essere aggratis, chi e' disoccupato lo piglia e fa quel cazzzz che vuole, l'incentivo a cercarsi un lavoro deriva solo dal fatto che si tratta comunque di un importo basso.

Chi sostiene che dovrebbero fare lavori di pubblica utilita' sono i soliti imbecilli convinti che fare un lavoro artigianale, o anche semplicemente manuale, si alla portata di tutti, al max li puoi mandare a curare qualche spazio verde sperando che non si tirino la zappa sui piedi e poi li devi anche pagare come nuovi.

Altra condizione, il salario di cittadinanza deve costare 0 (ZERO), i soldi ci sono e son quelli degli ammortizzatori gia' esistente e gestiti in malo modo.

A MIlano ogni volta che prendi le metropolitana ti arrivano dentro i treni una paio di mendicanti (sempre), ecco, il salario di cittadinanza dweve coprire anche quelli.

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Lunedì 26 Marzo 2018 22:53

Anti, hai provato con l'aloe?

Quando scrivo "...il reddito di cittadinanza manipola il mercato del lavoro..." sto argomentando dal punto di vista del pensiero liberista, poiché dimostravo come una misura del genere è contraria al più elementare pensiero liberista.

PS: ti ho tolto tempo fa la facoltà di arruolarti tra i Comunisti dopo che hai esaltato Prodi. Astieniti d invocare la gloriosa classe: hai esaltato pure Monti, e ho detto tutto. 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Lunedì 26 Marzo 2018 22:46

Di Maio ha già detto, più o meno un migliaio di volte, che lui non da nessun reddito di cittadinanza a chi sta sul divano. Nel dettaglio cos'ha detto De Mita Di Maio? Che chi vuole prendere il reddito di cittadinanza ha due opzioni: fare i corsi di aggiornamento (cioè alimentare i solti carrozzoni) oppure accettare il lavoro che lo Stato ti offre anche che sia a 1000 miglia di distanza dal tuo focolare domestico e il tutto per la modica cifra di 750 euro/mese circa. O mangiare questa minestra o saltare dalla finestra dicevano una volta i signori del vapore. Con la differenza che una volta, forse avevi i sindacati che ti paravano il sedere e che magari tutelavano i tuoi interessi di pezzente, adesso un bel par de palle, tutto viene fatto a regola di legge. In pratica il Reddito di Cittadinanza si è trasformato in un abbassamento legale degli stipendi, adesso siamo a 750, fra 2 anni a 700 e fra due anni ancora a 600. Cioè andremo a parare nel punto che qui sul Cobraf sapevamo già da anni che saremo andati a parare: alle paghe a 600 euro.

Ora bisognerà vedere se questo avverrà mantenendo inalterata la situazione di qualche milione di persone privilegiate legate alla casta (gli statali per intendersi) oppure ci sarà qualche pazzo scatenato di politico che si darà la classica zappata sui piedi tentando di incidere dove il dente duole (cioè far piazza pulita di tutta quella flotta impiegatizia statale che non solo è inutile ma pure dannosa). Ho come il sospetto che questo sporco lavoro lo dovrà fare come al solito il cinico mercato. Come avverrà... chissà chi lo sa...

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Lunedì 26 Marzo 2018 21:40

Compagno,

ma cosa miiinghia vai dicendo? Il reddito di cittadinanza manipola il mercato del lavoro? Il mercato del lavoro lo manipola la disoccupazione con eserciti di disperati disposti a tutto, te lo sei dimenticato l'esercito di riserva?

Il salario di cittadinanza e' un mirabile strumento di equita', di giustizia, di Comunismo.

Mi spieghi perche' se viene licenziato l'operaio prende 700 eur/mese di disoccupazione mentre se viene licenziato il palloncino gonfiato ne prende 2500/3000? Entrambi hanno lo status di disoccupati, anzi, l'operaio e' sicuramente uno che si fa il cul, il palloncino invece, molto probabilmente, e' un imboscato che non fa un cazzzzz (specialmente nel pubblico).

Ergo, 700 eur/mese ad entrambi e via ai giardinetti (col cagnolino).

Te lo dico sempre, te sei un Compagno con aspirazioni da "acculturato", ergo, sei nemico della Gloriosa Classe (seppure a tua insaputa)

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lmwillys1 on Lunedì 26 Marzo 2018 19:36

CHI decide quanto è il reddito per me che mai più lavorerò ? (bain dice la metà entro il 2030 ma è ovviamente una cazzata)

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: shera on Lunedì 26 Marzo 2018 19:01

Il reddito di cittadinanza sarebbe una legge dello stato, un diritto come la tessera dell'asl

non devi votare nessuno per fare l'appendicite, in questo senso sarebbe un diritto

poi sicuramente i lavori socialmente utili, anche solo a sistemare le aiuole o tappare i buchi sulle strade sarebbero auspicabili

non è ammissibile che ci siano persone disoccupate quando ci sono lavori da fare per lo stato (manutenzione, sicurezza etc)

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: muschio on Lunedì 26 Marzo 2018 18:53

Scusa Shera, dove sta scritto che sarebbe un diritto?

Il diritto è al lavoro, per un salario che permetta una vita dignitosa..

Il lavoro rende la vita dignitosa e arricchisce la Nazione.

Il reddito di cittadinanza non arricchisce la Nazione, e relega i cittadini ad assistiti intorno alla soglia di povertà, ed allora sì avremmo una società ancor più classista ed escludente.

Invece, avverto che ai liberisti che se si dichiarassero a favore del reddito di cittadinanza toglierò loro la patente (anche perchè un reddito garantito, per quanto basso, falserebbe il rapporto di domanda ed offerta occupazionale).