Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Sabato 10 Dicembre 2016 00:12

"il capitalismo, attraverso competizione e collaborazione, crea ricchezza e la ricchezza moltiplica i parassiti

ciclicamente i parassiti diventano così numerosi da diventare un peso insostenibile

allora (come ora) i produttori di ricchezza si ribellano e, se vincono la guerra, si ritorna a produrre ricchezza

se non vincono, allora si distribuisce: la miseria

la legge è questa."

 

il capitalismo, attraverso competizione e collaborazione, crea ricchezza . La concorrenza tra produttori insomma, è la base stessa dell’efficienza produttiva della società. Solo se in ogni ramo della produzione e del lavoro i migliori (coloro che operano meglio, alla prova dei fatti) possono affermarsi a scapito dei peggiori, si potrà ottenere il massimo profitto possibile con vantaggio della comunità intera (anche se, chiaramente, ai danni dei competitori perdenti).Però,però......senza regole,la concorrenza può essere sleale,può creare ricchezza ai singoli,ma povertà alla comunità,per sfociare nell'anarco-capitalismo,capitalismo dei monopoli,capitalismo dei compari.........

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 Last edited by: traderosca on Sabato 10 Dicembre 2016 00:13, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: DOTT JOSE on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:57

sono i lavoratori a produrre ricchezza, non certo il capitalismo, 

Un dossier sempre più nutrito di prove empiriche alimenta il sospetto che avesse ragione. È tristemente facile imbattersi in statistiche secondo cui i ricchi stanno diventando sempre più ricchi mentre la classe media e i poveri stanno a guardare. Secondo uno studio pubblicato nel 2012 dall’Economic policy institute, nel 2011 il reddito mediano annuo di un lavoratore maschio a tempo pieno negli Stati Uniti era di 48.202 dollari, meno che nel 1973. Tra il 1983 e il 2010 il 74 per cento dell’aumento di ricchezza negli Stati Uniti è finito nelle mani del 5 per cento più ricco della popolazione - See more at: http://fondazionepintor.net/dibattito/comunismo/timeMarx/#sthash.AKQDP02r.dpuf

 

 

http://fondazionepintor.net/dibattito/comunismo/timeMarx/

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: XTOL on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:40

il capitalismo, attraverso competizione e collaborazione, crea ricchezza e la ricchezza moltiplica i parassiti

ciclicamente i parassiti diventano così numerosi da diventare un peso insostenibile

allora (come ora) i produttori di ricchezza si ribellano e, se vincono la guerra, si ritorna a produrre ricchezza

se non vincono, allora si distribuisce: la miseria

la legge è questa


 Last edited by: XTOL on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:43, edited 1 time in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:36

Nello non cè problema, la crudezza è il mio campo: sono sostanzialmente un nichilista. Anzi ringrazio sia te sia Lutrom per la solidarietà...

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:09

Morphy e Gianlini,

sul fatto che questo sia il capitalismo, non vi è alcun dubbio. Così come non v'è dubbio che le cose, in quel particolare settore (IT), a breve non cambieranno, Trump o non Trump.

Io rispondevo ad una osservazione di Gano, che giudico sbagliata e contraria alla realtà delle cose.

 

Morphy,

una vicenda molto, ma molto simile alla tua è accaduta, pochi anni orsono, a persone a me assai prossime: lei (quarantenne, piacente, oca) si prese una sbandata per un aitante puledro, d'una dozzina d'anni più giovane, e, in quanto oca, per lui lasciò marito e figlio.

Credo di poterti anticipare quel che già sai, ovvero come andrà a finire la storia: il giovane ganzo (disoccupato, incapace, immaturo, ma non totalmente cretino), dopo essersi divertito a sufficienza, stufo dell'oca che gli sta addosso ogni momento e che gli fa capire che vorrebbe "costruire qualcosa di serio", le darà un meritato calcio in culo senza tanti complimenti e la sostituirà con una ragazza che dell'oca - sommo spregio - potrebbe essere la figlia. L'oca resterà con il moccolo in mano: sola, con il figlio, sputtanata; a quel punto, se le resta un barlume di lucidità (SE; a quella che conosco io quel barlume, purtroppo, non è rimasto), dopo un periodo di amaro ripensamento si farà viva con te.

Scusa la crudezza del discorso, ma ...


 Last edited by: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 23:40, edited 4 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lutrom on Venerdì 09 Dicembre 2016 22:19

Quando leggi Morphy senti umanità (poi magari uno può non condividere), quando leggi Anti senti acida stronzaggine del cialtrone che dice: "So tutto io"...

