W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 12:09

Anti, in effetti questo microcosmo di forum rappresenta bene la stato avvilente del mio BelPaese

il M5S fa tutto quello che può per sollevare dalla melma l'Italia

io adoro i miei movimentini, continuano ad andare avanti come un treno schiacciasassi e se ne fregano di quello che dice l'informazione e del futuro politico loro e del M5S , si fa quello che si deve e che è giusto e sticazzi delle conseguenze personali o politiche, si fa quello che fa bene agli italiani

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: antitrader on Martedì 05 Novembre 2019 12:02

Will,

non c'e' niente da fare, solo aspettare che questo ces di paese vada completamente a mignotte.

Non vedi i somari qui sotto che parlano di "incompetenti" come un sallusti o un giordano qualsiasi?

e dove sarebbero mai stati quelli "compententi"? Quelli che ci avrebbero apparecchiato un ces

di paese?

Questi fanno anche l'apologia della plastica, il materiale piu' lurido che sia mai stato prodotto.

Il fatto che poi abbiano i salari piu' bassi d'Europa e i palloni gonfiati piu' pagatin del mondo non

gliene fotte na' minghia, quelli meritano perche' sono "competenti", si si, competenti a rubare.

 

 

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 11:57

nessuno odia la plastica

si odia la plastica da petrolio NON BIODEGRADABILE

SI TASSA SOLO QUELLA

io compro bicchieri di plastica biodegradabile

elementare

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 11:39

su la7 un quarto d'ora di 'M5S merda' in studio, primo collegamento a Taranto, una madre col figlio morto a 16 anni di tumore 'ilva va chiusa e gli operai impiegati nella bonifica della città, siamo stufi di morire per quella fabbrica, e non muoiono solo gli operai ma tutti i tarantini qualsiasi attività abbiano'

imbarazzo in studio , anche in quella puttana della conduttrice ... un paio di minuti di commiserazione per i tarantini e poi si ricomincia 'M5S merda'

 

:-)

 

oggi a Taranto c'è vento, una mamma si sveglia la mattina e decide se mandare il proprio figlio a scuola o tenerlo a casa con le finestre chiuse, col vento si alzano più polveri mortali da quella merda di acciaieria


 Last edited by: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 11:49, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: XTOL on Martedì 05 Novembre 2019 11:27

uno legge questo e automaticamente capisce che siamo governati da una banda di incompetenti tassatori:

 

