Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 09 Marzo 2017 21:31

Non è così. Il debito italiano dovuto alle ruberie è molto più antico. Risale a ben prima delle autonomie locali, federalismi, regioni e provincie.... Ho già scritto che è vent' anni che l' Italia ha un avanzo primario. I soldi negli ultimi decenni se ne sono andati in interessi sul debito. Questa sola frase dovrebbe far riflettere le persone più attente su come sia impossibile ora di ripagarlo, a meno di una grande inflazione visto che il nostro debito è stato emesso a tasso fisso. Oltretutto è un errore considerare l' aumento percentuale del debito come "soldi che se ne vanno". In Italia l' austerità (per mantenere l' avanzo primario -costi quel che costi-) ha comportato decrescita, cioè contrazione del PIL e quindi un aumento del rapporto debito pubblico / PIL senza nemmeno che ci sia necessariamente bisogno di andare a cercare "dove siano finiti i soldi". 


 Last edited by: Gano di Maganza on Giovedì 09 Marzo 2017 21:40, edited 5 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Giovedì 09 Marzo 2017 20:51

Bull (asinò),

la Spagna ha un debito del 100% contro il tuo del 135% (140 senza la droga e le mignotte).

Ergo, di stamperia ne hai fatta molto di piu' degli spagnoli, dove son finiti i soldi? Vallo a chiedere ai tuoi consimili padanari, quelli delle autonomie locali, del federalismo, delle regioni, delle province, vedi che lo sanno: SE LI SONO ARRUBBATI!

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Giovedì 09 Marzo 2017 18:58

poi..il tapino terun (di certo non dotato di intelligenza come quelli della razza Piave!!) ben dimentica che il Mib è infarcito da banche e che con i tassi negativi il settore piu' penalizzato è proprio quello....e un cavernicolo montanaro deve dire questo ai terun informatici...RIROBDEMAT!!!.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Bullfin on Giovedì 09 Marzo 2017 18:54

Ai max 2007 il MIB valeva 2,62 volte l'IBEX. Adesso vale 1.95 volte.

Quando si dice la cialtrneria selvaggia (e i mariouli).

 

 

 

Esatto la cialtroneria selvaggia degli spagnoli con le elite compiacenti...con un 6% di deficit su Pil e la tassa flat per i straricchi....e poi siamo noi i cialtroni...ROB DE MAT!!!...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Giovedì 09 Marzo 2017 18:31

"Quali politiche si possono condurre per invertire questa rotta che porta a sicura catastrofe?"

 

Una semplice scelta politica. Riformando tutto quello che c'è da riformare e adottando lo stesso atteggiamento degli altri paesi

occidentali in tema di contenimento della spesa pubblica e di efficacia dei servizi offerti oppure ritornare al modello craxiano

(personaggio che certi figuri rivogliono indietro) e cioè svalutazione a doppia cifra,abbassamento dei salari,tassazione e redistribuzione

tramite sussidi ai vari elettori che riscuotono cassa.

 

 

 

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Giovedì 09 Marzo 2017 18:07

Ai max 2007 il MIB valeva 2,62 volte l'IBEX. Adesso vale 1.95 volte.

Quando si dice la cialtrneria selvaggia (e i mariouli).

 

 

 

 

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: pana on Giovedì 09 Marzo 2017 17:59

ma come ? non erano controla globalizzazione??

 

OLAF calculated that U.K. customs’ “continuous negligence” deprived the EU of €1.987 billion in revenues in lost duties on Chinese merchandise.

Britain faces a potential €2 billion bill from Brussels after EU investigators found that U.K. authorities turned a blind eye to a massive fraud network that allowed ultra-cheap Chinese goods to flood into Europe.

The EU’s anti-fraud office OLAF, uncovering allegedly one of the biggest fraud rings in its history, concluded that British customs played a central role by repeatedly ignoring warnings to take action over Chinese textiles and footwear pouring into the EU at a tiny fraction of their cost of production.

OLAF calculated that U.K. customs’ “continuous negligence” deprived the EU of €1.987 billion in revenues in lost duties on Chinese merchandise.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Gano di Maganza on Giovedì 09 Marzo 2017 17:54

"Gian, inevce e' il contrario, vogliono interrompere il QE di soppiatto, dando l'impressione di continuarlo."

 

Impossibile interromperlo ora. Devono tenere su l'Europa, costi quello che costi e non sanno che altro fare. 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 17:33

La borsa sale, i gay adottano e i ponti crollano!

rob de matt!

 

 


 Last edited by: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 17:34, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: hobi50 on Giovedì 09 Marzo 2017 16:28

Intanto la borsa sale ed ...io me la devo cavare .

 

Hobi

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: defilstrok on Giovedì 09 Marzo 2017 16:19

Gennaro Zezza per la moneta fiscale

Che dire? non fa una piega. L'unica osservazione che mi sento di fare è che sono scettico. Se ne parla da una montagna di tempo, ma il dibattito sopra l'introduzione di una moneta fiscale rimane confinato tra addetti ai lavori, se non adepti. I politici non ascoltano. Mi piacerebbe pensare che non lo facciano perché già dal 2011 si sono resi consapevoli che la baracca non sta in piedi, e abbiano consumato questi anni (distruggendo economie e persone) per organizzarne segretamente lo smantellamento, e trovare gli accordi tra i partners. Ma so benissimo che è una pia illusione. In ogni caso due aspetti sono certi:

1. a voce non troppo bassa, gli USA (ma accanto a loro si va da Duarte ai cinesi) ma anche il IMF hanno detto che i sono stancati di questa UEM, e che così com'è rappresenta un problema per il mondo intero

2. il tempo utile per evitare il disastro sta ormai per scadere, se pensiamo all'Italia che, oltre ad essere la "zavorra" dell'Europa, è quella che con il suo debito "monstre" pone più problemi. E come ricordava A. E. Pratcher in un articolo pubblicato sul Telegraph il 1 febbraio che riportava uno studio di Mediobanca che qui pubblico, l'osmosi tra debito "Non CAC" e debito "CAC" è un serio allarme per una soluzione che riguardi il nostro paese. O si fa presto o sarà un trauma ancora peggiore 

 


 Last edited by: defilstrok on Giovedì 09 Marzo 2017 16:24, edited 2 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Giovedì 09 Marzo 2017 16:01

Riconosciuta in Italia adozione bimbi da padri gay

Decisione Tribunale minori di Firenze

 

finalmente,sentivamo la mancanza.........

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 14:50

Non saranno entusiasti ma non possono nemmeno dirsi scontenti....

godrà Hobi, che potrà continuare a vendere opzioni in relativa tranquillità


 Last edited by: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 14:57, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Giovedì 09 Marzo 2017 14:47

Dalla reazione non sembrrebbe che gli operatori siano molto entusiasti di questo accomodamento perenne, accomodamento de che? Quello dei cialtroni?

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 14:30

e' impossibile interromperlo del tutto, perchè oltre al nuovo debito emesso, il mercato dovrebbe assorbire pure quello vecchio che temporaneamente era parcheggiato in BC!

Anche qualora si mantenga il QE invariato, via via il mercato deve tornare ad assorbire una quota crescente di debito (nuovo più interessi su quello vecchio)


 Last edited by: gianlini on Giovedì 09 Marzo 2017 14:31, edited 1 time in total.