 

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: Morphy on Venerdì 09 Dicembre 2016 21:58

Nello, il capitalismo è così. La competizione c'è a tutti i livelli e in tutti i settori, silicon valley o non silicon valley. La gente pensa che le democrazie mettano al riparo la gente dalle ciniche leggi della natura. Pensavamo di esserci affrancati da queste e invece non è vero. Le leggi della natura sono vive e vegete, vegetano tra di noi e non sono mai morte. E' il capitalismo bellezza, è la giunga, è la cialtroneria umana, chiamala come vuoi ma c'è sempre un tizio pronto a pugnalarti.

 

Pensa cosa mi è successo stasera. La mia ex moglie organizza il compleanno di mio figlio (decimo anno), in un posto bellissimo attrezzato per queste cose (gonfiabili e chi più ne ha più ne metta). Dico io, dopo tante angherie ricevute dalla mia ex ho l'occasione di far godere a mio figlio il senso di famiglia che non ha mai avuto per pochi attimi in un singolo giorno. Un sogno, una piccola cosa che potevamo regalargli. Un piccolo sforzo che un adulto può sopportare. Ha invitato tutti i suoi compagni, ha organizzato tutto senza chedermi nessun aiuto. Si è fatta aiutare dal nuovo fidanzato che ha 12 anni in meno di lei (per cui un trentenne disoccupato e incapace) e lo ha invitato al compleanno. Era li presente ha ricevere i genitori dei bambini in mia vece. Io sono arrivato, e come un cretino, di nascosto da mio figlio me ne sono ovviamente andato dopo pochi minuti. C'è un limite a tutto, e prima di tutto viene la dignità. Umiliato nel peggiore dei modi. Non c'è problema oramai ho perso il conto di quante angherie mi ha fatto.

 

Questo è il mondo moderno. Gente incapace protetta dalle stupide regole, da una stupida "legge", gente che scorrazza libera di fare ogni tipo di fesseria. Gente maleducata e priva di sensibilità.

 

Ma che cazzo di teorie tirate in ballo, quando il genere umano è una cloaca. Te la do io la redistribuzione, si redistribuisco la fauna umana con il lanciafiamme...


 Last edited by: Morphy on Venerdì 09 Dicembre 2016 22:31, edited 5 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: gianlini on Venerdì 09 Dicembre 2016 21:35

Al momento le borse dicono che non cambierà affatto la capacità delle corporation americane di assumere risorse a costo inferiore al posto di quelle (presumibilmente non giovani e "locali") più costose.

Anzi, tutto quello che è capitato negli ultimi 6-7 anni sembra destinato ad accelerare e non cambiare, sempre a giudicare dall'euforia di Wall Street.

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 20:46

Anti, il tizio aveva 40 anni, ma gli altri del suo team? E le altre centinaia che sono stati licenziati, sempre lì alla Disney? E le altre migliaia e migliaia nel resto degli USA?

I lavoratori nel settore IT che sono stati rimpiazzati da neodiplomati asiatici sono migliaia e migliaia (la vicenda della Disney non è per nulla straordinaria; ciò che ha fatto scalpore è il fatto che i licenziati hanno dovuto addestrare coloro che li avrebbero sostituiti: uno autentico schiaffo); e la verità è che non c'entra (generalmente) l'età, quello che fa la differenza è la busta paga.

Che poi questa sia una evidente e didattica dimostrazione della natura più intima del capitalismo, non lo metto in discussione.

 

Sta di fatto che la vicenda in questione è in netto contrasto con l'affermazione iniziale:

 

E' proprio un palazzinaro. Ma questo lo sa che gli USA sono sciti dalla crisi ad opera di Goog, Aapl, Fb, Amzn, Msft etc...?

 

Il palazzinaro è stato votato, ed è diventato presidente, proprio perché l'America (intesa come: i lavoratori americani) NON è uscita dalla crisi e proprio perché Goog, Aapl, Fb, Amzn, Msft hanno certamente arricchito sé stessi e Wall Street, ma non gli americani.

E quindi il palazzinaro ha perfettamente ragione a non chiamare i tizi di SIlicon Valley nel suo Consiglio Economico


 Last edited by: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 20:52, edited 4 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Venerdì 09 Dicembre 2016 20:35

"in attesa della catastrofe finale, definitiva e irreversibile (e' sempre il capitalismo bellezza)."

Anti (terun)

certo non può essere il comunismo perchè la catastrofe è già avvenuta e pure definitiva e irreversibile...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 09 Dicembre 2016 20:20

Vedi? Se tenti di spiegare qualcosa a un capitalista alla vaccinara la butta in psicologia (praticamente le boiate). Il capitalismo in Italia e' sempre stato visto esclusivamente come argine al Comunismo perdendo di vista quelli che sarebbero stati gli effetti nefasti, funesti e inevitabili del capitalismo.