La professoressa Kim Ragaert dell’Università di Ghent lavora in un team di ricercatori che si occupano di lavorazione dei polimeri e scienza dei materiali.
È una specialista nel settore dell’“uso sostenibile e riciclaggio di polimeri e compositi”.
Nella sua conferenza non solo “difende” la plastica dalla sua inconsulta demonizzazione, ma, dati alla mano, dimostra che si tratta in molti casi del materiale più ecologicamente sostenibile.
RISPARMIO DI CIBO
Ecco alcune informazioni che vi sorprenderanno. Gli imballaggi alimentari: sono davvero inutili?
La professoressa Ragaert dimostra il contrario con qualche esempio: “occorrono meno di due grammi di plastica per confezionare un cetriolo. La confezione prolunga la durata di conservazione, ovvero il tempo per il quale si conserverà in frigorifero, di undici giorni. La durata di conservazione di una bistecca diventa di 26 giorni”.
Da questi due esempi si può calcolare quale montagna di cibo evitiamo di sprecare grazie alla plastica e quanta CO2 evitiamo di emettere, dal momento che “in media la quantità di CO2 emessa per produrre questo imballaggio di plastica è inferiore al 10% della quantità di CO2 già emessa per produrre quel cibo”.
Impedendo lo spreco di cibo, l’imballaggio evita anche emissioni di CO2 che sarebbero “cinque volte superiori a quella emessa per produrlo”.
La professoressa considera poi le alternative alla plastica.
Gli scienziati fanno il confronto non solo considerando la quantità di materiali utilizzata, ma anche calcolando la quantità di suolo, acqua ed energia consumati per fabbricare il prodotto.
Tutto questo si traduce in “un’impronta”.
Si possono infatti calcolare, per ogni prodotto, “le emissioni di CO2, le conseguenze sulla salute umana, sullo strato di ozono, sulla qualità della terra e dell’acqua”.
La plastica – ci dice la specialista – “è un materiale resistente e leggero. Ha metà della densità del vetro, più o meno la stessa densità della carta. Ma grazie alla sua resistenza possiamo fare imballaggi più sottili rispetto agli altri materiali. Nella quasi totalità dei casi l’imballaggio di plastica consumerà molto meno risorse e sarà molto più efficiente in termini di trasporto”.
BOTTIGLIE E SACCHETTI
Consideriamo, ad esempio, le bottiglie: “usiamo circa 24 volte più vetro della plastica per confezionare la stessa quantità di liquidi. E poiché il vetro è più pesante spendiamo quasi il doppio per trasportarlo”.
Anche considerando il riuso, la convenienza della plastica è evidente. Infatti nell’ipotesi peggiore “usiamo sei volte più vetro che plastica”.
Il riutilizzo del vetro inoltre ci pone di fronte a una quantità enorme di materiale per cui occorre utilizzare energia, acqua ed emettere CO2: “il vetro fonde a 1500 gradi centigradi, mentre la plastica usata per le bottiglie fonde a 300. La quantità di energia necessaria per produrre bottiglie di vetro è sbalorditiva”.
Passiamo ai sacchetti di plastica per la spesa. In molte città sono ormai proibiti. Ma anche qui il confronto con gli altri materiali è sorprendente.
Prendiamo lo scenario peggiore per la plastica: un sacchetto nuovo che poi gettiamo dopo un solo uso. Contrapponiamolo al migliore scenario della carta: un sacchetto fatto di carta riciclata che verrà nuovamente riciclato dopo l’uso.
“Il sacchetto di plastica” spiega la professoressa “pesa 20 grammi, quello di carta 50. La carta richiede molta più energia per essere prodotta e riciclata, inoltre consuma acqua, terra e alberi. Se calcoliamo l’impronta di quel minuscolo sacchetto di plastica che buttiamo via è così piccola che sarebbe necessario riutilizzare il sacchetto di carta ben 4 volte perché fosse ecologico come il sacchetto di plastica. E nessuno usa quattro volte lo stesso sacchetto di carta”.
E allora il robusto sacchetto di cotone? Anche in questo caso la professoressa fornisce dati stupefacenti: “la produzione di cotone richiede un utilizzo così intensivo di terreno e di acqua che sarebbe necessario riutilizzare quel sacchetto di cotone oltre 170 volte per giungere a un punto di pareggio ambientale. Oltre tre anni consecutivi di spesa”.
La scelta migliore è la borsa di plastica riutilizzabile: “quelle più robuste raggiungono il punto di pareggio ambientale dopo 20 utilizzi. Dopo i sei mesi tutto quello che segue è un guadagno per l’ambiente”.
BANDIRE LA PLASTICA?
Tuttavia, si dirà, i rifiuti di plastica sulle spiagge e negli oceani fanno orrore. Vero. Ma la colpa è della plastica o degli uomini?
Se cominciassimo a gettare in mare le vecchie auto, l’inquinamento che produrremmo dovrebbe indurci a smettere di fabbricare auto o a cambiare la pessima abitudine di gettarle in mare?
La professoressa ci dà un’ultima informazione: “gli scienziati hanno calcolato che se dovessimo vietare tutti gli imballaggi di plastica e sostituirli con alternative di carta, vetro e alluminio, la quantità di materiali richiesti, la quantità di energia e le emissioni di CO2, sarebbero immense. Quindi vietare la plastica non è certamente la strada da seguire”.
Ma – si obietta – la plastica non si degrada. “E perché dovrebbe?” chiede la professoressa. “Neanche i metalli si degradano. La plastica è una risorsa funzionale e preziosa come i metalli. Si può riciclare e recuperare”.
Le vie del riuso sono infinite. Dunque si può smettere di odiare la plastica. Non va messa al bando la plastica, ma l’irragionevolezza.
ORGOGLIO ITALIANO
La plastica è una straordinaria invenzione che ha migliorato la nostra qualità della vita e bisogna ringraziare di ciò specialmente un italiano, l’ingegnere chimico Giulio Natta, del Politecnico di Milano, che si guadagnò il premio Nobel nel 1963 proprio per i suoi studi nel campo della tecnologia dei polimeri.
Aveva “scoperto il polipropilene”, uno degli idrocarburi insaturi ricavabile dal petrolio. Natta è stato definito per questo “il papà della plastica” ed è l’unico italiano ad aver ricevuto il Nobel per la chimica. Dovremmo esserne orgogliosi.

 

https://www.youtube.com/watch?v=8pvtzlYoFN4

le magliedilana sono teste di cazzo che sacrificano le vite altrui nella speranza di guadagnare spiccioli di sopravvivenza


 Last edited by: XTOL on Martedì 05 Novembre 2019 11:28, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Martedì 05 Novembre 2019 11:27

QUesti 5 stelle si stanno rivelando più perniciosi del PD, e sì che ce ne voleva!

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Martedì 05 Novembre 2019 11:23

Certo Gianlini, mancano quei ministri che nell'occasione avrebbero fatto un appello all'accoglienza.

 


 Last edited by: muschio on Martedì 05 Novembre 2019 11:29, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 11:23

stanno tutti a sparare sul M5S e sulla Lezzi 

una novità

:-)

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Martedì 05 Novembre 2019 11:11

Jhwh è  fra noi...

E ha una parola di conforto per tutti noi....

"Una preghiera e un pensiero per i vigili del fuoco morti questa notte e un abbraccio alle famiglie e ai colleghi feriti. Onore a chi mette in gioco la propria vita per salvare quella degli altri, l'Italia piange per Voi". Così Matteo Salvini, leader della Lega ed ex ministro dell'Interno, commenta la tragedia di Quargnento, nell'Alessandrino.


 Last edited by: gianlini on Martedì 05 Novembre 2019 11:16, edited 1 time in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 10:58

Beppe riportava solo quello che hanno fatto i tedeschi per situazioni simili, sono esempi di successo , non sconclusionati

in ogni caso ilva è decotta, moribonda, anzi morta, non ha il benché minimo senso e nessuno al mondo vorrebbe buttarci miliardi, in ogni caso per quegli sfortunati tarantini tocca avere altre ideone, se tu Muschio ne hai magari al posto delle tue solite cazzte scrivine almeno una

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: Bullfin on Martedì 05 Novembre 2019 07:47

Eh lui fa presto a parlare....la panza ce l'ha sempre piena....

FULTRA 10 MARZO 2020: Qui sotto la fotocopia dal vero "cialtrone medio italico" : Antitrader. Fatene una copia del pensiero per i posteri e quando tra 50 anni vorranno capire perchè l' talia sia finita miseramente

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: muschio on Martedì 05 Novembre 2019 06:42

Willis, sempre a scrivere cazzate!

Gli operai della ILVA non si sfamano coi discorsi sconclusionati da "Alice nel paese delle meraviglie" del grandioso Beppe!

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 04:31

Ma gli indiani non dovevano fare l'acciaio con l'idrogeno?

--------

pensano di farlo ad Amburgo (https://www.siderweb.com/articoli/industry/702446-arcelormittal-idrogeno-per-l-iron-ore ) copiando gli svedesi  ( http://www.hybritdevelopment.com/, nella brochure dicono 'HYBRIT – short for Hydrogen Breakthrough Ironmaking Technology – is a joint venture between SSAB, LKAB and Vattenfall, aiming to replace coal with hydrogen in the steelmaking process.') ... ci sono tanti modi per produrre acciaio , in Svezia vogliono utilizzare idrogeno da rinnovabili eliminando così il 10% delle emissioni di co2 TOTALI svedesi ... gli indiani producono altrove già oggi acciaio con l'elettricità

gli indiani non ci pensano proprio ad usare idrogeno o elettricità rinnovabile al posto del carbone da noi, convertire completamente Taranto è impossibile e comunque troppo costoso, è un impianto di merda assassino condannato dalla Corte Europea dei diritti dell'Uomo il 24 gennaio di quest'anno per omicidio plurimo, anche non toccandolo e lasciandolo ammazzare tarantini è comunque già oggi fuori mercato, ecc. ecc. ... come diceva Beppe ci facciamo un bel parco giochi, o si può decidere un bel museo industriale o lo radiamo al suolo o quello che si vuole, la Ruhr crucca è piena di acciaierie cokerie schifezze varie dismesse e recuperate in vari modi ( https://www.avvenire.it/agora/pagine/germania-miniere-e-cultura-la-rinascita-della-ruhr ), quello che di sicuro non si può e non si deve fare è continuare a far finta di niente ed ammazzare la gente come predica quella enorme testa di cazzo di bentivogli

:-)

comunque si può sopravvivere senza acciaio, come ho scritto prima i jap vogliono utilizzare roba ottenuta da cellulosa che paragonata all'acciaio è un milione di volte meglio ...

 

 


 Last edited by: lmwillys1 on Martedì 05 Novembre 2019 04:53, edited 5 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: gianlini on Lunedì 04 Novembre 2019 23:52

Certo che se uno si aspetta che dandogli la immunità penale e non legandola a specifici progressi, questi si sarebbero messi a sanare l'impianto.....

Ben ha fattto ora il governo a togliergliela e costringerli a scendere a patti (non credo che rinuncino a produrre 11 milioni di tonnellate l'anno ....ai prezzi attuali sono circa 5 miliardi di fatturato*).

La conseguenza sarà la negoziazione di un piano di revamping dell'impianto, con precise scadenze temporali e relativi "esoneri penali" legate a queste fino ad ottenere finalmente un impianto in linea con gli standard europei.

 

*  10 mila lavoratori a 30,000 euro l'anno equivalgono a 300 milioni - una spesa sopportabilissima dallo stato italiano, se Arcelor vuol rinunciare a 5 miliardi l'anno


 Last edited by: gianlini on Lunedì 04 Novembre 2019 23:59, edited 4 times in total.

Re: W l'Italia...l'Italia che lavora (De Gregori)  

  By: lmwillys1 on Lunedì 04 Novembre 2019 23:11

(ANSA) - BARI, 4 NOV - La fabbrica "uccide cittadini e operai" ed "è totalmente illegale come dimostra lo stesso management di Arcelor Mittal che senza una immunità penale speciale, che esisteva in Europa solo per loro e che non è consentita a nessun'altra azienda, intima con arroganza allo Stato italiano di riprendersi la fabbrica entro 30 giorni". Lo afferma il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dopo l'annuncio di ArcelorMittal di voler lasciare la gestione del siderurgico di Taranto. "Il nostro ordinamento - evidenzia Emiliano - già prevede la non punibilità di chi osserva la legge, e ricordo a me stesso che l'Aia (Autorizzazione integrata ambientale) in Italia è legge dello Stato e che tutti gli atti per il suo adempimento sono legittimi per definizione e quindi immuni dal diritto penale".