Adesso quelli (i capitalisti alla vaccinara) son diventati tutti comunisti (seppure a loro insaputa). Quando esageri nel pretendere i famigerati "diritti" allora sei di fatto un Comunista seppure ancora allo stato latente. L'unico diritto che il capitalismo deve riconoscere A TUTTI  e' il salario di cittadinanza eliminando quelle boiate quali cassa integrazione, mobilita' etc... tra le quali sguazzano i sindacati e quelli che fanno i corsi (li chiamano "formatori" (formatori de che?)).

 

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: lutrom on Venerdì 09 Dicembre 2016 20:06

Antisomar, che pure su alcuni aspetti ha ragione, sembra un bambino che gode quando stacca le gambe agli insetti o le ali alle farfalle... Poveraccio, ha bisogno di cure ma non lo sa...

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: antitrader on Venerdì 09 Dicembre 2016 19:42

Manganello, e' proprio il caso di dirlo: e' il capitalismo bellezza (e il Comunismo non lo hai voluto). Se il tizio dell'articolo che hai postato (che potevi lasciare in lingua originale perche' qualsiasi traduzione degrada il contenuto informativo), se il tizio aveva 20 anni di esperienza vuol dire che aveva almeno 40 anni, giusto? Ecco, a 40 anni un softwarista che programma giochi o altre applicazioni hardware-sensitive e' vecchio e deve essere messo a riposo altrimenti non riesci a competere con Nintendo o Sony che dir si voglia. Non tutti possono diventare capi divisione o ceo per cui una feroce mattanza diventa inevitabile (e' ancora il capitalismo bellezza). Hai visto la fine che ha fatto la patria dei "diritti" ? Un paese di pensionati, faccendieri, comuncatori, tronisti, escort, gigolo' e mariuoli, in attesa della catastrofe finale, definitiva e irreversibile (e' sempre il capitalismo bellezza).

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 17:25

Qualcuno afferma che americani ed europei non sarebbero più in grado, né avrebbero voglia, di fare i programmatori.

Ovviamente non è vero.

 

Nel mese di marzo del corrente anno 2016, presso il Senato degli Stati Uniti d’America, si è svolta un’audizione della “Sottocommissione per l'Immigrazione e l'Interesse Nazionale”, interamente dedicata al problema della presunta carenza di lavoratori con adeguate competenze nei settori delle scienze, tecnologia, ingegneria e matematica (in americano: STEM). “Presunta” perché, come sempre, la carenza non sta nel numero dei lavoratori, bensì nel compenso con cui si vorrebbero retribuire tali lavoratori.

Riporto nel seguito il titolo di un articolo (in inglese) che parla dell’audizione e poi, dato che qualcuno ha più volte vantato la propia incapacità di comprendere l’inglese, traduco un passaggio MOLTO SIGNIFICATIVO dell’articolo de quo.

 

 

Il momento più toccante dell’audizione è stato la testimonianza di Leo Perrero, un operatore nel campo della tecnologia dell'informazione (IT) con 20 anni di esperienza, oltre 10 dei quali presso la Disney.

Con voce rotta dall'emozione, Perrero ha raccontato di come fu convocato, nel 2014, a un incontro con un alto dirigente della società. In considerazione delle sue pregresse eccellenti valutazioni, Perrero si presentò al colloquio convinto che avrebbe ricevuto una gratifica o una promozione. Al contrario, fu freddamente informato che il suo lavoro sarebbe terminato di lì a 90 giorni e che, per soprammercato, avrebbe dovuto collaborare alla formazione del proprio sostituto, pena la perdita della liquidazione. "Tutte le persone del mio gruppo,insieme a centinaia di altri dipendenti, sono stati sostituite da lavoratori stranieri meno qualificati, importati nel nostro paese utilizzando i visti H-1B (permessi temporanei di lavoro – ndr)", ha detto Perrero. " Gli ex dipendenti della Disney, con competenze e conoscenze di gran lunga superiori, sono stati i formatori, e i lavoratori stranieri alla loro prima esperienza nel campo della tecnologia sono stati i tirocinanti. "Durante l’intero periodo della formazione – racconta Perrero - lui ei suoi colleghi "si sono sentiti profondamente umiliati".

Al termine, il sen. Sessions ha chiesto a Perrero se lui o uno qualsiasi dei suoi colleghi licenziati aveva trovato un nuovo lavoro meglio retribuito, come dirigente o altro; “No, nessuno” è stata la risposta di Perrero.

 

P.S.: cosa c'entrano i SENEGALESI?


 Last edited by: NelloManga on Venerdì 09 Dicembre 2016 17:31, edited 3 times in total.

Re: Next is Italy, La Prossima è l'Italia  

  By: traderosca on Venerdì 09 Dicembre 2016 16:11

"Al contrario di chi fa software gestionali, contabilita' etc.. dove basta un mezzo somaro,..."

tel chi el terun....